laRegione
23.11.20 - 12:29
Aggiornamento: 14:09

Caso Chiappini: via Borghetto, quante domande!

Sul chi sapesse cosa si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia

di Matteo Caratti
caso-chiappini-via-borghetto-quante-domande
Don Azzolino Chiappini (Foto archivio Ti-press)

Il fermo giudiziario di una personalità di primissimo piano del mondo cattolico ticinese per presunti reati di inaudita gravità ha fatto piombare i vertici della diocesi nel silenzio e nell’imbarazzo più profondi. Comprensibile perché monsignor Azzolino Chiappini, sacerdote di spicco e di grande levatura intellettuale, ha una lunga e feconda storia dentro la diocesi (e non solo fra quelle mura) e la sua persona, colta e dotta, ha significato parecchio per molti ticinesi, uomini di chiesa e no. Il suo nome è strettamente legato alle alte sfere episcopali, avendo egli esercitato in più occasioni la funzione di sostituto vescovo per numerosi eventi religiosi - le cresime ad esempio - su delega del vescovo medesimo ed essendo stato rettore della facoltà di teologia dell’ateneo luganese. Come detto, ben capiamo quindi l’imbarazzo della curia quando, nella tarda serata di sabato e quindi ad oltre un giorno dal suo fermo avvenuto venerdì sotto gli occhi di qualche passante, ha ufficialmente confermato che era finito (genericamente) in procura ‘un presbitero incardinato nella diocesi’, precisando altresì le ipotesi di reato e citandole espressamente (sequestro di persona, coazione, lesioni semplici per condotta omissiva). Un comunicato redatto con un’importante aggiunta per la gerarchia ecclesiastica: ‘nella fattispecie non sono implicati minori’. Tradotto: è già grossa così, almeno quello ce lo risparmiamo e ve lo diciamo subito. 

Ora l’inchiesta della magistratura farà il suo corso e dirà cosa ci facesse quella donna rinchiusa (da quanto tempo?) in quell’appartamento in condizioni pietose a due passi dalla cattedrale di San Lorenzo. Ovviamente, va ribadito che a favore di monsignor Chiappini vale la presunzione di innocenza, ma le domande sul caso di via Borghetto 2 all’ombra del campanile sono davvero tante. Prendiamo pure atto che la diocesi si è detta disposta a collaborare appieno con gli inquirenti per chiarire l’incredibile fattispecie. Ci auguriamo sia la dimostrazione del fatto che i tempi dei panni sporchi lavati in casa (o in chiesa) siano veramente tramontati.

Considerate le numerose reazioni giunte al giornale, è evidente che la nostra incredulità e il nostro sgomento sono anche l’incredulità e lo sgomento di tantissime persone in Ticino e persino dentro il clero. Attendiamo che la procura ricostruisca con solerzia i fatti (chi ha fatto cosa e, se lo ha fatto, se era nella pienezza delle proprie facoltà mentali) e, non da ultimo, considerata la posizione (ubicazione) dell’alloggio dell’alto presbitero e le sue frequentazioni universitarie e di chiesa, che si appuri anche chi fra gli ecclesiastici sapesse cosa di questa presenza femminile (nascosta?). E, caso mai, chi aveva notato qualcosa di strano, di cosa si era effettivamente accorto. Perché, evidentemente, dato per scontato che la responsabilità penale è personale (ciascuno risponde per i propri atti e per certe proprie omissioni di fronte al giudice penale), su quest’ultimo aspetto - cioè sul chi sapesse cosa - si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
12 ore
I 70 anni di Putin e i bivi della Storia
Sta lasciando il Paese peggio di come l’ha trovato, in crisi e in guerra. Cosa sarebbe accaduto se Eltsin avesse scelto il liberale Nemtsov al suo posto?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
20 ore
Il disastro rimosso
I cambiamenti climatici non sono proprio in cima alle preoccupazioni degli svizzeri. L’analfabetismo politico non aiuta
il commento
1 gior
La monarchia delle banane
Divieti assurdi, arresti e comici censurati: il lutto a oltranza del Regno Unito per Elisabetta II è sconfinato nella caricatura di dittature tropicali
Commento
2 gior
Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida
Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
3 gior
Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto
Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
3 gior
L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi
Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
4 gior
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
6 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
6 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
1 sett
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
© Regiopress, All rights reserved