laRegione
chiara-ferragni-gli-uffizi-e-la-banalita-dell-influencer
Chiara Ferragni Botticelli (www.instagram.com/uffizigalleries/)
Commento
25.07.20 - 06:000

Chiara Ferragni, gli Uffizi e la banalità dell’influencer

Le polemiche per la visita della celebrità italiana agli Uffizi sono un rassicurante ritorno alla normalità. E alla miopia di certe istituzioni

C’è qualcosa di rassicurante, nella polemica Chiara Ferragni/Uffizi che ha tenuto banco negli scorsi giorni. Rassicurante perché le accese discussioni nate da una visita “in solitaria” della influencer al museo fiorentino – legata a un servizio fotografico per ‘Vogue’ – e relativa eco sui social media testimoniano, a loro modo, un ritorno alla normalità: se possiamo litigare sull’opportunità di accostare la Venere di Botticelli a una donna che ha saputo trasformare i social media in un redditizio mestiere, vuol dire che, almeno a livello mediatico, stiamo iniziando a lasciarci alle spalle la pandemia.
Certo, è una normalità di cui in molti avrebbero volentieri fatto a meno, con l’inconcludente polarizzazione tra chi attacca in maniera pretestuosa e spesso verbalmente violenta Chiara Ferragni per aver osato avvicinarsi al sacro mondo dell’arte e chi invece, con argomenti altrettanto poco convincenti, esalta l’iniziativa di marketing degli Uffizi che con un post su Instagram avrebbe attirato i giovani visitatori (il condizionale in quanto non si hanno dati ufficiali ma solo una dichiarazione del direttore Eike Schmidt sulla quale varrà la pena tornare).
La polarizzazione, il “o sei contro o sei a favore”, è una modalità della mente umana la cui diffusione certo non si limita ai social media ma vi trova terreno fertile: non stupisce quindi che l’immagine dell’influencer in pantaloncini e top bianco (addirittura con ombelico scoperto!) abbia dato il via alla polemica. Gestita peraltro bene da Chiara Ferragni, da sempre attenta a evitare le discussioni tossiche – sarebbe bello se i politici attivi sui social media avessero la stessa cura. Proviamo tuttavia a uscire da questa polarizzazione, iniziando con il riconoscere che Chiara Ferragni è un’imprenditrice di successo, anche se in un mondo che – per questioni anagrafiche e di sensibilità – parte della popolazione fatica a comprendere. Un’imprenditrice e una celebrità che è normale utilizzi un museo come ‘location’: capita di continuo, a vantaggio di tutti; e il fatto che ciò non avvenga durante l’usale orario di apertura, più che una cortesia verso la celebrità, è a tutela del pubblico che si presume visiti il museo per le opere d’arte, non per ritrovarsi invischiata in un set fotografico. E normale è anche che Chiara Ferragni documenti la visita in solitaria con un post su Instagram nel quale, con studiata naturalezza, consiglia di visitare “one of the most special [museums] in the world” (in inglese, perché il suo pubblico è internazionale).
Solo che gli Uffizi non si sono limitati a questa pubblicità gratuita sul seguitissimo profilo di Chiara Ferragni e hanno voluto rilanciare la visita sui propri canali, con un’operazione un po’ maldestra, per stile e contenuto (ma va riconosciuto che gestire l’identità “social” di un’istituzione, soprattutto se prestigiosa come gli Uffizi, è cosa complessa). E poi è arrivata la difesa del direttore Schmidt, basata unicamente sul numero di like ricevuti e di biglietti staccati. E giustificare la propria strategia comunicativa semplicemente su questi due parametri è indegno – per un museo come per un qualunque influencer o aspirante tale.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi
Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
2 gior
L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale
La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
3 gior
Il Libano era in ginocchio, ora è steso
La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
4 gior
Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)
Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
Commento
5 gior
Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema
Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema
Commento
6 gior
Ha vinto lo Young Boys, ma pure il Lugano
I bernesi hanno griffato l'infinita Super League 2019/2020 con il loro terzo titolo filato, ma anche la quinta salvezza consecutiva dei bianconeri non è da sottovalutare
Commento
1 sett
Grazie cara Svizzera gioiellino di convivenza
Solidarietà: ecco la parola che mi viene in mente pensando al Natale della Patria 2020
Commento
1 sett
Tra euforia finanziaria e pessimismo economico
Finanza ed economia reale in questo periodo particolare hanno dinamiche contrapposte con la prima che brinda e la seconda che vede nero
Commento
1 sett
Il diritto del ben mangiare per tutti!
Bisognerebbe rendere obbligatoria l’educazione alimentare. Insegnare cos’è il “vivente”, una radice, un legume, un animale, la storia e provenienza dei prodotti.
Commento
1 sett
La voce da tenore e quella da bischero
Andrea Bocelli 'umiliato e offeso' dal lockdown. Al prossimo concerto, vada a spiegarlo a bresciani e bergamaschi.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile