laRegione
quale-dei-tre-quiz-estivo-maudet-lauber-o-blocher
Commento
06.07.20 - 19:340

Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher

Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!

Se dovessimo fare il quiz su quale sia l’alto magistrato che col suo comportamento delegittima l’istituzione che rappresenta, c’è l’imbarazzo della scelta: più poteri a vari livelli non ne escono proprio bene. Ecco tre esempi, pescati dalle cronache federali recenti. 

Il primo è fresco fresco di giornata: la cacciata del consigliere di stato ginevrino Pierre Maudet dal suo partito andata in onda oggi di buon mattino. La principale accusa mossa nei suoi confronti è quella di accettazione di vantaggi, in relazione ad un controverso viaggio risalente al 2015 ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti. Si rimprovera al politico di aver inizialmente mentito sulla trasferta, nascondendo il fatto che il volo in business class e l’alloggio fossero stati pagati da uno sceicco, principe ereditario membro della casa regnante. Questione di soldi, di opportunità, vedremo se anche di legalità e di perdita della faccia viste le menzogne. Ora, alla decima fetta anche il suo partito ha scoperto che era polenta e lo ha espulso dal Plr (decisione contro la quale potrà ricorrere). 

Scaricati anche dai loro partiti

Dall’esecutivo, passiamo alla massima carica giudiziaria inquirente della Confederazione. Non è messo tanto meglio, Michael Lauber, alle prese con una procedura di destituzione, dopo che era stato (inopportunamente!) rieletto dal parlamento federale, malgrado le già evidenti macchie. Sul tavolo che scotta c’è ora il rapporto definito dai più impietoso sull’atteggiamento tenuto dal procuratore generale della Confederazione in relazione ai noti incontri avuti con il presidente Fifa Gianni Infantino: violando a più riprese i suoi obblighi di responsabilità, dicendo ripetutamente il falso, agendo in modo sleale, disattendendo il codice di condotta del Ministero pubblico della confederazione e ostacolando l’indagine disciplinare. Anche in questo caso il suo partito l’ha, ma solo dopo mesi e mesi di polemiche, scaricato. 

Tolla megagalattica

A questi due casi, che sono gravi perché mettono in discussione pesantemente il ruolo assunto in carica da un altro magistrato (ha agito nell’interesse pubblico? ci sono interessi privati?) chiamando in causa la giustizia, si è sommato anche quello - va detto senza però alcuna incidenza nel penale - dell’ex consigliere federale Christoph Blocher, che si è da poco fatto avanti per reclamare il versamento retroattivo della pensione degli ultimi 13 anni riferita ai suoi anni di governo (2004-2007). Pensione alla quale aveva rinunciato. Nell’attesa di sapere se incassarla solo ora sia ancora un suo diritto, indipendentemente dal fatto che egli è un miliardario (trattandosi di una questione prioritariamente giuridica), balza agli occhi ancora una volta la tolla megagalattica. Come nel caso di Lauber e Maudet, spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto, anche a costo di mettere l’istituzione che rappresentano (o che hanno rappresentato) in cattiva luce. Chiedere la restituzione di 2,7 milioni dopo essersi vantato di aver rinunciato al vitalizio e non aver fatto come gli altri colleghi, per poi arrivare improvvisamente a reclamarlo come va letto? Che anche lui - sarà l’età? - senza (lo ribadiamo) rischiare di inciampare nel penale, dice e si contraddice. E la fiducia nelle istituzione che fine fa? Pluf, come l’estate col Covid che ci tallona e ce la rende dolce-amara.

TOP NEWS Opinioni
Commento
17 ore
Aiuti Covid, manca il coraggio politico
I 75 milioni di franchi votati dal Gran Consiglio per sostenere le Pmi probabilmente non saranno sufficienti
Commento
1 gior
Altro che ‘Sleepy Joe’: Biden preme sull’acceleratore
Con un tripudio di decreti esecutivi il 46esimo presidente cancella, come fosse un colpo di spugna, parte di quel trumpismo che ha avvelenato il paese
Commento
3 gior
Il liberismo spara sulla Posta
Invece di privatizzare Postfinance, perché non creare un istituto alternativo dedicato agli investimenti per l’ambiente e al sostegno di giovani imprenditori?
Commento
3 gior
Le parole che restano, da Luis Sepúlveda a Erminio Ferrari
Scrittori che con un occhio nel microscopio e uno nel telescopio hanno saputo analizzare le storture del mondo e orientarci verso la sua poesia
DISTRUZIONI PER L’USO
3 gior
Amanda, Miranda e Bernie: pensierini un po’ commossi
La poesia di Gorman letta all’insediamento di Joe Biden è una cosa da tirar fuori i Kleenex. Resta da capire perché
Commento
4 gior
America the Beautiful, una nazione per tutti
Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
5 gior
Conte e i trasformisti della politica italiana
Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
6 gior
La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe
Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
6 gior
Lugano prende a calci il dibattito
Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
6 gior
Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito
Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile