laRegione
grazie-cara-svizzera-gioiellino-di-convivenza
Commento
31.07.20 - 06:000

Grazie cara Svizzera gioiellino di convivenza

Solidarietà: ecco la parola che mi viene in mente pensando al Natale della Patria 2020

Solidarietà: è la parola che mi viene in mente pensando al Natale della Patria 2020. In questi ultimi mesi, sotto la pressione del virus, l’abbiamo praticata parecchio. Certo, ci sono – e ci sono sempre stati – i menefreghisti e gli individualisti che se ne impippano di tutto e di tutti, o quasi. Ma per fortuna – fors’anche per la paura dello sconosciuto arrivato da Wuhan che ci ha resi particolarmente attenti a quanto ci comunicano le autorità (per qualcuno anche troppo docili) – di rappresentanti di tali categorie se ne sono manifestati tutto sommato pochi. In altre parole, la Comunità ha risposto presente e ha retto.

Abbiamo imparato ad essere solidali

Nolens volens, abbiamo quindi cercato, o imparato, a essere solidali. Come? Beh, assumendo tutta una serie di comportamenti di igiene e sociali per tenere alla larga il più possibile il maledetto virus da noi stessi e, così facendo, l’abbiamo tenuto alla larga anche da chi vive o lavora con noi. Essere solidali ci ha quindi convinto a sottoporci, più o meno spontaneamente, alle quarantene. Sì, alle quarantene al plurale, perché ne abbiamo conosciute di diversi tipi: abbiamo fatto esperienza di quelle che, subito dopo Carnevale, hanno tentato di tenere a bada il Covid, ma lui era già scappato di mano...; poi, a inizio estate, abbiamo conosciuto quelle post emergenza acuta, quando i casi erano drasticamente calati ed era ritornata la possibilità di tracciare i contatti e i potenziali contagiati; e ora stiamo conoscendo le quarantene di rientro dalle vacanze dai Paesi a rischio, la cui lista si allunga sempre più.

Prudenza o menefreghismo?

Ebbene, proprio in relazione a quest’ultima fase in corso, sarà interessante capire quanta solidarietà ci sarà nell’aria, se vincerà la prudenza o il menefreghismo. Valutazione che potremo fare solo a fine agosto, anche se sin d’ora qualche dubbio è legittimo: di mezzo c’è il posto di lavoro e la possibilità che il datore di lavoro non paghi per qualsiasi quarantena. Ecco quindi che, ai bei discorsi sulla solidarietà, sulla responsabilità individuale a rimanere a casa per non esporre al pericolo i colleghi di lavoro, potremmo sentirne altri: della serie “io sto bene, non dico niente, vado a lavorare”.

In aiuto all'economia reale

Quarantene a parte, la solidarietà andrà misurata anche nelle risorse a disposizione della collettività: con tutti i soldi che gli enti pubblici hanno iniettato nell’economia reale, quanto saremo disposti, come lavoratori e datori di lavoro a resistere? A resistere per non far saltare il sistema economico, che potrebbe essere ulteriormente messo in crisi da licenziamenti di massa, per i quali c’è comunque a disposizione uno Stato sociale che è solidarietà con la S maiuscola.

Insomma, l’impressione è che la parolina magica abbia fin qui fatto la sua parte, perché (saggiamente) Berna in primis ha fatto ballare i miliardi. Non fosse successo, per le strade sarebbero già in migliaia a manifestare e a reclamare. Ma, se è stato possibile fare girare tanti soldi, è perché ha funzionato ancora una volta la solidarietà fra chi più ha (e di solito sente meno le crisi) e chi meno ha e le crisi le avverte quasi dal primo istante.

Alla base di tutto c’è però un sistema-Paese chiamato Svizzera, che non piacerà a tutti, che spesso critichiamo, ma che c’è, esiste e lo si sente presente, a differenza di altri Paesi a noi vicini. E alla fin fine è quello che conta.

Grazie, perciò, cara Svizzera, funzionante gioiellino di convivenza.

TOP NEWS Opinioni
Commento
23 ore
L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale
La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
1 gior
Il Libano era in ginocchio, ora è steso
La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
2 gior
Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)
Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
Commento
3 gior
Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema
Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema
Commento
4 gior
Ha vinto lo Young Boys, ma pure il Lugano
I bernesi hanno griffato l'infinita Super League 2019/2020 con il loro terzo titolo filato, ma anche la quinta salvezza consecutiva dei bianconeri non è da sottovalutare
Commento
1 sett
Tra euforia finanziaria e pessimismo economico
Finanza ed economia reale in questo periodo particolare hanno dinamiche contrapposte con la prima che brinda e la seconda che vede nero
Commento
1 sett
Il diritto del ben mangiare per tutti!
Bisognerebbe rendere obbligatoria l’educazione alimentare. Insegnare cos’è il “vivente”, una radice, un legume, un animale, la storia e provenienza dei prodotti.
Commento
1 sett
La voce da tenore e quella da bischero
Andrea Bocelli 'umiliato e offeso' dal lockdown. Al prossimo concerto, vada a spiegarlo a bresciani e bergamaschi.
Commento
1 sett
Al lupo, al lupo! Stato totalitario?
Per favore, signor deputato, anche se si può legittimamente (e ci mancherebbe!) avere un’idea opposta sull’efficacia della misura, che non si scomodi con tanta facilità lo stato totalitario liberticida.
Commento
1 sett
Un atto d’amore
La sentenza emessa ieri a favore di Mina Welby e Marco Cappato è un fatto nuovo non soltanto per l’assoluzione dei due
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile