laRegione
flavio-cotti-gli-esteri-la-sua-vocazione
A Castelgrande nel 1991 con Rene Felber, Adolf Ogi, Otto Stich, Jean-Pascal Delamuraz, Arnold Koller e Kaspar Villiger (Keystone)
16.12.20 - 21:21
di Monica Piffaretti

Flavio Cotti: gli Esteri, la sua vocazione

Allora come oggi, la matassa delle relazioni fra Confederazione e Ue resta il tema numero uno per chi dirige gli affari esteri

L’ultima volta che Flavio Cotti è apparso in pubblico era stato per salutare il nuovo consigliere federale ticinese Ignazio Cassis che, fresco di elezione, arrivava in treno da Berna. La sua salute era già traballante, ma era venuto alla stazione di Bellinzona e il Ticino aveva apprezzato. Ne avevamo attesi di anni! Ogni volta che in governo c’era una vacanza, la Svizzera italiana bussava alla porta della stanza dei bottoni, ricordando che la Confederazione è un paese plurilingue e che lo doveva dimostrare nei fatti. E ogni volta si tornava a lui, a Cotti, l’ultimo della serie per quasi vent’anni: brillante politico, tattico, elegante, pienamente nel solco della grande democrazia cristiana europea, quando i democristiani in Consiglio federale erano ancora due.  Dopo la carriera cantonale era volato in Consiglio nazionale ed era diventato presidente del Pdc, un trampolino ideale per raggiungere l’ambita vetta. Visti ora, gli anni federali di Cotti sono davvero lontani.

Allora la Svizzera era un gioiellino

Non solo perché tanti problemi di allora oggi – negli incertissimi tempi del Coronavirus – sembrano più affrontabili e gestibili, ma anche perché la Svizzera era allora il gioiellino nel cuore dell’Europa che poteva chinarsi con una certa calma su dossier politici cruciali di quel periodo. La guerra fredda era stata archiviata e il Muro di Berlino era caduto. Un periodo che vedeva anche l’Unione europea creare il mercato unico e successivamente coniare l’euro, facendoci temere la possibilità di un pericoloso isolamento, che però non si è avverato. Pensiamo ai lunghi negoziati sullo Spazio economico europeo, poi sfociati nell’accordo respinto in votazione popolare con la vittoria dei blocheriani nel 1992. Nella compagine di governo, Cotti non era un euroturbo: sentiva che il paese un po’ voleva e un po’ no, ma per finire appoggiò l’accordo pur senza l’entusiamo incondizionato che caratterizzava invece altre personalità di spicco come il vodese Jean-Pascal Delamuraz e il neocastellano René Felber. Fu prima ministro della socialità e dell’ambiente, ma la sua vera vocazione è stata quella di ministro degli esteri.

A suo agio sui palcoscenici mondiali

Lo si vedeva sui palcoscenici mondiali particolarmente a suo agio, offriva i buoni uffici, gestiva i contatti con la facilità del poliglotta navigato e attento alle sottigliezze della diplomazia. Vi furono sì grossi scossoni e scandali, come la rovinosa caduta di Elisabeth Kopp o lo scandalo delle schedature, ma niente di così sistemico come quanto stiamo vivendo oggi. Il dossier più
torrido sul suo tavolo fu certamente quello degli averi ebraici depositati nelle banche svizzere e degli affari della Banca nazionale con il regime nazista, una crisi che rischiò di danneggiare gravemente l’immagine della Svizzera. Con altri attori fra politici, negoziatori e storici, egli riuscì a disinnescarne la miccia. Fu anche il presidente del Settecentesimo, un momento felice di una Svizzera che celebrava le proprie radici, ma che si voleva decisamente moderna e innovatrice. Lo ricordiamo affrescare il domani del nostro paese sotto la tenda di Botta, a Castelgrande. Immagini che restano nei libri di storia. La grande analogia fra il lavoro di Cotti e quello dell’attuale rappresentante ticinese a Berna è che la matassa delle relazioni fra la Confederazione e l’Ue resta il tema numero uno per chi dirige gli affari esteri. Ostico allora, ostico oggi. E gli svizzeri a chiedersi: quo vadimus?

Leggi anche:

È morto Flavio Cotti, già consigliere federale

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
confederazione flavio cotti relazioni svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
21 ore
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
2 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
3 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
4 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
5 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
6 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
© Regiopress, All rights reserved