laRegione
il commento
laR
 
24.08.20 - 06:00
Aggiornamento: 12:28

Chiesa, due atout. Per ora poco altro

Il 45enne luganese è stato eletto ieri alla testa del primo partito svizzero. Per farsi valere Oltralpe, non dovrà soltanto migliorare il suo tedesco.

chiesa-due-atout-per-ora-poco-altro
Keystone
Chiesa (sin.) e Rösti

Marco Chiesa è stato eletto sabato presidente dell’Udc svizzera. Sono due in fondo gli atout che lo rendono prezioso per il suo partito: avere tempo ed essere ticinese. Non proprio quel che serve per nutrire grandi aspettative. Ma nemmeno così poco da precludergli d’emblée la possibilità di diventare un buon successore di Albert Rösti e Toni Brunner.

Il 45enne consigliere agli Stati luganese, padre di due figli già in età scolare e ormai libero da impegni professionali, potrà d’ora in poi dedicarsi quanto vorrà alla politica e ad una carica che richiede una disponibilità pressoché al 100%. Chiesa approfitterà del capitale di simpatia e benevolenza di cui i ticinesi godono automaticamente Oltralpe. E col suo primo presidente ‘latino’, l’Udc potrà presentarsi come un partito davvero nazionale, non solo svizzero-tedesco. Non è poco: è in Romandia e in Ticino che l’ex partito agrario – confrontato con un’erosione di consensi soprattutto nelle zone urbane e periurbane della Svizzera tedesca – sembrerebbe avere il maggior potenziale di crescita.
L’Udc guadagna anche qualcos’altro: una certa attenzione per i temi sociali. In questi giorni si è sentito Chiesa – presidente di Soccorso d’inverno Ticino – dire quanto lo preoccupino le difficoltà finanziarie di molte famiglie ticinesi. Forse un giorno spiegherà come si concilia questa preoccupazione con i ripetuti attacchi del suo partito all’aiuto sociale e al forfait di mantenimento, che consente ai più bisognosi (anche a quei ‘residenti’ tanto cari ai democentristi) di restare a galla. Ad ogni modo, è apprezzabile che l’Udc si doti di un presidente con una ‘sensibilità sociale’. Finora su questo fronte ha brillato per la sua assenza, incapace di articolare valide proposte per garantire un futuro alle assicurazioni sociali o rispondere alle esigenze in fatto di socialità di una popolazione sempre più urbana. Una latitanza che il primo partito svizzero non può più permettersi.
Tutto questo però non basta. Per fare bene il mestiere di presidente dell’Udc ci vuole altro. Certo: non parliamo di un partito ’normale’. Chi lo guida è destinato tutt’al più a porre qualche accento più o meno estemporaneo, non a lasciare una vera e propria impronta (com’è il caso di Petra Gössi, che ha fortemente voluto la svolta energetica nel Plr; oppure di Gerhard Pfister, che ha dato l’impulso per un dibattito di fondo sul futuro del Ppd). E nell’Udc che conosciamo sono sempre stati Christoph Blocher e i suoi fedelissimi a dettare la linea.
Anche le formazioni politiche più conservatrici però evolvono, si adeguano bene o male ai tempi: “L’Udc non è più l’Udc di Blocher, ma non è nemmeno ancora l’Udc senza Blocher” (‘Nzz am Sonntag’). Il comando non è più concentrato in poche, note mani. Altri centri di potere si sono sviluppati negli anni, guadagnando terreno nelle istituzioni e quindi influenza in seno al partito. Quali accenti sarà in grado di porre Marco Chiesa – vicino al clan Blocher – in questa Udc in transizione, resta da vedere. Una cosa è certa: per farsi valere Oltralpe, al ticinese non occorrerà solo migliorare il tedesco. Dovrà pure ampliare gli orizzonti tematici e padroneggiare dossier complessi che ha soltanto sfiorato nella sua – sin qui assai discreta – attività di parlamentare. Sarà, poi, il motivatore, l’uomo di polso che il partito cercava per galvanizzare le sue stanche truppe e mettere in riga le sezioni indisciplinate, colpevoli designate della débâcle alle ultime ‘federali’? Vedremo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
21 ore
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
1 gior
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
1 gior
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
2 gior
Il grande ricatto di Putin
Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
3 gior
Valera è la cosa giusta
Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
4 gior
Rito dunque sono
Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
5 gior
Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco
Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
Commento
1 sett
Erdogan e il gioco delle tre carte
Erdogan si schiera ambiguamente un po’ con tutti, a seconda di quel che gli conviene. Un equilibrismo che nasconde nuove mosse, anche in Europa
Commento
1 sett
L’isola delle rose
Di ‘Candle in the Wind 1997’ è già stato scritto? E di Elisabetta II che chiede a Eric Clapton ‘anche lei suona la chitarra?’...
Commento
1 sett
Federer, il più amato
Lo svizzero è stato superato da Nadal e Djokovic come numero di Slam vinti, eppure è la dimostrazione che certi talenti occupano un posto speciale
© Regiopress, All rights reserved