laRegione
la-mafia-fra-bucalettere-bar-e-terreni
Commento
27.07.20 - 06:100

La mafia fra bucalettere, bar e terreni…

In Svizzera presenti almeno 20 cellule mafiose attive, cui fanno capo circa 400 persone. Dove? Soprattutto nei cantoni di confine fra cui Ticino!

Nelle sue diverse declinazioni, a seconda della regione di provenienza, la mafia continua a far scorrere fiumi d’inchiostro. Anche la domenica. Come noto, a ridestare l’interesse di giornalisti e opinione pubblica nazionale è stata la maxi-inchiesta che ha visto impegnati al fronte delle indagini inquirenti italo-svizzeri. Un’inchiesta che ha portato all’arresto di parecchie persone oltre confine e anche da noi. La ‘Nzz am Sonntag’ ha battuto il ferro ancora caldo rivelando ieri che sul territorio elvetico sarebbero presenti almeno 20 cellule mafiose attive, cui fanno capo circa 400 persone. Dove? Soprattutto nei cantoni di confine, fra cui Ticino, Vallese e Grigioni, e in città e agglomerati di altri cantoni (evidenza confermata proprio dall’operazione di Catanzaro, con perquisizioni e un arresto fra Argovia, Soletta e Zugo).

Bar vuoti che fanno utili!

Come già avvenuto in altre occasioni, quando dalla palude criminogena qualcosa emerge, c’è chi ripete che, ahinoi!, abbiamo inquirenti non sempre all’altezza, non sempre sufficientemente attenti e capaci di coordinarsi… a causa del federalismo. In questo momento – tra l’altro – anche il Ministero pubblico della Confederazione vive un periodo molto difficile con l’agonia dello scandalo Lauber e la sua annunciata partenza. C’è perciò urgente bisogno che qualcuno prenda seriamente in mano l’emergenza, partendo da tanti dati che si possono osservare nei rapporti d’indagine, ma non solo. Pure l’autorità politica deve darsi una mossa e svegliarsi dal torpore, perché dispone già di informazioni molto significative che dovrebbero indurre all’azione. Il giornale fornisce alcuni esempi lampanti: cosa significa quando leggiamo che “in Ticino diversi bar sono vuoti tutto il giorno, ma realizzano un giro d’affari importante”?. Cosa significa se – anche se non è sempre una prova – all’ufficio tassazioni risulta che un’attività (un bar, un ristorante, un negozio...) ha delle entrate importanti, mentre ve ne sono altre in zona che fanno fatica? Ovvia risposta: che potrebbe esserci qualcosa che non va. Dubbio quindi legittimo: si sta forse riciclando alla vecchia maniera della Pizza Connection? Dai, dobbiamo forse sempre attendere che a dirci quali attività puzzano siano gli italiani? O i nostri 007 attraverso i dati fiscali possono magari anche loro avvertire pure puzza di bruciato?

Quante bucalettere nel Moesano!

Altro tema, già menzionato negli anni, è poi quello delle società bucalettere. Cosa ribadisce il domenicale zurighese? Che le organizzazioni criminali sono solite utilizzarle – citiamo – “per lavare il denaro frutto di attività criminali”. “Solo nella valle grigionese di lingua italiana – ricorda il foglio – sono registrate circa 2mila società di questo tipo, per una popolazione di 8’300 abitanti”. Spuntate come funghi! Già! Come mai?

E certa edilizia?

Un brivido lo avvertiamo quando leggiamo che la sindaca di San Vittore Nicoletta Noi Togni (che in passato si è già attivata anche contro le bucalettere) dichiara al domenicale che, sì, è consapevole del problema, ma che ha “le mani legate nei confronti di questo modus operandi che contempla anche, oltre alla fondazione di società fittizie, pure l’acquisto di terreni”. E poi – udite udite – “gli abitanti sono contenti quando ciò accade, perché almeno qualcuno vuole costruire”. Sì, ma piazzando che genere di capitali? Puliti o sporchi?

TOP NEWS Opinioni
Commento
15 ore
Aiuti Covid, manca il coraggio politico
I 75 milioni di franchi votati dal Gran Consiglio per sostenere le Pmi probabilmente non saranno sufficienti
Commento
1 gior
Altro che ‘Sleepy Joe’: Biden preme sull’acceleratore
Con un tripudio di decreti esecutivi il 46esimo presidente cancella, come fosse un colpo di spugna, parte di quel trumpismo che ha avvelenato il paese
Commento
3 gior
Il liberismo spara sulla Posta
Invece di privatizzare Postfinance, perché non creare un istituto alternativo dedicato agli investimenti per l’ambiente e al sostegno di giovani imprenditori?
Commento
3 gior
Le parole che restano, da Luis Sepúlveda a Erminio Ferrari
Scrittori che con un occhio nel microscopio e uno nel telescopio hanno saputo analizzare le storture del mondo e orientarci verso la sua poesia
DISTRUZIONI PER L’USO
3 gior
Amanda, Miranda e Bernie: pensierini un po’ commossi
La poesia di Gorman letta all’insediamento di Joe Biden è una cosa da tirar fuori i Kleenex. Resta da capire perché
Commento
4 gior
America the Beautiful, una nazione per tutti
Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
5 gior
Conte e i trasformisti della politica italiana
Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
6 gior
La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe
Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
6 gior
Lugano prende a calci il dibattito
Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
6 gior
Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito
Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile