laRegione
signora-magdalena-lo-stato-merita-rispetto
Commento
11.07.20 - 11:300

Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!

La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.

Se voleva dare una mano a suo padre (ma davvero ha bisogno di avvocati difensori in casa propria?) per togliersi d’impiccio nell’imbarazzante questione della pensione richiesta retroattivamente alla Confederazione, la figlia di Christoph Blocher faceva meglio a inventarsi qualcosa d’altro da dire.

Ieri, alla presentazione dei conti dell’azienda di famiglia, la Ems Chemie, ha infatti creduto di spezzare una lancia in suo favore. Questa la difesa di Magdalena Martullo-Blocher: secondo lei, l’ex consigliere federale non avrebbe mai rinunciato alla pensione e in ogni caso quel paio di milioni (2,7!) meglio darli ad un imprenditore come lui, che sa cosa farne, piuttosto che lasciarli allo Stato, gestito da una maggioranza di centro sinistra abituata a buttarli dalla finestra per ogni cosa... Come dire: chi usa il denaro versato nelle casse pubbliche è senza dubbio uno che sperpera soldi; noi, imprenditori, invece sappiamo bene cosa farne. Se poi ci chiamiamo Blocher… Quindi, giusto versare la lauta e dovuta pensioncina al buon vecchio tribuno e papà.

Che faccia tosta!

La faccia tosta è decisamente grande e lascia di stucco mezzo Paese. Ma soprattutto stupisce che la figlia, sicuramente politica scafata e arguta, non abbia capito che si stava coprendo di ridicolo con una tale capziosa argomentazione per giustificare il paparino. Certo, l’Udc da sempre vede lo Stato come un intralcio, e – detto fra parentesi – è sempre stata contro questo genere di pensioni! Ma in tempi di Covid-19 e salti mortali, forse una diversa considerazione e più rispetto erano dovuti. Con i miliardi pubblici, pagati da tutti i contribuenti a mamma Elvezia, Ueli Maurer (della medesima compagine di Blocher) e gli altri sei ministri non stanno forse tentando di salvare migliaia di aziende e centinaia di migliaia di posti di lavoro senza esitare ad alleggerire i forzieri federali? Cosa significa l’affermazione della signora Magdalena quando dice ’... e comunque se vediamo come lo Stato sta intervenendo massicciamente nell’economia...’? Dovevano forse salvarsi solo un pugno di eletti imprenditori magari anche loro amici? La superficiale arroganza della consigliera nazionale nel correre in soccorso del padre lascia davvero di stucco.

Se così è, un po’ di coerenza vorrebbe proprio che quei soldi li lasciassero là dove sono. Ma, per carità, non aggiungiamo altro. Guardiamoci, in ogni caso, da chi predica bene per indicare la via di salvezza a tutta la Svizzera e (quando si parla di franchetti, pur figurando nella lista dei miliardari) razzola poi in ben altro modo.

TOP NEWS Opinioni
Commento
9 ore
Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra
Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
9 ore
Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia
La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale
Commento
19 ore
L'azzardo secondo Matteo
A Matteo Renzi non riesce l'azzardo, e in caso di elezioni a giugno rischia la débâcle. Ma la paura dei parlamentari di perdere il seggio potrebbe salvarlo
Commento
1 gior
Un mini lockdown per evitare una terza ondata
Per mitigare gli effetti economici negativi la Confederazione allenta i criteri di accesso ai fondi per i casi di rigore. Potrebbe non bastare, però
Commento
1 gior
Quella stretta di mano che non s'ha da fare
Ridivampa la polemica su Minsk e sull'ipotetico Mondiale bis in Bielorussia, a fine maggio. Quando l'hockey (ma non solo) dovrebbe pensarci due volte
Commento
2 gior
Cosa non va nel ‘social media ban’ di Trump
Un mondo virtuale senza i messaggi di odio di Trump è un mondo migliore. Ma la sospensione del presidente Usa è più un atto di forza dei social media che di libertà
L'analisi
3 gior
Navalny contro Putin, specchio di un Paese in difficoltà
Lo scontro tra il potere moscovita e il blogger, che da anni denuncia corruzione e malefatte, non conosce più confini. Dietro c'è la crisi economica
Commento
4 gior
Usa, il carnevale della democrazia
Giunti a Washington a difesa del loro Cesare scalzato, i pretoriani di Trump si sono rivelati per quello che sono: esaltati pagliacci.
Commento
4 gior
Donald senza ‘Gloria’, stella di cartone
Il presidente si fa bello con la canzone dell'Umberto Tozzi e l'Umberto Tozzi s’indigna. Non è la prima volta (chiedete al Boss). Ma forse un senso c’è...
Gallery
Il commento
6 gior
Sopravvivenza, senza fronzoli
Usciti da un 2020 doloroso e zeppo di difficoltà, siamo entrato in un'annata che di garanzie non ne fornisce. Né per i grandi né per i piccoli eventi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile