laRegione
contro-la-violenza-docenti-occorre-piu-coraggio-civico
Commento
15.07.20 - 06:300

Contro la violenza: docenti occorre più coraggio civico!

In simili casi di violenza inaudita come fa a prevalere la prudenza?

La scorsa settimana, mentre un padre padrone violento era a processo per una serie di gravi reati compiuti contro i figli che – dixit – ‘nella nostra cultura vengono educati in questo modo per evitare che prendano la strada sbagliata’, è emerso un dato di fatto allarmante (e non è la prima volta). Cioè che il clima di terrore e di violenze, che ha determinato poi la Corte delle Assise criminali a condannare l’uomo ad una pena di 8 anni per omicidio intenzionale tentato e ripetuto, non era rimasto nascosto dietro la discrezione delle mura domestiche. No: ovvero, anche altri sapevano. E fra questi altri sono stati indicati alcuni docenti/funzionari che – in che termini lo diranno le nuove inchieste penali aperte appena dopo la pronuncia della condanna del padre violento – avevano ricevuto dalle parti lese (i figli) comunicazioni di indizi di reato.

Spezzare l'omertà

Non vorremmo trovarci nei loro panni. E questo per più motivi. Intanto perché, sapere qualcosa e prender poi atto dell’inferno nel quale hanno vissuto quei ragazzi e allo stesso momento sapere che, se in qualità di docenti/funzionari informati si fossero rivolti all’autorità anziché tenersi per sé le denunce, molto probabilmente l’atroce sofferenza sarebbe durata molto meno, non può non far sorgere in loro parecchi interrogativi e anche qualche senso di colpa. E poi perché, se un docente insegna fra le tante cose anche come affrontare la vita, quella vera, proprio tali situazioni (particolarmente gravi) sono quelle nelle quali l’adulto, perché maestro educatore e figura professionale chiamata anche a spezzare l’omertà, dovrebbe essere in grado di intuire prima cosa sta capitando.

Il quieto vivere? Non può esistere!

Siccome, dicevamo, non è il primo caso nel quale durante un processo penale con tristezza si constata che c’era, o che potrebbe esserci stato, qualcuno, fra gli adulti, che era informato e non ha fatto quello che doveva e/o poteva fare, per lanciare a tempo debito l’allarme, è bene che l’inchiesta che sta prendendo avvio per appurare chi sapeva cosa, serva ad aprire gli occhi a persone che un domani potrebbero trovarsi in situazioni analoghe e anche a chi (per quieto vivere) preferisce guardare dall’altra parte. In simili casi, se ne prenda nota, il quieto vivere non può esistere.

Certo, non è facile immischiarsi nelle faccende per così dire altrui ed è difficile capire cosa succede dentro le case e le famiglie. Ma in tali casi, riteniamo, non deve prevalere la prudenza, ma una scintilla di coraggio civico che porti alla segnalazione dei sospetti a polizia e magistratura. Saranno poi loro, con gli strumenti di cui dispongono, a verificare se davvero c’è qualcosa e se sarà necessario intervenire. Segnalare all’autorità, permette poi anche a docenti e funzionari di scrollarsi di dosso la responsabilità penale che scatta nei loro confronti nel caso in cui sanno e non denunciano. E, fatto ancora più importante, permette alla vittima, che ha lasciato filtrare qualche indizio all’indirizzo di chi ha fiducia, di finalmente rompere il silenzio in cui spesso è immersa l’intera famiglia e tornare (lo si spera) un giorno a vivere.

TOP NEWS Opinioni
Commento
10 ore
Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra
Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
10 ore
Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia
La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale
Commento
21 ore
L'azzardo secondo Matteo
A Matteo Renzi non riesce l'azzardo, e in caso di elezioni a giugno rischia la débâcle. Ma la paura dei parlamentari di perdere il seggio potrebbe salvarlo
Commento
1 gior
Un mini lockdown per evitare una terza ondata
Per mitigare gli effetti economici negativi la Confederazione allenta i criteri di accesso ai fondi per i casi di rigore. Potrebbe non bastare, però
Commento
1 gior
Quella stretta di mano che non s'ha da fare
Ridivampa la polemica su Minsk e sull'ipotetico Mondiale bis in Bielorussia, a fine maggio. Quando l'hockey (ma non solo) dovrebbe pensarci due volte
Commento
2 gior
Cosa non va nel ‘social media ban’ di Trump
Un mondo virtuale senza i messaggi di odio di Trump è un mondo migliore. Ma la sospensione del presidente Usa è più un atto di forza dei social media che di libertà
L'analisi
3 gior
Navalny contro Putin, specchio di un Paese in difficoltà
Lo scontro tra il potere moscovita e il blogger, che da anni denuncia corruzione e malefatte, non conosce più confini. Dietro c'è la crisi economica
Commento
4 gior
Usa, il carnevale della democrazia
Giunti a Washington a difesa del loro Cesare scalzato, i pretoriani di Trump si sono rivelati per quello che sono: esaltati pagliacci.
Commento
4 gior
Donald senza ‘Gloria’, stella di cartone
Il presidente si fa bello con la canzone dell'Umberto Tozzi e l'Umberto Tozzi s’indigna. Non è la prima volta (chiedete al Boss). Ma forse un senso c’è...
Gallery
Il commento
6 gior
Sopravvivenza, senza fronzoli
Usciti da un 2020 doloroso e zeppo di difficoltà, siamo entrato in un'annata che di garanzie non ne fornisce. Né per i grandi né per i piccoli eventi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile