laRegione
premi-malattia-una-stangata-evitabile
(Archivio Ti-Press)
Commento
23.09.20 - 06:000

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera

La consolazione, se così vogliamo chiamarla, è che almeno al resto degli svizzeri è stata evitata la solita stangata autunnale. Gli aumenti medi dei premi di cassa malati saranno dell’ordine dello 0,5% a livello nazionale con le dovute eccezioni: in alcuni cantoni diminuiranno leggermente (a Zurigo e Appenzello interno, tra il -0,7 e il -1,6%), in altri in modo quasi impercettibile (tra lo 0,1 e lo 0,2%) e in altri invece aumenti più marcati. Il Ticino guida la classifica di questi ultimi facendo registrare per il 2021 l’incremento medio più sostanzioso: +2,1% a livello nazionale. Se si guarda di fino, l’aumento del premio sarà dell’1,9% per gli adulti, del 2,9% per i giovani adulti e dello 0,9% per i minorenni. Ancora una volta, quindi, a pagare il costo maggiore saranno le famiglie del ceto medio, quelle escluse da qualunque tipo di sussidio, con redditi stagnanti da anni e che – con i chiari di luna della crisi economica post-Covid in arrivo – non miglioreranno di certo a breve. Insomma, quei tre o quattrocento franchi che l’anno prossimo andranno ad aggiungersi alle spese familiari peseranno ancora di più. E nell’anno del coronavirus si potevano e dovevano evitare. A maggior ragione, come ha rivelato un indignato consigliere di Stato Raffaele De Rosa, se dobbiamo dire grazie all’Ufficio federale della sanità pubblica che ha ritoccato al rialzo i premi rispetto a quanto proposto dalle stesse casse malati. La giustificazione? L’aumento già sostanzioso dei premi dello scorso anno (+2,5% in media) non avrebbe coperto interamente il reale aumento dei costi della sanità di quell’anno. Affermazione che dobbiamo prendere per buona, in quanto nemmeno il Dss ha avuto a disposizione tutti i dati per valutare l’adeguatezza dei premi proposti dalle casse malati. Insomma, ci dobbiamo fidare. Eppure ci sarebbe bisogno di maggiore trasparenza, come giustamente richiesto con le tre iniziative cantonali pendenti a Berna. Proposte che mirano a dare, nell’ordine, più poteri ai Cantoni in materia di premi; pretendere riserve adeguate ai rischi e fissazione di premi che rispecchino veramente la dinamica dei costi. Visto il trattamento riservato al Ticino sulla determinazione dei premi di quest’anno, si è forse troppo ottimisti sulla bontà dell’esito di queste legittime richieste. Sulle riserve lo stesso Ufficio federale della sanità pubblica ha ottenuto dagli assicuratori una compensazione dei premi incassati in eccesso pari a 211 milioni. Briciole rispetto all’aumento medio di un miliardo di franchi di riserve che ogni anno vanno dalle tasche degli assicurati a quelle delle casse malati. Attualmente ammontano a 11 miliardi, più del doppio di quanto richiesto dalla legge. A ogni modo, i costi assicurativi per una famiglia di quattro persone, con due bimbi piccoli, sono più elevati del carico fiscale. Almeno per chi è fuori dalle soglie di reddito di accesso per la riduzione dei premi malattia. L’intera impalcatura della Lamal, insomma, sta mostrando i limiti.

Aumentare solo i sussidi, misura più che doverosa, non è comunque la soluzione all’evoluzione dei costi della salute. Il problema è nel sistema bloccato da veti contrapposti. Riduzioni dell’offerta andrebbero a discapito dei cittadini, degli operatori sanitari e della nutrita lobby che orbita attorno alle casse malati. Ci perderebbero tutti. Lo abbiamo visto con la crisi sanitaria della scorsa primavera. Il blocco degli interventi non necessari ha determinato da una parte un calo delle prestazioni sanitarie a carico delle casse malati, quindi del fatturato di medici e cliniche, minori cure per i pazienti non Covid e un aumento dei costi, a carico di tutta la collettività, per gli ospedali pubblici. 

TOP NEWS Opinioni
Commento
10 ore
Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta
Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
1 gior
Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey
Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Il ricordo
2 gior
Beppe sognava un mondo diverso
Il ricordo dell'ex collega Giuseppe 'Beppe' Dunghi, scomparso negli scorsi giorni
Commento
2 gior
Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'
Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione
Commento
3 gior
Ma i consiglieri di Stato non sono semplici funzionari
La riforma pensionistica dei membri del governo è realtà, ma non risolve i dubbi legati alla carica
Commento
3 gior
Di gatti rossi, neri e zampa tesa
Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!
Commento
4 gior
Se la pandemia non merita una discussione parlamentare
Rifiutando la proposta dell'Mps ieri il parlamento ha segato il ramo su cui è seduto. Ai cittadini serve più di un quotidiano bollettino numerico
Commento
4 gior
Nomina quinto giudice, Ermani si faccia qualche domanda
Emersi nella vicenda legata ai pp bocciati dal Cdm, i messaggini del presidente del Tribunale penale al pg Pagani sono riecheggiati ieri in Gran Consiglio
Commento
4 gior
Covid, molto, moltissimo dipende da noi!
Molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere nelle prossime settimane – dipende ancora e sempre dai nostri comportamenti quotidiani
L'analisi
5 gior
'Je suis Samuel'
La difesa dello Stato laico non consente oggi compromessi: cinque anni dopo, “Je suis Charlie” rimane un proclama di libertà
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile