laRegione
laR
 
18.11.20 - 06:00

Presidenza Plr, lei o lui. E una supersquadra!

Timoniere/a con di fronte a sé una sfida da ramponi sulla parete Nord dell’Eiger!

di Matteo Caratti
presidenza-plr-lei-o-lui-e-una-supersquadra

Cosa ci si aspetta dalla nuova presidenza del Plr? Che alleni un partito capace di esistere maggiormente di fronte all’opinione pubblica. Sarà una banalità, ma se non si esiste a sufficienza – perché non si è in grado di individuare una rotta chiara e nemmeno di comunicarla al meglio al Paese – ogni (pur lodevole) sforzo rischierà di risultare vano. Quindi, a ben vedere, la questione della linea più netta e della comunicazione efficace una banalità non è. Non per caso (complice, ovvio, il Mattino) chi comunica di più è la Lega. Gli altri grandi partiti hanno invece le loro difficoltà. Ci immaginiamo già l’obiezione: eh, già, ma per la Lega è facile, è populista e i liberali nel dopo Caprara mica vogliono fare politica accarezzando ‘panza e busecche’? Vero, certo, che non vogliono e nemmeno devono, ma il problema non è questo: nessuno chiede infatti al Plr di scimmiottare il movimento di via Monte Boglia. Per carità… Il Paese ha bisogno di punti di riferimento, di serietà, non di sparate e fuochi d’artificio che durano da vent’anni. Tra l’altro, lo si sa benissimo, l’elettorato segue l’originale e non le copie. Ecco un esempio: tornando alle recenti federali, nonostante la pitturatina di verde che si è dato il Plr svizzero prima delle elezioni, era evidente che a incassare il dividendo sarebbero stati prioritariamente i verdi, coerenti da anni nel battere sul chiodo ambientale.

Rotta più marcata e comunicabile

Torniamo quindi all’osservazione iniziale: serve una rotta più marcata (e comunicabile). Di certo il sondaggio svolto potrà aiutare, ma non basterà. Stiamo vivendo sterzate (e mazzate) epocali. Svolte al plurale, perché appena prima della pandemia, che già da sola basta per stravolgere piani e previsioni, di cosa si stava parlando? Di altre sfide e scelte strutturali. Ricordate? Mezzo mondo era attirato dalle proposte green di Greta e non per nulla – come detto – Petra Gössi (presidente del Plr svizzero) aveva promosso una certa virata. E ancor prima di cosa si stava discutendo? Sempre di cambiamenti fondamentali, che stavano (e stanno) cancellando, o mutando, professioni, lanciando nuovi profili professionali e lasciando sul campo lavoratori disoccupati. In arrivo c’era (e c’è) una nuova stagione modellata da tecnologie e intelligenza artificiale.

Idea e guizzo

Insomma, chi guarda avanti e non vuole abbandonarsi al bieco/cieco populismo, con l’ambizione di continuare a tenere le redini di Cantone e comuni più importanti, chi ha avuto un passato glorioso di ideali forti al servizio della comunità, deve sapere innanzitutto come desidera affrontare le sfide sul tavolo. E dirlo. Se così non sarà, purtroppo chi ha predicato la chiusura (anche mentale) e veicolato ingannevoli messaggi schiva-problemi, di fronte alla crisi economica alle porte, potrà continuare a vincere semplificando e sbraitando. Ecco perché il/la nuovo/a timoniere/a del Plr ha di fronte a sé una sfida da ramponi sulla parete nord dell’Eiger. Molto probabilmente, con tutto il rispetto per i tre candidati, sarà impossibile che, da solo o da sola, egli o ella possa avere l’idea e il guizzo necessari per riuscire a emergere con originalità e a incidere. Un direttore d’orchestra, o una direttrice, ha bisogno di strumentisti. Tradotto: di una supersquadra (fresca e tenace) che metta i contenuti al primo posto e la comunicazione pure. Mesdames et messieurs, faites vos jeux.

Leggi anche:

Plr, sprint finale tra Ferrara, Martinenghi e Speziali

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
18 ore
Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto
Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
18 ore
L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi
Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
1 gior
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
3 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
3 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
4 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
5 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
6 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
1 sett
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
© Regiopress, All rights reserved