laRegione
e-una-questione-di-rispetto-ed-educazione
Commento
11.07.20 - 11:300

È una questione di rispetto ed educazione

In montagna avere attenzione per le misure di protezione contro il coronavirus e per l’ambiente significa avere a cuore il lavoro di tante persone

Lasciare tutto come lo si è trovato dovrebbe essere una delle prime regole del vivere civile. In ogni ambito, ovunque si sia ospiti. Ancor di più se ad accogliere è la natura, come nel caso delle gite in altura che trattiamo nell’edizione di oggi. “Noi abbiamo bisogno della montagna, ma la montagna non ha bisogno di noi” sintetizza a pagina 3 Enea Solari della Federazione alpinistica ticinese. E ha ragione. È il minimo indispensabile pretendere che chi si approccia alle meraviglie della natura lo faccia con tutta la consapevolezza che occorre, e in sicurezza. Considerando, va da sé, due fattori. Il primo è che la pandemia e le decisioni prese dall’autorità rendono difficile il lavoro a rifugi e capanne, dove molte persone si sono prodigate in queste settimane per offrire ai turisti un’esperienza comunque piacevole: rispettare la montagna significa anche rispettare il tempo, la passione, lo sforzo e tutto il lavoro dedicato da chi, tra una restrizione e un divieto, ha comunque aperto le proprie porte. Il secondo è che riempirsi la bocca di attenzione per l’ambiente quando si parla di scioperi studenteschi o quando l’attualità lo facilita lascia un po’ il tempo che trova se poi, nella quotidianità, si è i primi a non corrispondere coi fatti alle parole. In momenti come questi, dove è richiesta responsabilità individuale e dove le indicazioni - gradite o sgradite poco conta - sono chiare, bisogna chiedersi quali difficoltà provochi il seguirle. Si tratta semplicemente di ricordarsi una riservazione, o di guardare bene il tracciato di un sentiero prima di incamminarsi. E di tener presente che il rispetto per l’ambiente e la prevenzione da una seconda ondata pandemica non sono appaltati esclusivamente allo Stato, ma passano anche dall’individuo. Da ognuno di noi.

TOP NEWS Opinioni
Commento
22 ore
Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema
Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema
Commento
1 gior
Ha vinto lo Young Boys, ma pure il Lugano
I bernesi hanno griffato l'infinita Super League 2019/2020 con il loro terzo titolo filato, ma anche la quinta salvezza consecutiva dei bianconeri non è da sottovalutare
Commento
4 gior
Grazie cara Svizzera gioiellino di convivenza
Solidarietà: ecco la parola che mi viene in mente pensando al Natale della Patria 2020
Commento
5 gior
Tra euforia finanziaria e pessimismo economico
Finanza ed economia reale in questo periodo particolare hanno dinamiche contrapposte con la prima che brinda e la seconda che vede nero
Commento
6 gior
Il diritto del ben mangiare per tutti!
Bisognerebbe rendere obbligatoria l’educazione alimentare. Insegnare cos’è il “vivente”, una radice, un legume, un animale, la storia e provenienza dei prodotti.
Commento
1 sett
La voce da tenore e quella da bischero
Andrea Bocelli 'umiliato e offeso' dal lockdown. Al prossimo concerto, vada a spiegarlo a bresciani e bergamaschi.
Commento
1 sett
Al lupo, al lupo! Stato totalitario?
Per favore, signor deputato, anche se si può legittimamente (e ci mancherebbe!) avere un’idea opposta sull’efficacia della misura, che non si scomodi con tanta facilità lo stato totalitario liberticida.
Commento
1 sett
Un atto d’amore
La sentenza emessa ieri a favore di Mina Welby e Marco Cappato è un fatto nuovo non soltanto per l’assoluzione dei due
Commento
1 sett
La mafia fra bucalettere, bar e terreni…
In Svizzera presenti almeno 20 cellule mafiose attive, cui fanno capo circa 400 persone. Dove? Soprattutto nei cantoni di confine fra cui Ticino!
L'analisi
1 sett
Stati Uniti: cento giorni, ancora
Mancano poco più di tre mesi all’election day in un paese che si è polarizzato come mai prima d’ora. Trump sull’orlo dell’abisso, Biden si gode lo spettacolo..
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile