laRegione
essere-il-paese-dei-filantropi-e-rischioso
Commento
09.07.20 - 06:000

Essere il paese dei filantropi è rischioso

Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...

Non si chiede mai a chi riceve una rendita se ne ha bisogno o no, dice Blocher. È un diritto. Ha ragione. Lui, di quei milioni che ora chiede alla Confederazione, non ha comunque bisogno. Non vuol lasciarli all’ente pubblico perché li spenderebbe male. La domanda di riserva è quindi un’altra: che ne farà dunque? Impertinente anche quella. Si dice che fosse solo per salvarsi dalle ironie piovutegli addosso dai vignettisti, li verserà in una fondazione. Una esisterebbe già, su sua misura (Stiftung für bürgerliche Politik, che finanzia le campagne dell’Udc) e saprebbe come finiscono meglio i suoi soldi. Forse meglio un’altra, culturale o benefica, per immagine o per altro, com’è nella prassi tipicamente elvetica. Blocher diventa allora per noi un pretesto per parlarne, di questa singolarità.

La Svizzera è un paese dove fioriscono i filantropi. Lo dimostrava un rapporto di qualche anno fa sulle fondazioni pubblicato da SwissFoundation e dall’Università di Zurigo. Ogni giorno si crea almeno una fondazione «con scopo di utilità pubblica». La Svizzera è così uno dei paesi con la più alta densità di fondazioni filantropiche, una ogni 600 abitanti. Secondo un altro studio del ‘Center of Philanthopy Studies’, le fondazioni svizzere dispongono di un patrimonio superiore ai 70 miliardi di franchi. La decima del pil. Oltre la metà svolgono un’«azione sociale», ma operano pure nella formazione e ricerca e nello svago e nella cultura.

Come spiegare un successo del genere? Probabilmente proprio con i milionari, alla Blocher, mossi da generosità, patriottismo, qualche senso di colpa, avversione allo Stato che spende male i soldi. Può essere vero: in fondo abbiamo più milionari (350mila) che persone in assistenza sociale. Si deve però anche ammettere che il diritto delle fondazioni, in Svizzera, è facile, flessibile e gli incentivi fiscali aiutano. Per la legge federale, ad esempio, i doni sono deducibili dall’imposta sino a concorrenza del 20 per cento dei redditi, sia per le persone fisiche sia per quelle giuridiche. Rapportati a milioni, sono un buon taglio e un affare.

Alexandre Lambelet, professore alla Haute école de travail social et de la santé di Losanna, autore di un libro intitolato «La philanthropie» edito da SciencesPo, se ne è occupato. Non arriva a dire che la filantropia non sia utile e generosa. Sostiene però che può essere contestataria. Infatti, rimette in discussione il senso, i mezzi ed anche la legittimità delle politiche pubbliche e tende a dimostrare che le organizzazioni filantropiche spendono meglio e più efficacemente degli enti pubblici. Oppure che la logica del mercato, se lasciata fare e sgravata dal fisco, risolve meglio i problemi sociali. La filantropia tenderebbe in pratica a fare una «privatizzazione» delle politiche assegnate alle autorità pubbliche, nazionali o locali.

Ci sono innegabilmente due grossi rischi. L’uno sta nell’uso improprio del dono, atto umano per eccellenza; l’altro nella dissimulazione di un obbligo umano, civile, pubblico, ricorrendo alla filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria. È il famoso date che in qualche modo vi sarà ridato.


 

TOP NEWS Opinioni
Commento
21 ore
Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema
Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema
Commento
1 gior
Ha vinto lo Young Boys, ma pure il Lugano
I bernesi hanno griffato l'infinita Super League 2019/2020 con il loro terzo titolo filato, ma anche la quinta salvezza consecutiva dei bianconeri non è da sottovalutare
Commento
4 gior
Grazie cara Svizzera gioiellino di convivenza
Solidarietà: ecco la parola che mi viene in mente pensando al Natale della Patria 2020
Commento
5 gior
Tra euforia finanziaria e pessimismo economico
Finanza ed economia reale in questo periodo particolare hanno dinamiche contrapposte con la prima che brinda e la seconda che vede nero
Commento
6 gior
Il diritto del ben mangiare per tutti!
Bisognerebbe rendere obbligatoria l’educazione alimentare. Insegnare cos’è il “vivente”, una radice, un legume, un animale, la storia e provenienza dei prodotti.
Commento
1 sett
La voce da tenore e quella da bischero
Andrea Bocelli 'umiliato e offeso' dal lockdown. Al prossimo concerto, vada a spiegarlo a bresciani e bergamaschi.
Commento
1 sett
Al lupo, al lupo! Stato totalitario?
Per favore, signor deputato, anche se si può legittimamente (e ci mancherebbe!) avere un’idea opposta sull’efficacia della misura, che non si scomodi con tanta facilità lo stato totalitario liberticida.
Commento
1 sett
Un atto d’amore
La sentenza emessa ieri a favore di Mina Welby e Marco Cappato è un fatto nuovo non soltanto per l’assoluzione dei due
Commento
1 sett
La mafia fra bucalettere, bar e terreni…
In Svizzera presenti almeno 20 cellule mafiose attive, cui fanno capo circa 400 persone. Dove? Soprattutto nei cantoni di confine fra cui Ticino!
L'analisi
1 sett
Stati Uniti: cento giorni, ancora
Mancano poco più di tre mesi all’election day in un paese che si è polarizzato come mai prima d’ora. Trump sull’orlo dell’abisso, Biden si gode lo spettacolo..
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile