laRegione
se-il-vaccino-e-geo-strategico
Commento
07.09.20 - 06:000

Se il vaccino è geo-strategico

L’ordine da Washington dovrebbe infatti concretizzarsi a ridosso del 3 novembre

Prepararsi a distribuire, entro fine ottobre o al più tardi a inizio del mese successivo, il vaccino anti-Covid nei cinquanta Stati dell’Unione e in alcune grandi città. Attraverso la competente autorità federale (il ‘Centers for Disease Control and Prevention’), è quanto ha chiesto la Casa Bianca ai responsabili locali. Grande tempismo. E alquanto sospetto. L’ordine da Washington dovrebbe infatti concretizzarsi a ridosso del 3 novembre, giorno del voto per le presidenziali americane. Quale vaccino, prodotto da quale società farmaceutica, testato in che modo e con quali garanzie di sicurezza: su questo si tace. Conta il messaggio. Messaggio politico. Propagandistico. In una campagna elettorale esasperata come mai in passato, entrano naturalmente in gioco anche il virus, i suoi effetti, le vittime, lo sconquasso economico. E Donald Trump, accusato a ragione dal rivale democratico Biden di una gestione disinvolta e disastrosa dell’emergenza sanitaria, dopo essersi vantato alla Convention repubblicana di aver gestito alla grande la pandemia con risultati eccezionali (nonostante i quasi duecentomila morti, finora), sfodera “l’arma assoluta”, quella dell’antidoto praticamente a portata di mano. Naturalmente all’insegna del “First America”, come quando tentò (bloccato dalla Merkel) di ottenere in esclusiva per i cittadini statunitensi un possibile ritrovato anti-virus di produzione tedesca. Stessa cosa per un vaccino in fase di sperimentazione da parte di una società di proprietà francese (con immediato veto di Macron).

Del resto questa brutta e vergognosa pagina della corsa al vaccino come strumento del conflitto politico ha assunto proporzioni internazionali. Come se dovesse avere valenza geo-strategica. Segnare un passo decisivo in fatto di supremazia mondiale. Si va ben oltre una questione accettabile e comprensibile di prestigio. Una logica che sembra coinvolgere la “troika” delle potenze (vere e presunte) del pianeta. Già in primavera (e forse presa dalla volontà di alleggerire le proprie responsabilità), la Cina fu la prima a garantire di aver impresso una decisiva e promettente accelerazione alla ricerca del vaccino. A metà agosto, è la volta di Putin, che annuncia la scoperta di un efficace farmaco anti-Covid, già sperimentato su una delle sue figlie, a cui non a caso viene dato il nome di “Sputnik V”, come il primo satellite spaziale mandato in orbita attorno alla Terra nell’ottobre del ‘57, presunto simbolo della superiorità sovietica nella gara con gli umiliati Stati Uniti. E ora il tempestivo e teorico ottimismo elettorale di Trump.

I costi elevati della ricerca sono indiscutibili. Ma, al di là della logica del grande profitto (anch’essa discutibile per un prodotto che dovrebbe essere considerato innanzitutto un bene per l’umanità), è questo “primanostrismo-sovranista” a dare il voltastomaco. Da una parte, il discredito che colpisce (anche al di là dei suoi demeriti) l’Organizzazione Mondiale della Sanità, e dall’altra la crisi del multilateralismo (vittima anche della politica trumpiana del rapporto di forza) sembrano rendere impossibile la ricerca e un comune finanziamento pubblico degli Stati, come avvenne nell’immediato dopoguerra per il vaccino influenzale. Così, l’antidoto tanto atteso potrebbe creare nuovi fossati, nuove discriminazioni, fra chi ne potrà beneficiare subito e chi dovrà attendere, chissà quanto. Altro che “il mondo migliore” vagheggiato nei giorni del dolore e della grande paura.

TOP NEWS Opinioni
Commento
9 ore
Accordo quadro, Consiglio federale tra l’incudine e il martello
Il progetto nel paese è inviso a tutti o quasi. Ma l’alternativa non sarà lo statu quo e rischia di costare cara alla Svizzera
L'analisi
2 gior
La solidarietà europea non aiuta i migranti
Il Patto presentato da Ursula von del Leyen lascia irrisolti i temi che più dividono e conferma la chiusura delle frontiere
Commento
3 gior
Festival di Locarno, come ruggirà il Pardo senza testa?
Al di là dei motivi che hanno portato all'addio della direttrice artistica Lili Hinstin, bisogna interrogarsi sulle prospettive del festival
Commento
4 gior
Sorpassi a Bellinzona, sarà una campagna avvelenata!
Insomma qualcuno (chi?) ha fatto e disfatto senza informare chi di dovere. E chi era quel chi?
Commento
4 gior
L’hockey è pronto a ripartire: ‘Godetevi la partita’
La lunga attesa è finita: tra una settimana, tra mille punti interrogativi, torna il campionato svizzero di disco su ghiaccio
Commento
5 gior
La nostra scuola in presenza e presente!
A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
5 gior
Premi malattia, una stangata evitabile
I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
6 gior
Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione
Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
6 gior
Paura batte cultura? Grosso problema!
Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
6 gior
In Italia ha vinto il sì. A che cosa?
Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile