laRegione
contro-l-orrore-dei-padri-padroni-i-silenzi-e-le-paure
Foto Ti-Press
Commento
09.07.20 - 20:560
Aggiornamento : 10.07.20 - 13:59

Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!

Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!

Ogni volta che le cronache giudiziarie si occupano di processi con al centro giovani donne vittime, perché considerate di proprietà privata, in particolare dai padri-padroni (con accanto madri spesso sottomesse e pure loro oggetto di violenze), mi dico che la strada da compiere per estirpare questo genere di intollerabile mentalità è ancora lunga e in salita.

È vero che simili situazioni, che ad esempio spingono i padri a commettere violenze anche molto gravi perché non accettano che una figlia crescendo possa autonomamente decidere con chi continuare la propria vita affettiva, che spingono gli adulti a combinare i matrimoni decidendo le sorti dei figli ancora minorenni, che determinano i giovani nelle migliore delle ipotesi a fuggire con l’amato, appartengono anche a culture non troppo distanti geograficamente dalla nostra. Ma spesso i protagonisti vengono da più lontano, là dove la donna è sottomessa e il dato di fatto non viene discusso, o raramente. Nelle cronache, a tali terribili situazioni se ne aggiungono poi anche altre, non meno drammatiche, che vedono sempre sul banco degli imputati genitori o parenti che abusano dei figli/nipoti, ancora una volta considerandoli né più né meno quali oggetti di loro proprietà e di cui disporre a proprio piacimento. Orrori possibili perché contano anche sull’omertà (per paura?) di una buona parte della famiglia e sui sensi di colpa preventivi di chi subisce le violenze, perché se dovesse denunciare... manderebbe all'aria l'intera famiglia! 

Ma che famiglia è se al suo interno si commettono vie di fatto, lesioni, coazioni, ripetute esposizioni a pericolo della vita altrui, persino ripetuti tentati omicidi? Che famiglia è se un padre giustifica il suo comportamento - come sta scritto nell'atto di accusa - affermando che nella sua cultura 'educhiamo i figli in questo modo, per evitare che prendano la strada sbagliata li picchiamo'!

Come spezzare il giogo?

Per riuscire a spezzare il giogo è importante offrire alle vittime mezzi ‘semplici’ da mettere in campo (basta un numero telefonico), per far scattare denunce e inchieste penali il più presto possibile. Inoltre, aiuta anche il riferire pubblicamente su simili vicende, proprio come stiamo facendo ora, anche se, come nel caso di quella ricostruita alle assise criminali di Mendrisio, si tratta di vicende molto penose da descrivere. E chi sa (a scuola?) deve agire!

Ai silenzi, alle paure e all’ignoranza bisogna contrapporre la pubblicità e la conoscenza dei propri diritti, che sono quelli di poter crescere nel rispetto della propria persona, della propria affettività e della propria autonomia decisionale. Anche quella di poter compiere liberamente scelte affettive e poi anche di poterle cambiare. Più si riferisce di questi orrori, più chi li sta compiendo sa che non potrà più così facilmente contare sull’intimidazione; più se ne riferisce, chi si trova in situazioni analoghe e esita a denunciare, più si determinerà a farlo e a far valere i suoi diritti. E parliamo di diritti fondamentali!

Un passo comunque non facile soprattutto per un minorenne, perché significa rovesciare il tavolo di casa, trovandosi magari con tutta la famiglia contro per poi affrontare da solo il mondo. Ecco: proprio su questo punto bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell'aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità.

TOP NEWS Opinioni
Commento
10 ore
Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra
Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
10 ore
Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia
La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale
Commento
21 ore
L'azzardo secondo Matteo
A Matteo Renzi non riesce l'azzardo, e in caso di elezioni a giugno rischia la débâcle. Ma la paura dei parlamentari di perdere il seggio potrebbe salvarlo
Commento
1 gior
Un mini lockdown per evitare una terza ondata
Per mitigare gli effetti economici negativi la Confederazione allenta i criteri di accesso ai fondi per i casi di rigore. Potrebbe non bastare, però
Commento
1 gior
Quella stretta di mano che non s'ha da fare
Ridivampa la polemica su Minsk e sull'ipotetico Mondiale bis in Bielorussia, a fine maggio. Quando l'hockey (ma non solo) dovrebbe pensarci due volte
Commento
2 gior
Cosa non va nel ‘social media ban’ di Trump
Un mondo virtuale senza i messaggi di odio di Trump è un mondo migliore. Ma la sospensione del presidente Usa è più un atto di forza dei social media che di libertà
L'analisi
3 gior
Navalny contro Putin, specchio di un Paese in difficoltà
Lo scontro tra il potere moscovita e il blogger, che da anni denuncia corruzione e malefatte, non conosce più confini. Dietro c'è la crisi economica
Commento
4 gior
Usa, il carnevale della democrazia
Giunti a Washington a difesa del loro Cesare scalzato, i pretoriani di Trump si sono rivelati per quello che sono: esaltati pagliacci.
Commento
4 gior
Donald senza ‘Gloria’, stella di cartone
Il presidente si fa bello con la canzone dell'Umberto Tozzi e l'Umberto Tozzi s’indigna. Non è la prima volta (chiedete al Boss). Ma forse un senso c’è...
Gallery
Il commento
6 gior
Sopravvivenza, senza fronzoli
Usciti da un 2020 doloroso e zeppo di difficoltà, siamo entrato in un'annata che di garanzie non ne fornisce. Né per i grandi né per i piccoli eventi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile