laRegione
tra-euforia-finanziaria-e-pessimismo-economico
(foto Keystone)
Commento
30.07.20 - 06:000

Tra euforia finanziaria e pessimismo economico

Finanza ed economia reale in questo periodo particolare hanno dinamiche contrapposte con la prima che brinda e la seconda che vede nero

Si afferma spesso che l’economia finanziaria, quella fatta di carta e scommesse, sia completamente sganciata dall’economia reale, quella fatta invece di produzione e consumi di beni e servizi. Guardando l’andamento dei listini delle principali piazze borsistiche mondiali delle ultime settimane (in netto recupero) e le proiezioni sul Prodotto interno lordo (in forte calo) l’affermazione sembra essere confermata dai fatti. Ancora una volta, quindi, economia reale e piazze finanziarie non sono affatto sincronizzate. Il coronavirus prima ha fatto precipitare il mondo intero in una pandemia globale e ora, dopo la crisi sanitaria, anche quella economica non ha tardato a manifestarsi. Da una parte ci sono il mercato del lavoro e il Pil che faticano a riprendersi e dall’altra i listini finanziari che dopo un momento di turbolenza sembrano aver recuperato il terreno perso come se - apparentemente - nulla fosse successo. Se ci limitiamo ad osservare il solo indice Smi della Borsa svizzera - il discorso vale anche per altri indici -, era a quota 9’800 punti esattamente un anno fa e ieri si situava a oltre 10’250 punti: circa il 3% in più rispetto a dodici mesi prima quando del Covid-19 non si sapeva nemmeno cosa fosse. Certo, rispetto ai massimi storici toccati lo scorso 16 febbraio (oltre 11’100 punti), si è ancora ampiamente in territorio negativo.  

I dati macroeconomici per le principali economie mondiali invece vanno in tutt’altra direzione rispetto alle Borse. L’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, stima una diminuzione del Pil globale del 6%. Per l’Europa le previsioni di contrazione dell’economia sono vicine al 10% e oltre all’11% in caso di una recrudescenza della pandemia di coronavirus. Per la Svizzera, il calo del Pil sarà meno pronunciato (tra il -5,4% e il -7,7% a seconda degli istituti di previsione), ma comunque di profondità sconosciuta negli ultimi decenni e che molto probabilmente lascerà segni duraturi nella struttura economica del Paese negli anni a venire a partire dal livello di indebitamento pubblico e privato.

E proprio qui sta la risposta alla domanda di come mai c’è questa contrapposizione tra finanza ed economia reale. Banche centrali e governi per far fronte alle conseguenze della crisi indotta dal coronavirus hanno messo in campo strumenti eccezionali sia di politica monetaria, sia di politica economica espandendo da una parte ancora una volta l’offerta di moneta e dall’altra varando ampi piani di sostegno a imprese e lavoratori. I mercati finanziari, come sta avvenendo del resto da oltre un decennio, stanno reagendo a questi stimoli e alle attese di interventi pubblici in modo pavloviano. Un esempio è dato proprio dal varo del Recovery Fund a livello di Unione europea un mese fa. Non è ancora chiaro come e quando i 750 miliardi di euro verranno spesi che la sola aspettativa di un importante stimolo fiscale ha fatto balzare in modo importante i listini. Esauriti questi effetti, la tendenza degli stessi mercati finanziari è quella di ripiegare. Per questa ragione molti economisti guardano con timore al prossimo autunno quando, scontato l’intervento pubblico, sarà più chiara la direzione che prenderà l’economia reale. E non è per nulla certo che sarà una ripresa a V: una rapida discesa e un’altrettanta veloce risalita.

TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
Caso Chiappini: via Borghetto, quante domande!
Sul chi sapesse cosa si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia
Commento
14 ore
Le sfide di Speziali, nel futuro ma non dimenticando il passato
Il neopresidente del Plr ha una visione per i prossimi anni che sarà di successo solo se sarà all'insegna dell'ascolto e del rispetto per la storia e le sensibilità
Commento
2 gior
La piccola Greta e il pulmino solo per residenti
Brutto esempio di ingiustizie e diseguaglianze anche fra gli ultimi
Commento
2 gior
Dio quanto ti odio (anche i quotidiani nel loro piccolo...)
(...s'incazzano) Il Giornale di Brescia ‘molla’ Facebook. ‘L’ora dei social è al tramonto’, commenta qualcuno. Ma lo dicevano anche del karaoke (maledetto Fiorello).
Commento
3 gior
Per un dibattito responsabile evitiamo i complottismi
Dal ‘Great Reset‘ alle pandemie programmate, evitiamo le teorie cospirazioniste che rendono impossibile discutere delle sfide che ci attendono
Commento
3 gior
Ginnaste ridotte a marionette, una cultura da cambiare
Una medaglia, magari olimpica, vale tante umiliazioni e violenze psicologiche? Tanti tabù da superare
Commento
4 gior
Iniziativa responsabile, controprogetto insostenibile
Responsabilità civile, obbligo di dovuta diligenza, piccole e medie imprese: alcune cose da ricordare al termine di una campagna che ha ‘deragliato’.
Commento
4 gior
La comunicazione durante il lockdown: luci e ombre
Un sondaggio Ustat mostra l'efficacia dell'informazione ‘unificata’ sotto lo Stato maggiore cantonale. Ma anche una critica è doverosa
Commento
5 gior
Presidenza Plr, lei o lui. E una supersquadra!
Timoniere/a con di fronte a sé una sfida da ramponi sulla parete Nord dell’Eiger!
Commento
6 gior
Tanti errori, tanta energia. Ma questi giovani ci salveranno
Risse, mancato rispetto delle misure anti Covid: abbiamo puntato il dito contro i giovani. Ma il nostro riscatto è nelle loro grandi e preziose risorse
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile