laRegione
covid-molto-moltissimo-dipende-da-noi
Commento
20.10.20 - 06:000

Covid, molto, moltissimo dipende da noi!

Molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere nelle prossime settimane – dipende ancora e sempre dai nostri comportamenti quotidiani

Il Covid ci sta abituando a un fatto per molti inedito e duro da gestire: ciò che è impossibile (o incredibile che succeda) diventa possibile. 

Lo abbiamo già visto questa primavera: chi affermava che fosse impensabile chiudere tutto (ogni attività lavorativa e non solo) nel giro di pochi giorni si è dovuto ricredere. I picchi erano lì da vedere e non lasciavano altra scelta. E coloro che lo affermavano non erano semplici cittadini, ma rappresentanti di primo piano di associazioni professionali. Poi, dalla sera alla mattina, a cosa abbiamo assistito? Al cambio repentino di prospettiva, anche da parte di chi, alla testa di associazioni professionali si opponeva anche solo a scalare un paio di marce, pensando si trattasse soltanto di un’influenzetta. Certo, non siamo così sprovveduti da non capire come mai tali refrattari a misure forti si siano convinti, quasi improvvisamente, a ricredersi: ciò è avvenuto grazie al grosso lavoro, intessuto dietro le quinte, dal Dfe di Christian Vitta che ha saputo far incontrare associazioni professionali, sindacati e allacciare i giusti ponti con Berna, che si è poi detta disposta, non senza tensioni, a venire incontro finanziariamente al Ticino. Così, tranquillizzati (almeno in parte) gli imprenditori, è stato possibile che si attuasse – come detto – l’impossibile: fermare la macchina dell’economia e abbassare la maledetta curva.

Autunno: come andrà a finire?

Ora, giunto l’autunno, ci risiamo e non sappiamo come andrà a finire. Ci è stato detto che, se non ci comportiamo come dobbiamo (pulizia mani, tenere le distanze, indossare la mascherina al chiuso nei posti pubblici e luoghi comuni, annullare trasferte inutili ecc.), potrebbe presto tornare ad essere molto dura. Potremmo doverci avviare a nuovi blocchi di talune attività lavorative, seppure locali, sanciti per zone geografiche. E così ancora una volta, ciò che viene ora ritenuto improponibile – tutti avrete sentito la frase “non ci possiamo permettere un nuovo lockdown” – potrebbe diventare realtà. Anche se nessuno lo vuole, perché quando l’economia viene rallentata per ragioni sanitarie, ci si ritrova a dover ripartire da un gradino più basso, con miliardi pubblici in più spesi / bruciati, fallimenti a cascata e migliaia di disoccupati in più. Uno scenario da horror, insomma.

Scenario determinato dai nostri comportamenti!

Non scordiamoci che in questo momento siamo privilegiati rispetto al resto del Paese, probabilmente perché, colpiti più frontalmente, a marzo abbiamo capito prima dei nostri amici confederati come ci si doveva e deve comportare. Costa fatica, ovvio, e sarebbe molto più facile prendere una pastiglietta o un vaccino. Ma, ahinoi, non ci sono (ancora). E questa seconda ondata, incombente, sta già creando in molti di noi disagi psicologici e danni economici. Tanti – siano essi datori di lavoro o cittadini lavoratori – stanno assumendo una posizione tendenzialmente attendista e influenzata da timore: della serie “vediamo se, cosa e dove l’economia si fermerà ancora”. Ma se ciò accadrà non lo sarà per puro caso, come se un asteroide impattasse contro il pianeta Terra. No, saranno infatti i nostri comportamenti a determinare lo scenario che sarà. 

Non scordiamolo: molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere – dipende ancora e sempre da noi. Uno per tutti, tutti per uno, è il motto dell’Elvezia. Valido mai così tanto come oggi, annus horribilis 2020.

TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Caso Chiappini: via Borghetto, quante domande!
Sul chi sapesse cosa si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia
Commento
14 ore
Le sfide di Speziali, nel futuro ma non dimenticando il passato
Il neopresidente del Plr ha una visione per i prossimi anni che sarà di successo solo se sarà all'insegna dell'ascolto e del rispetto per la storia e le sensibilità
Commento
2 gior
La piccola Greta e il pulmino solo per residenti
Brutto esempio di ingiustizie e diseguaglianze anche fra gli ultimi
Commento
2 gior
Dio quanto ti odio (anche i quotidiani nel loro piccolo...)
(...s'incazzano) Il Giornale di Brescia ‘molla’ Facebook. ‘L’ora dei social è al tramonto’, commenta qualcuno. Ma lo dicevano anche del karaoke (maledetto Fiorello).
Commento
3 gior
Per un dibattito responsabile evitiamo i complottismi
Dal ‘Great Reset‘ alle pandemie programmate, evitiamo le teorie cospirazioniste che rendono impossibile discutere delle sfide che ci attendono
Commento
3 gior
Ginnaste ridotte a marionette, una cultura da cambiare
Una medaglia, magari olimpica, vale tante umiliazioni e violenze psicologiche? Tanti tabù da superare
Commento
4 gior
Iniziativa responsabile, controprogetto insostenibile
Responsabilità civile, obbligo di dovuta diligenza, piccole e medie imprese: alcune cose da ricordare al termine di una campagna che ha ‘deragliato’.
Commento
4 gior
La comunicazione durante il lockdown: luci e ombre
Un sondaggio Ustat mostra l'efficacia dell'informazione ‘unificata’ sotto lo Stato maggiore cantonale. Ma anche una critica è doverosa
Commento
5 gior
Presidenza Plr, lei o lui. E una supersquadra!
Timoniere/a con di fronte a sé una sfida da ramponi sulla parete Nord dell’Eiger!
Commento
6 gior
Tanti errori, tanta energia. Ma questi giovani ci salveranno
Risse, mancato rispetto delle misure anti Covid: abbiamo puntato il dito contro i giovani. Ma il nostro riscatto è nelle loro grandi e preziose risorse
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile