laRegione
il-diritto-del-ben-mangiare-per-tutti
Grotto Ti-Press
Commento
29.07.20 - 06:100

Il diritto del ben mangiare per tutti!

Bisognerebbe rendere obbligatoria l’educazione alimentare. Insegnare cos’è il “vivente”, una radice, un legume, un animale, la storia e provenienza dei prodotti.

La prudenza non è mai troppa, ma, obbedienti alle raccomandate precauzioni, come rinunciare di questi tempi al fresco grotto o al conviviale ristorante che, oltre tutto, si danno meglio da fare per togliersi l’handicap che li ha azzoppati?

Un amico medico, noto dermatologo ma anche politico, sostiene che con il virus si è persa l’occasione per far passare qualche messaggio costruttivo. Sembra che sia stata dimostrata (nel Bergamasco!) una correlazione tra obesità e maggior devastazione del virus; perché allora non far passare il messaggio: migliore alimentazione, più movimento, obesità condizione sempre aggravante?

Tra i “file” impacchettati come curiosi e utili e che il tempo d’estate induce a rianimare o depurare, ecco che, quasi su chiamata, ricolpisce un’intervista rilasciata tempo fa da uno dei maggiori chef francesi, Olivier Roellinger. Certamente archiviata perché allora, non senza abbondante spezie polemica, aveva pubblicato su molti quotati giornali (come Le Monde) una sorta di manifesto contro l’invasione dell’agrochimica nei nostri piatti.

In quell’intervista dice che nella nostra società c’è una vera cesura alimentare: da una parte si trova chi può accedere al buon gusto e alle buone cose, dall’altra chi subisce ciò che propone la grande distribuzione più quantitativa che qualitativa. Non è un problema di potere d’acquisto, che è spesso una facile scusa. È una questione socioculturale, di conoscenza e educazione.Viviamo poi anche un’altra frattura: quella tra consumatori e contadini, tra città e campagna. Oggi molti contadini faticano a vivere dei propri prodotti e si è anche perso il giusto riconoscimento del loro lavoro, spesso presi per il collo da intermediari e distributori.

E allora? La risposta può essere una sola: bisogna finalmente avere l’audacia di proclamare il diritto del ben mangiare per tutti. Come il diritto a respirare aria pura o a bere acqua pulita. Lezione che si sposa a quella pretesa dall’amico medico. Diritto da inserire nella Costituzione come bene comune da perseguire per la società, pena sanzioni da prevedere in ordinanza.

Già, ma come si fa a rendere perlomeno coscienti di questo diritto? Come è avvenuto per l’educazione fisica o per quella sessuale, bisogna rendere obbligatoria l’educazione alimentare, a partire dalle scuole dell’infanzia. Insegnare poi che cos’è il “vivente”, una radice, un legume, un animale, la storia e provenienza dei prodotti, l’igiene alimentare e altro ancora (sostiene Roellinger).

C’è però molto di più, ci sembra. Bisogna sostenere e sviluppare l’agricoltura contadina, in particolare quella bio; liberare le sementi dalla manomissione e dalla privatizzazione delle multinazionali; mangiare locale e stagionale; meno carne ma di miglior qualità e con i circuiti intermediari più corti possibili (senza Mercosur, ad esempio) valorizzare i piccoli commercianti di prossimità, anelli indispensabili tra produttori e consumatori; imparare a non sprecare, acquistare sfuso, riciclare i resti…

C’è un’osservazione di quel coraggioso chef che va ripresa, tanto è densa di gusto e significato: “Mangiare bene è un modo di fare politica che non divide”. (Sembra però che già la pensavano alcuni politici ticinesi che praticavano i grotti)

TOP NEWS Opinioni
Commento
17 ore
Aiuti Covid, manca il coraggio politico
I 75 milioni di franchi votati dal Gran Consiglio per sostenere le Pmi probabilmente non saranno sufficienti
Commento
1 gior
Altro che ‘Sleepy Joe’: Biden preme sull’acceleratore
Con un tripudio di decreti esecutivi il 46esimo presidente cancella, come fosse un colpo di spugna, parte di quel trumpismo che ha avvelenato il paese
Commento
3 gior
Il liberismo spara sulla Posta
Invece di privatizzare Postfinance, perché non creare un istituto alternativo dedicato agli investimenti per l’ambiente e al sostegno di giovani imprenditori?
Commento
3 gior
Le parole che restano, da Luis Sepúlveda a Erminio Ferrari
Scrittori che con un occhio nel microscopio e uno nel telescopio hanno saputo analizzare le storture del mondo e orientarci verso la sua poesia
DISTRUZIONI PER L’USO
3 gior
Amanda, Miranda e Bernie: pensierini un po’ commossi
La poesia di Gorman letta all’insediamento di Joe Biden è una cosa da tirar fuori i Kleenex. Resta da capire perché
Commento
4 gior
America the Beautiful, una nazione per tutti
Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
5 gior
Conte e i trasformisti della politica italiana
Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
6 gior
La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe
Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
6 gior
Lugano prende a calci il dibattito
Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
6 gior
Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito
Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile