laRegione
laR
 
05.12.20 - 06:00

Blitz di via Borghetto: e ora?

Tutto è successo in pieno centro a Lugano, a due passi dalla cattedrale di San Lorenzo e dalla centrale nevralgica della Diocesi

di Matteo Caratti
blitz-di-via-borghetto-e-ora

Ma allora cos’è davvero successo un paio di settimane fa in via Borghetto? La partenza blitz di un alto prelato della diocesi (personalità di primo piano, già ‘vice’ vescovo ed ex rettore della facoltà di teologia) dal suo domicilio, avvenuta sotto gli occhi di alcuni passanti, ha provocato enorme stupore. Poliziotti in azione in direzione della Procura, come mai? L’iniziale stupore si è però trasformato in shock non appena sono stati resi noti i capi d’accusa – sequestro di persona, coazione e lesioni semplici per condotta omissiva – soprattutto in chi conosce da vicino l’anziano sacerdote e studioso tanto che da subito non sono mancati coloro che si sono detti pronti a mettere per lui la mano sul fuoco nella convinzione che il monsignore non avrebbe mai fatto del male nemmeno a una mosca. E poi? E poi si è mosso il suo avvocato difensore che si è detto sereno mettendo persino in dubbio che, nella fattispecie, esistano elementi di rilevanza penale. Sarà anche capace a fare bene il suo mestiere, ma spingersi sino a dire che i paragrafi del codice penale non c’entrano è linea di difesa abbastanza radicale. Si vedrà quali carte ha in mano e si capirà meglio. Gli amici (sacerdoti e laici) hanno infatti piuttosto posto l’accento sul fatto che dovrebbe trattarsi di una questione per lo più di natura civile e non penale. Nel senso che il monsignore (il cui appartamento è stato comunque trovato in pessimo stato con un disordine indescrivibile e scatole su scatole comandate via posta) avrebbe dovuto avere piuttosto e semmai qualcuno che si occupasse di lui e delle sue problematiche legate all’età. Insomma, una sorta di tutore. Ma mai e poi mai, anche per costoro, egli avrebbe commesso dei reati. Non da ultimo è emersa la questione della presenza di una donna nell’abitazione, elemento questo, abbinato al fatto che l’appartamento da lui occupato si trova a un tiro di schioppo dalla sede episcopale. Un dato di fatto importante che ha alimentato alcuni interrogativi nei confronti della curia. Sapevano, quanto sapevano, sono intervenuti? Le domande, ancora una volta non penali, ma riferite piuttosto al severo magistero della chiesa, sono rimaste tali.

Intanto la procura dirà, verosimilmente attraverso un decreto (d’accusa o di abbandono) e un eventuale processo, se e cosa avrà trovato di penalmente rilevante. Avesse preso un abbaglio, finirà inevitabilmente sotto i riflettori anche solo per i modi utilizzati. Il monsignore lo si sarebbe potuto ‘più tranquillamente’ convocare in procura evitando i pubblici riflettori?

Se poi l’accusa dovesse sciogliersi come neve al sole, la polemica sarà servita su un piatto d’argento per una magistratura che già naviga in acque parecchio agitate. Quanto ai vertici della diocesi, comunque vada, la situazione ha fatto emergere in primo piano perlomeno due questioni: quella della solitudine dei preti, anche di quelli che vivono nella porta accanto e in città. Immaginiamoci quella di chi vive in fondo a una valle! Solitudine abbinata all’invecchiamento e alle difficoltà di accorgersi – se del caso – per tempo di talune derive. Certo, il tema sociale e umano è comune a una buona fetta della società, colpita dall’invecchiamento. Normale perciò che anche la chiesa lo valuti approfonditamente. Ma tutto ciò – e questo fa la differenza – è successo in pieno centro a Lugano, a due passi dalla cattedrale di San Lorenzo e dalla centrale nevralgica della Diocesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
18 ore
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
18 ore
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
1 gior
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
2 gior
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
2 gior
Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata
Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
3 gior
Neutralità tra coerenza e opportunismo
Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
5 gior
Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas
La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
Il commento
6 gior
Razzismo e negazionismo: ho sognato che era tutto vero
Qualche considerazione – onirica e no – partendo dal documentario ‘Je suis noires’, della regista svizzera Rachel M’Bon
IL COMMENTO
6 gior
Sentenze, audit (Unitas)... opacità di Stato
Nonostante sia ancorata a una legge cantonale, la trasparenza resta in diversi casi l’eccezione
IL COMMENTO
1 sett
Sementina fra condanna, debolezze e rimedi
Dopo la prima tappa in Pretura penale, il caso potrebbe proseguire in Appello. Sul piano cantonale s’impone un’ampia analisi delle lacune
© Regiopress, All rights reserved