laRegione
la-piccola-greta-e-il-pulmino-solo-per-residenti
Commento
21.11.20 - 06:100

La piccola Greta e il pulmino solo per residenti

Brutto esempio di ingiustizie e diseguaglianze anche fra gli ultimi

Mi ha colpito la storia della piccola Greta, raccontata nelle cronache del Corriere della Sera, casualmente un paio di giorni prima della Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia caduta ieri.

Greta vive ed è nata a Collegno in un campo nomadi alle porte di Torino. Ha quattro anni, ogni mattina si alza per recarsi all’asilo. Per raggiungerlo deve camminare ai bordi di una strada trafficata, senza marciapiede e lungo la quale non mancano fango e sporcizia. Non fa il lungo tragitto da sola, c’è il padre che la accompagna e che ha il torto di vivere in un campo rom senza documenti.

Torto di padre in figlia

E così, quel torto, è divenuto anche un torto per la bambina. Senza documenti la famiglia non può avviare le pratiche per ottenere la residenza. Così, anche se all’ingresso del campo ogni mattina c’è un pulmino di una cooperativa sociale che attende i ragazzi che si recano a scuola, Greta – siccome non ha i documenti che ne attestano la sua residenza – non può salirvi. Un pulmino che anche lei prima che il Comune mettesse regole più severe poteva prendere, ora lo vede partire tutte le mattine con altri ragazzi. Lei invece resta giù. Pazienza, poi si mette in cammino con papà per oltre cinquanta minuti verso l’asilo.

Ingiustizie anche fra gli ultimi

Un brutto esempio di ingiustizie e diseguaglianze anche fra gli ultimi, che vivono a due passi da noi. È mai possibile che qualcuno possa pensare di sancire una simile discriminazione fra bambini le cui famiglie riescono, o non riescono, a provare con un documento la loro residenza in un campo nomadi?

Per fortuna è forte il desiderio di Greta di andare ogni giorno all’asilo. Speriamo tenga duro. Forse la bellezza della scuola di prima infanzia le farà dimenticare o superare lo sgarbo di non poter salire sullo scuolabus.

Speriamo, ora che la sua storia è stata resa pubblica, che qualcuno si attivi a suo favore, permettendole di salire su quel bus anche senza documento. E speriamo anche che un domani possa avere la stessa forza per continuare a studiare e a formarsi e poter raggiungere una propria autonomia, riuscendo a emanciparsi come persona e soprattutto come donna. Le chiamano pari opportunità. Sono fondamentali.

TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Caso Chiappini: via Borghetto, quante domande!
Sul chi sapesse cosa si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia
Commento
14 ore
Le sfide di Speziali, nel futuro ma non dimenticando il passato
Il neopresidente del Plr ha una visione per i prossimi anni che sarà di successo solo se sarà all'insegna dell'ascolto e del rispetto per la storia e le sensibilità
Commento
2 gior
Dio quanto ti odio (anche i quotidiani nel loro piccolo...)
(...s'incazzano) Il Giornale di Brescia ‘molla’ Facebook. ‘L’ora dei social è al tramonto’, commenta qualcuno. Ma lo dicevano anche del karaoke (maledetto Fiorello).
Commento
3 gior
Per un dibattito responsabile evitiamo i complottismi
Dal ‘Great Reset‘ alle pandemie programmate, evitiamo le teorie cospirazioniste che rendono impossibile discutere delle sfide che ci attendono
Commento
3 gior
Ginnaste ridotte a marionette, una cultura da cambiare
Una medaglia, magari olimpica, vale tante umiliazioni e violenze psicologiche? Tanti tabù da superare
Commento
4 gior
Iniziativa responsabile, controprogetto insostenibile
Responsabilità civile, obbligo di dovuta diligenza, piccole e medie imprese: alcune cose da ricordare al termine di una campagna che ha ‘deragliato’.
Commento
4 gior
La comunicazione durante il lockdown: luci e ombre
Un sondaggio Ustat mostra l'efficacia dell'informazione ‘unificata’ sotto lo Stato maggiore cantonale. Ma anche una critica è doverosa
Commento
5 gior
Presidenza Plr, lei o lui. E una supersquadra!
Timoniere/a con di fronte a sé una sfida da ramponi sulla parete Nord dell’Eiger!
Commento
6 gior
Tanti errori, tanta energia. Ma questi giovani ci salveranno
Risse, mancato rispetto delle misure anti Covid: abbiamo puntato il dito contro i giovani. Ma il nostro riscatto è nelle loro grandi e preziose risorse
Commento
6 gior
Donald Trump non è pazzo, ma è pericoloso
Il rifiuto di ammettere la sconfitta è parte di una strategia del caos per alimentare il mito della 'vittoria rubata'. Con conseguenze poco rassicuranti
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile