laRegione
cosi-parlo-il-comandante-cocchi
laR
 
01.12.20 - 06:00

Così parlò il Comandante (Cocchi)

Stupefacente incapacità nel rappresentare in modo convincente e dignitoso le istituzioni cantonali in un momento di crisi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Leggendo un articolo, o una presa di posizione, capita a volte che mi dica ‘Accidenti, quel testo avrei voluto scriverlo io. La penso proprio così’. È esattamente quanto mi son detto dopo aver letto l’analisi del collega Roberto Antonini che pure pubblichiamo oggi su questa pagina (appena sopra) e che mi ha stuzzicato a sottolinearne il contenuto in questo trafiletto.

Al centro del suo commento c’è (riprendo le parole del collega) la strampalata risposta data dal comandante della Polizia cantonale, Matteo Cocchi, alla collega della Rsi (che non si sa come abbia fatto a rimanere seria e glielo si leggeva in faccia). Un complimento quindi a Christelle Campana per l’aplomb, mica facile... Certo, sarà anche che, dopo il fatto di sangue alla Manor di Lugano, si è voluta indire una conferenza stampa in fretta e furia, producendo tanto fumo senza nemmeno una fettina di arrosto, ovvero senza poter dire nulla di nulla perché le danze le conduceva Berna, finendo per trovarsi davanti ai mass media in una posizione parecchio scomoda.

In diretta tivù, con mezzo Ticino attaccato allo schermo, è quindi affiorato uno strano iceberg. Mi riferisco per l’appunto al problema – di fatto non solo di ordine comunicativo – del comandante Cocchi, cioè quello della sua stupefacente incapacità nel rappresentare in modo convincente e dignitoso le istituzioni cantonali in un momento di crisi (un sospetto atto terroristico in centro a Lugano, se non siamo al fatto gravissimo…).

Ammaccatissimo!

Dài, diciamolo senza girarci troppo intorno: da quel suo acrobatico fraseggio a tutto schermo, spintosi non solo oltre le regole della grammatica, ma anche del senso compiuto, Matteo Cocchi è uscito ammaccatissimo. Con l’uso anarchico della lingua italiana e del ragionamento logico, si è coperto da solo di ridicolo.

Una via d’uscita (forse, ma la fiducia che fine sta facendo?) ci potrebbe essere: quella di scusarsi e di ammettere l’inciampo, avvenuto in un momento di grande tensione e pressione. A dire il vero, egli avrebbe già dovuto farlo quando – al termine della prima ondata – stilò il bilancio finale del lavoro svolto dallo Stato maggiore cantonale di condotta (tutto sommato buono) scivolando però sulla nota dichiarazione rivolta agli over 65. Ricordate? Anziani invitati senza mezzi termini ad andarsene per un po’ in letargo come orsetti. Ma non lo fece (e passi…). Ora, però, siamo arrivati alle comiche. Ma ai piani più alti cosa se ne pensa? Accettabile, correggibile? Io (e vi garantisco che non sono il solo) sono attonito. La sicurezza è qualcosa di importante, coi tempi che corrono poi...

Leggi anche:

Ma come parlano? Le parole sono importanti

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cocchi crisi istituzioni cantonali
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
32 min
L’ombelico del mondo (con un grosso scheletro nell’armadio)
Ex Macello, un anno dopo: Lugano non diventerà mai una città con la C maiuscola fin quando non avrà imparato a convivere con il conflitto e la divergenza
Commento
22 ore
Corsia per i Tir nel Mendrisiotto, quando la misura è colma
Nel Distretto spiazzano l’agire dell’autorità federale e il silenzio del Cantone. E monta la voglia di un’azione di protesta
L’analisi
1 gior
Il pacifismo, i valori assoluti e il ‘dilemma del carrello’
Risolvere l’esperimento noto come ‘trolley problem’ mette in crisi certe pretese di superiorità morale
Commento
3 gior
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
3 gior
I bastian contrari
Commento
4 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
5 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
1 sett
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
1 sett
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
1 sett
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
© Regiopress, All rights reserved