laRegione
09.12.20 - 06:00
Aggiornamento: 17:19

Correggere la miopia di certe casse malati

Intollerabile che i pediatri devono battagliare con alcune assicurazioni per curare i loro giovani pazienti oncologici

correggere-la-miopia-di-certe-casse-malati
Cure accessibili a tutti, basta discriminazioni tra casse malati (Ti-Press)

Una brutta storia (seppur con un lieto fine) quella della famiglia del Mendrisiotto che si è vista negare dalla cassa malati la copertura di importanti cure antitumorali per il figlio 12enne. Dopo un primo ‘niet’, la cassa malati aveva fatto ‘dietrofront’ e i tremila franchi di farmaci sono stati coperti dalla complementare. Una soluzione raggiunta solo perché l’oncologo curante (il dott. Pierluigi Brazzola dell’ospedale San Giovanni di Bellinzona) dopo mesi di discussioni e dopo aver perso anche l’ultimo barlume di speranza, aveva deciso di raccontare la storia al nostro giornale. La pressione mediatica e la generale indignazione hanno probabilmente sbloccato il braccio di ferro portando qualche manager dell’assicurazione a rivedere la sciagurata decisione. Non si parlava di terapie ultramoderne dai costi esorbitanti, ma di un medicamento per evitare recidive da usare in una modalità nuova, con possibili vantaggi, a un costo irrisorio.

Questa storia aveva commosso il Ticino provocando un’onda di solidarietà tale da raccogliere in pochi giorni 40mila franchi. Era il 15 luglio del 2018. Oggi, il ragazzo sta bene e la sua famiglia ha tirato un sospiro di sollievo. Una storia a buon fine non significa però un problema risolto. Negli ultimi due anni e mezzo, concretamente non è cambiato nulla. Gli oncologi pediatrici continuano a vedersi rifiutare determinate cure oncologiche, succede circa nel 10% dei casi. Succede perché l’esiguo numero di bambini affetti da tumore (300 l’anno) rispetto agli adulti, rende meno allettante per l’industria farmaceutica sviluppare farmaci specifici per loro. Di conseguenza per la loro cura si devono spesso usare farmaci approvati solo per gli adulti, farmaci omologati non in Svizzera e magari anche per altre patologie. La maggioranza delle casse malati non fa storie, anche se per legge potrebbe farle, perché sa che funziona così. Purtroppo aumentano quelle che, peccando in eccessivo formalismo, perdono di vista l’etica, dimostrano una irresponsabile miopia mettendo così in ginocchio famiglie già provate da pesanti sofferenze.

Siamo tutti d’accordo che non si può fare una battaglia mediatica per ogni farmaco oncologico salvavita non coperto in pediatria. La soluzione va trovata per tutti, in modo che non ci siano discriminazioni per gli assicurati. Tutti devono poter avere un accesso equo a cure importanti. Determinante è intervenire su quel sistema, che permette zone grigie, dove un’assicurazione legalmente può decidere di non pagare un farmaco ‘off label’ salvavita a un dodicenne. Incomprensibile anche alla luce delle mega riserve, ben oltre quanto sancito dalla legge, accumulate dalle casse malati. 

L’allarme dal Parlamento è arrivato all’Ufficio federale della sanità che ha capito che deve metterci una pezza, speriamo che lo faccia celermente. Ogni settimana in Svizzera un bambino muore di tumore. Agli oncologi serve una lista di farmaci, anche non omologati in Svizzera, che tutte le casse malati sono obbligate a rimborsare. Sembra che la buona volontà ci sia da parte di tutti, ma diamoci una mossa, perché tante famiglie stanno vivendo sulla propria pelle le lacune del legislatore e la miopia di chi applica le regole alla lettera pur sapendo che sono eticamente scorrette.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
5 ore
I 70 anni di Putin e i bivi della Storia
Sta lasciando il Paese peggio di come l’ha trovato, in crisi e in guerra. Cosa sarebbe accaduto se Eltsin avesse scelta il liberale Nemtsov al suo posto?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
13 ore
Il disastro rimosso
I cambiamenti climatici non sono proprio in cima alle preoccupazioni degli svizzeri. L’analfabetismo politico non aiuta
il commento
1 gior
La monarchia delle banane
Divieti assurdi, arresti e comici censurati: il lutto a oltranza del Regno Unito per Elisabetta II è sconfinato nella caricatura di dittature tropicali
Commento
2 gior
Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida
Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
3 gior
Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto
Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
3 gior
L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi
Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
4 gior
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
6 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
6 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
1 sett
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
© Regiopress, All rights reserved