laRegione
uno-spontaneo-obbligato-addio
Keystone
il commento
24.07.20 - 19:330
Aggiornamento : 19:51

Uno spontaneo, obbligato addio

Il procuratore generale 'offre' le sue dimissioni dopo la sentenza del Taf. Ma è l'addio (benvenuto) di una persona con le spalle al muro.

Michael Lauber non si dimette, "offre" le sue dimissioni alla Commissione giudiziaria (Cg) dell’Assemblea federale. "Nell’interesse dell’istituzione". A minare la credibilità della procura federale non è la sua cocciutaggine, l’aver dichiarato il falso, l’aver contribuito a creare una crisi istituzionale (con tutto quel che comporta sul piano concreto del perseguimento penale) accusando pubblicamente l’autorità di vigilanza di nutrire pregiudizi nei suoi confronti. No, è invece "la mancata fiducia nei miei confronti in qualità di Procuratore generale" che "danneggia il Ministero pubblico della Confederazione".

Lauber resta sé stesso. Continuando, di fronte all’evidenza, a "respingere fermamente l’accusa di menzogna". Contraccando quand’è sulla difensiva. Non facendosi da parte nemmeno quando annuncia di volerlo fare. Ma la 'dichiarazione personale' con la quale ha reagito all’attesa sentenza del Tribunale amministrativo federale (Taf), che lo inchioda alle sue responsabilità (cfr. p. 2), non riesce a mascherare la realtà: rimproverato anche dai giudici di aver violato in modo grave i suoi doveri d’ufficio, ormai spalle al muro, al procuratore generale della Confederazione non restava altro che andarsene di sua 'spontanea' volontà. Avesse tergiversato ancora, la Cg avrebbe presto trasmesso una proposta di destituzione (dall'esito prevedibile) all’Assemblea federale. Una fine ancor più ingloriosa per il primo procuratore generale eletto dal Parlamento, oltre che un inutile spreco di tempo.

La pressione su di lui si era fatta insostenibile. In autunno una scarsa maggioranza dell’Assemblea federale lo aveva rieletto per un terzo mandato. Nonostante il preavviso negativo della Cg, e un’inchiesta disciplinare in corso. Poi però tutto è andato a rotoli. L’Autorità di vigilanza sull’Mpc ha appurato che - in relazione agli incontri segreti col presidente della Fifa Gianni Infantino - Lauber ha violato in modo grave i suoi doveri d’ufficio. Un procedimento della maxi-inchiesta Fifa è caduto in prescrizione (identica sorte potrebbe toccare ad altri). La Cg ha avviato una procedura di revoca nei suoi confronti, una cosa mai vista in Svizzera. Mancava soltanto il verdetto dei giudici sangallesi. Che è impietoso: pur relativizzando alcune violazioni commesse dal procuratore generale, il Taf in sostanza ne demolisce la credibilità dandogli del bugiardo.

Lauber ha restituito capacità operativa, solidità organizzativa e credibilità alla procura federale dopo i tormentati anni dei suoi predecessori Valentin Roschacher ed Erwin Beyeler. Ha portato avanti grandi inchieste internazionali (Petrobras, 1MdB), incassato qualche vittoria nella lotta al terrorismo jihadista e in altre inchieste di rilievo (Falciani, Behring). Gli scarsi risultati ottenuti nella lotta alla criminalità organizzata, il primo flop nella maxi-inchiesta Fifa e altri rovesci subiti (la mancata condanna dei dirigenti del Consiglio centrale islamico, ad esempio) non offuscano più di quel tanto il suo bilancio. Ma adesso tutto questo non conta (più). Solo un volto nuovo alla testa dell’Mpc potrà restituire la necessaria serenità a un’istituzione provata dalla vicenda. Serve però anche una riflessione su un altro piano. Perché non sembra normale che gli ultimi tre procuratori generali abbiano dovuto fare le valigie anzitempo, sopraffatti dalle pressioni politiche (Roschacher nel 2006; Lauber nel 2020) o dopo non essere stati rieletti (Beyeler nel 2011).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
17 ore
Riscaldamento globale, il compromesso del doppio binario
Sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti: scioperare per il futuro sì, ma anche sostenere la nuova legge sul Co2
Commento
17 ore
Scozia, il tassello più pregiato del Regno disunito
La Brexit ha dato risposte facili a un problema complesso: per questo sarà difficile dire no a un nuovo referendum scozzese e alla riunificazione dell'Irlanda
Commento
1 gior
Il trionfo forzato dell'indebitamento
Storicamente il debito ha sempre avuto una connotazione negativa, perché opposto a una filosofia politica e morale di liberazione dell’individuo
Commento
3 gior
Una superpotenza chiamata Netanyahu
Primo ministro dal 2009, trova sempre un modo per restare in sella. Gli scontri di questi giorni sono l'occasione di evitare processi e declino
Commento
4 gior
Barcolla, non molla, il pugile bianconero
Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti
Commento
5 gior
Non è una sinistra per poveri (e Piketty spiega il perché)
Le classi più deboli tenderebbero a votare sempre meno una sinistra impegnata in molte battaglie culturali, ma che non riesce a parlare ai lavoratori
Commento
1 sett
Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro
Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
1 sett
Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini
Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 sett
La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti
India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
1 sett
Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra
La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile