laRegione
lugano-politici-ne-imbavagliati-ne-fuorilegge
La capogruppo Plr in Consiglio comunale Karin Valenzano Rossi (Ti-Press)
Commento
22.10.20 - 06:000

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione

Succede raramente (forse non è mai successo) che un politico sia chiamato a rispondere personalmente e giuridicamente di una decisione politica. Potrebbe succedere se la petizione che ha presentato Patrick Pizzagalli al Consiglio di Stato venisse accolta. Il caso è relativo alla prima richiesta di riduzione del moltiplicatore d’imposta dall’80 al 78%, votata dal Consiglio comunale di Lugano, con un vizio di forma accertato dal Tribunale amministrativo cantonale (Tram) che ha imposto una seconda votazione sullo stesso tema svoltasi all’inizio di quest’anno. I motivi del ricorrente che ha ottenuto ragione sono legittimi: un errore è stato accertato da una sentenza cresciuta in giudicato. Pizzagalli tuttavia non vuole che a pagare le spese giudiziarie sia tutta la cittadinanza ma soltanto chi quell’errore lo ha provocato. Fonda pertanto la sua richiesta sulla legge sulla responsabilità civile degli enti pubblici e degli agenti pubblici. Richiesta respinta dal Municipio di Lugano, tuttora pendente ai Servizi giuridici del Consiglio di Stato.

Quello sollevato dal ricorrente è un tema delicato. La petizione pone una questione gravosa da dirimere per i Servizi giuridici del Consiglio di Stato, la classica gatta da pelare. Difficile stabilire se respingerla, oppure se sia giusto sanzionare i due consiglieri comunali, o solo i membri della commissione della Gestione oppure tutti i membri del legislativo che hanno votato l’emendamento. Non crediamo che due capigruppo non abbiano agito in buona fede e nell’interesse di tutta la cittadinanza sostenendo la proposta di riduzione con argomenti di natura politico-finanziaria anche se il Tram ha sentenziato che avrebbero potuto e dovuto capire che stavano violando le regole procedurali. E senza quella violazione, non ci sarebbe stato il ricorso e neppure il danno causato alla Città (seppur lieve realizzatosi con la seconda votazione in Consiglio comunale e con 1’800 franchi di spese giudiziarie). Da una parte, lo spirito della legge vuole che anche i politici (quindi pure i consiglieri comunali) come i funzionari dello Stato debbano attenersi alle regole nell’ambito del quadro normativo vigente. Dall’altra, è giusto e legittimo che i rappresentanti eletti dal popolo abbiano la libertà politica e di opinione. Non li si è voluti imbavagliare. Né limitare in alcun modo nel loro campo di azione. A maggior ragione se si intende mantenere la rappresentanza politica come militanza e non si vuole professionalizzare una funzione che per ora è di milizia ed è confrontata con un sistema ‘iperegolamentato’ e a rischio di burocratizzazione.

Il caso relativo all’errore formale della votazione sulla riduzione del moltiplicatore chiama dunque in causa (e alla cassa se la petizione venisse accolta) i politici. È simile per certi versi all’iniziativa decisa dal gruppo Lega in Consiglio comunale e dai quattro consiglieri comunali leghisti membri della commissione delle Petizioni che si rifiutano di affrontare e di esaminare le richieste di naturalizzazioni a Lugano. La differenza sostanziale è che quest’ultima è una violazione dei compiti deliberata. Perciò, quando partirà la segnalazione da parte del presidente del Consiglio comunale, l’autorità di vigilanza non avrà un gran margine di manovra: dovrà sanzionarli.

Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
Caso Chiappini: via Borghetto, quante domande!
Sul chi sapesse cosa si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia
Commento
14 ore
Le sfide di Speziali, nel futuro ma non dimenticando il passato
Il neopresidente del Plr ha una visione per i prossimi anni che sarà di successo solo se sarà all'insegna dell'ascolto e del rispetto per la storia e le sensibilità
Commento
2 gior
La piccola Greta e il pulmino solo per residenti
Brutto esempio di ingiustizie e diseguaglianze anche fra gli ultimi
Commento
2 gior
Dio quanto ti odio (anche i quotidiani nel loro piccolo...)
(...s'incazzano) Il Giornale di Brescia ‘molla’ Facebook. ‘L’ora dei social è al tramonto’, commenta qualcuno. Ma lo dicevano anche del karaoke (maledetto Fiorello).
Commento
3 gior
Per un dibattito responsabile evitiamo i complottismi
Dal ‘Great Reset‘ alle pandemie programmate, evitiamo le teorie cospirazioniste che rendono impossibile discutere delle sfide che ci attendono
Commento
3 gior
Ginnaste ridotte a marionette, una cultura da cambiare
Una medaglia, magari olimpica, vale tante umiliazioni e violenze psicologiche? Tanti tabù da superare
Commento
4 gior
Iniziativa responsabile, controprogetto insostenibile
Responsabilità civile, obbligo di dovuta diligenza, piccole e medie imprese: alcune cose da ricordare al termine di una campagna che ha ‘deragliato’.
Commento
4 gior
La comunicazione durante il lockdown: luci e ombre
Un sondaggio Ustat mostra l'efficacia dell'informazione ‘unificata’ sotto lo Stato maggiore cantonale. Ma anche una critica è doverosa
Commento
5 gior
Presidenza Plr, lei o lui. E una supersquadra!
Timoniere/a con di fronte a sé una sfida da ramponi sulla parete Nord dell’Eiger!
Commento
6 gior
Tanti errori, tanta energia. Ma questi giovani ci salveranno
Risse, mancato rispetto delle misure anti Covid: abbiamo puntato il dito contro i giovani. Ma il nostro riscatto è nelle loro grandi e preziose risorse
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile