laRegione
treni-a-lunga-percorrenza-una-questione-di-cifre-e-di-cassa
Niente da fare per i momò (per ora) (Ti-Press)
Commento
05.08.20 - 06:100

Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)

Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza

Non c'è niente da fare. Per le Ferrovie il Mendrisiotto non ha proprio i numeri per 'pretendere' di far fermare i treni a lunga percorrenza a Chiasso e a Mendrisio. Anzi, a dirla tutta, non ha neppure lo 'status' per conquistarsi un posto nella mappa degli agglomerati urbani svizzeri da mettere in rete (a livello ferroviario). La sua vocazione? Decisamente regionale agli occhi delle Ffs. Ecco perché si è investito sulla rete Tilo. Ma non era per alleggerire una mobilità soffocante? Sta di fatto che la motivazione (quella numerica) non è nuova. Già a inizio anno (cfr. 'laRegione' del 13 febbraio), le Ferrovie avevano snocciolato un serie di cifre per dimostrare che la stazione della cittadina di confine (un tempo internazionale) non ha il potenziale per guadagnarsi lo scalo regolare di EuroCity e InterCity. I passeggeri dei treni internazionali? Troppo pochi. A distanza di qualche mese, ci risiamo. Solo che stavolta l'analisi è su scala regionale. Per liquidare la faccenda - persino un po' frettolosamente, a prima vista - nella missiva firmata dalla direttrice della Regione sud Roberta Cattaneo e dal responsabile della 'pianificazione offerta - viaggiatori lunga percorrenza' David Henny e recapitata a fine luglio alla Commissione regionale dei trasporti Mendrisiotto e Basso Ceresio (Crtm) si evocano due cifre. Il 95 per cento della clientela del Distretto, si scrive in risposta agli enti locali, si sposta 'all'interno del cantone'; solo il 5 per cento prosegue il viaggio oltre Gottardo. Quanto basta per affermare che la 'priorità strategica per il Mendrisiotto è stata posta sulla creazione di una fitta rete di relazioni con tutti gli altri Comuni e Città del Ticino tramite il trasporto regionale'. La popolazione locale può sempre consolarsi pensando che con la galleria del Ceneri (a dicembre) i tempi per la Svizzera interna si accorceranno, si ammicca. Per i cittadini del Mendrisiotto - che a centinaia se non a migliaia hanno sottoscritto già due petizioni, una terza è stata lanciata in queste ore dal deputato-consigliere Massimiliano Robbiani - rappresenta una ben magra consolazione. Per il presidente della Crtm Andrea Rigamonti si tratta di una conclusione "sbrigativa". La Commissione, ci conferma, "non intende mollare la presa. Questo è un tema troppo importante per lasciarlo cadere". Quanto al Distretto delle istituzioni (in testa i Municipi di Chiasso e Mendrisio) e degli utenti del trasporto pubblico non ha nessuna idea di arrendersi. Le motivazioni delle Ferrovie? "Tutt'altro che convincenti" secondo Rigamonti. Mentre di argomentazioni a difesa delle sue rivendicazioni, rintuzza, il Mendrisiotto ne ha a decine. Ci sarà spazio per un ripensamento da parte delle Ffs (che si dicono orientate a continuare a offrire anche nel 2021 i collegamenti diretti degli IC da Chiasso la mattina e la sera)? L'impressione è che la si voglia finire qui. Questione di puntualità del traffico ferroviario e di complessità del sistema, dicono. Tra le righe la ragione, quella vera, appare, però, un'altra. E di mezzo ci sono gli equilibri sì, ma finanziari. Le Ffs ammettono infatti che 'che lo spostamento della clientela sul traffico a lunga percorrenza, sull'intero corridoio tra Chiasso e Bellinzona, genererebbe minori introiti al traffico regionale rendendo più costoso il finanziamento della S-Bahn ticinese'. Il che suona un po' così: il Consiglio di Stato non ha interesse a favorire il Distretto nella sua battaglia per i treni a lunga percorrenza per motivi di cassa. E a farne le spese (in tutti i sensi) resta il Mendrisiotto.

TOP NEWS Opinioni
L'analisi
13 ore
La solidarietà europea non aiuta i migranti
Il Patto presentato da Ursula von del Leyen lascia irrisolti i temi che più dividono e conferma la chiusura delle frontiere
Commento
1 gior
Festival di Locarno, come ruggirà il Pardo senza testa?
Al di là dei motivi che hanno portato all'addio della direttrice artistica Lili Hinstin, bisogna interrogarsi sulle prospettive del festival
Commento
2 gior
Sorpassi a Bellinzona, sarà una campagna avvelenata!
Insomma qualcuno (chi?) ha fatto e disfatto senza informare chi di dovere. E chi era quel chi?
Commento
2 gior
L’hockey è pronto a ripartire: ‘Godetevi la partita’
La lunga attesa è finita: tra una settimana, tra mille punti interrogativi, torna il campionato svizzero di disco su ghiaccio
Commento
3 gior
La nostra scuola in presenza e presente!
A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
3 gior
Premi malattia, una stangata evitabile
I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
4 gior
Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione
Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
4 gior
Paura batte cultura? Grosso problema!
Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
4 gior
In Italia ha vinto il sì. A che cosa?
Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
5 gior
Piccoli sovranisti in soccorso dello zar
La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile