laRegione
Ungheria
0
Portogallo
0
1. tempo
(0-0)
MOLTENI A./PELLA G.
2
ALTMAIER D./STRICKER D.
1
fine
(7-6 : 4-6 : 10-7)
manchera-don-roberto-l-eroe-della-strada-vicino-agli-ultimi
Commento
16.09.20 - 06:000
Aggiornamento : 08:07

Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi

Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore

Don Roberto Malgesini, 51 anni, ha dato la sua vita per gli ultimi. Schivo e riservato, era sempre in prima linea quando bisognava aiutare gli emarginati di Como. Portava la colazione ai senzatetto e ai migranti. Era come un padre per i diseredati. Uno di loro l’ha ucciso. Un tunisino con problemi psichici, senza fissa dimora, ospite di un dormitorio in città (vedi pag. 10). Don Roberto lo aiutava da tempo. Una discussione, il coltello e una preziosa vita spezzata. Questi uomini di Dio, che decidono di vivere la loro missione in strada, sono amati dalla gente come eroi, perché sanno dare una speranza a chi si è perso, sanno riannodare tessuti sociali strappati, diventano importanti ponti tra culture, arrivano dove lo Stato è latitante. Sono esempi virtuosi che catalizzano le forze della comunità, traducendole in progetti concreti. Forze positive travolgenti, sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore. Non cercano riflettori, potere, applausi. Lavorano nel silenzio per il bene di tutta la comunità. Sono preziose lucciole. Quando una tra loro si spegne ci ritroviamo tutti un poco più smarriti.

Non è il primo pastore dei poveri a fare questa fine. Venti anni fa, la stessa sorte è toccata a don Renzo, il parroco di Ponte Chiasso che aiutava i migranti, ucciso sul sagrato della sua chiesa da uno sbandato che aveva accolto. Anche il più famoso pastore dei diseredati elvetico, lo zurighese Ernst Sieber, strenuo difensore dei poveri, era stato aggredito più e più volte.  

Perché un senzatetto uccide la mano che lo aiuta? Sembra un atto contro natura. Proviamo a capire. Anche questi parroci talvolta devono dire di no ai loro assistiti. A volte non bastano un sorriso e una croce a placare la furia di una mente turbata dalla rabbia, stravolta dalla disperazione o annebbiata dall’alcol. Camminano assieme ai più afflitti, ma quanto sono preparati per farlo? Quanto sono sostenuti in questa pericolosa, quanto lodevole, missione? Spesso sono lasciati soli, in prima linea, a difendere gli ultimi, i migranti, a sfidare le politiche di destra e non solo. Incarnano dei simboli positivi, la gente li segue, li aiuta, perché li sente veri.  

Negli anni 80, il pastore Sieber era uno dei pochi che si avventurava nella scena aperta della droga a Platzspitz a Zurigo, portando assistenza ai tossici che giacevano qua e là semi incoscienti. Là dove nemmeno la polizia metteva piede, lui c’era. Forse è la fede a dare coraggio a questi uomini, che sanno mettere gli altri prima di sé stessi. Un grande atto di generosità. Oggi se ne vedono pochi.

L’eredità che lascia don Roberto è l’esempio, solido come una roccia. In una Chiesa stravolta da parecchi scandali anche sessuali, questi esempi virtuosi sono gemme preziose. 

«L’aggressione anche verbale fa parte del rischio. A volte devi saper dire di no e non sai quale reazione aspettarti», mi dice fra Martino Dotta che da anni gestisce la ‘mensa dei poveri’ a Lugano e una seconda struttura di accoglienza a Locarno. Forte della sua fede sa incassare e andare avanti. Quando lui cammina per la strada la gente lo ferma, lo abbraccia. Questo affetto lo sostiene nella sua missione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
13 ore
Realpolitik alla ginevrina
Biden e Putin verso un summit che non fa presagire nulla di buono. Ma il precedente Reagan-Gorbaciov, in piena Guerra fredda, può farci sperare.
Commento
13 ore
Eriksen e le gazzette del voyeur
La tragedia sfiorata in campo del giocatore danese ha fatto dare il peggio a pagine social e media internazionali, che hanno preferito la morbosità alla cronaca
Commento
13 ore
L’arduo compito del successore di Petra Gössi
La presidente del Plr rassegna le dimissioni. La svittese lascia con un bilancio in chiaroscuro un partito che si trova di nuovo in una spirale discendente.
Commento
1 gior
Il clima, i pesticidi e una domenica ironicamente tragica
La fossa alla legge sul CO2 è stata scavata nelle zone rurali, da chi in nome della sopravvivenza dell’agricoltura si è battuto contro le due iniziative
Commento
3 gior
Non schwa tutto bene
Il tentativo di rendere più inclusivo il linguaggio usando nuovi segni grafici rischia di provocare l'effetto contrario, aumentando le divisioni
Commento
3 gior
Ex Macello di Lugano, a terra la fiducia nelle istituzioni
Silenzi, comunicazioni del Municipio e amianto nelle macerie dell'edificio abbattuto, alimentano forti dubbi sugli organi dello Stato
Commento
4 gior
Emozioni, ‘normali’ emozioni
Si apre stasera a Roma con Italia-Turchia un Europeo che per quanto ancora condizionato dalla pandemia, rappresenta un importante passo verso la normalità
La formica rossa
4 gior
È tutto colpa di quello sbadato pacherista
A questo punto qualche municipale fresca di nomina potrà ben dirgli che è anche responsabilità sua se poi si è ritrovato a respirare aria inquinata d’amianto
Commento
5 gior
Avs 21, quando l’esperienza non insegna
Il Parlamento aumenta a 65 anni l’età di pensionamento delle donne. Ma le compensazioni sono insufficienti. Una scelta che potrebbe costare cara alle urne
Commento
5 gior
La legge sul terrorismo minaccia un po’ tutti
Quando si sposta dal tribunale alla stazione di polizia la facoltà di decidere chi perseguire, gli abusi sono dietro l’angolo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile