laRegione
covid-movida-e-vacanze-rialzare-la-guardia-prego
(foto: Ti-Press)
Commento
03.07.20 - 06:000

Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!

Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?

Il (quasi) liberi tutti e un certo rilassamento psicofisico sono durati poco. Sì e no un paio di settimane col passaggio di testimone della gestione massima dalla Confederazione ai cantoni, confrontati ora con la nuova salita (staremo a vedere con quale accelerazione) dei casi di contagio. Tanto che Berna ha imposto il porto delle mascherine sui mezzi pubblici e ha annunciato una lista di paesi (in continuo aggiornamento) che se scelti per le vacanze, necessitano poi di una quarantena al rientro. Sono poi state di nuovo rinforzate le misure di sostegno all’economia e il ministro delle finanze Ueli Maurer non ha mancato di dire al Paese che i nostri conti possono sopportare bene anche queste ulteriori misure. Fiducia (da non perdere) nella piazza finanziaria oblige! E non solo nella piazza finanziaria, ma in noi, nel nostro sistema paese e nel nostro modo di vivere.

Ma c’è chi chiede ancora di più...

C’è però chi chiede già ancora di più, come l’associazione dei medici cantonali​, per la quale le mascherine andrebbero messe non solo su bus, tram, treni, battelli e impianti di risalita, ma anche in negozi e luoghi pubblici affollati. E già si nota che è praticamente impossibile organizzare feste e serate, che finiscono spesso per essere molto affollate, visto che si rivelano facilmente focolai di trasmissione del virus. Ma questa mica era una novità! E allora perché mai si è provveduto a riaprire luoghi della movida e altro ancora quasi come se nulla fosse successo, pur continuando a dire di fare attenzione perché il virus è ancora fra noi?

In Ticino stanno rintracciando in queste ore centinaia e centinaia di persone che hanno frequentato sabato sera il Woodstock di Bellinzona. Un lavoro immane per il Cantone per un solo caso di contagio accertato! E poi c’è chi lasciato dati falsi... Divertirsi, come andare in vacanza persino in zone a rischio, sono davvero delle priorità? Non lo crediamo!

Regna una certa confusione

Diciamo che regna una certa confusione o, nella migliore delle ipotesi, che le autorità hanno creduto che non si potesse tirare troppo a lungo la corda con isolamenti, che prima o poi bisognava provare ad allentare le misure, vedere come si sarebbe comportato il virus, che deve comunque poter circolare fra le persone, e poi semmai si sarebbero stretti di nuovo i bulloni.

Confusione poi anche su tutto quello che ci avevano detto da Berna sulla poca efficacia dell’uso della mascherina e che ora ci viene imposto perlomeno sui mezzi pubblici di trasporto.

È tornato un certo timore: speriamo salutare!

Morale della (brutta) favola, ammettiamolo: è tornato un certo timore. Probabilmente un timore - lo speriamo - salutare, proprio perché non dobbiamo scordarci che il virus continua a circolare e i doppi zeri non sono garantiti. È quindi salutare che si incrocino - e speriamo non solo sui mezzi pubblici, ma anche nei negozi e nei luoghi affollati - persone con la mascherina. Non solo perché il nuovo gadget dovrebbe proteggerci almeno un po’, ma anche perché è lì a dirci appunto che il virus continua di fatto a colpire e che dobbiamo continuare a fare una certa attenzione. Meglio rallentare un pochettino ora, piuttosto che trovarci ancora una volta semiparalizzati, con effetti di carattere sociale ed economico che difficilmente potranno nuovamente venir arginati come fatto nei mesi scorsi.

Stesso ragionamento ovviamente per le vacanze all’estero, con sulla testa la spada di Damocle della lista continuamente aggiornata da parte di Berna: eravamo stati avvisati che era meglio trascorrere le vacanze in loco. Scegliendo di andar via, potremmo poi dover fare una quarantena, non sempre compatibile con gli impegni professionali e/o famigliari.

TOP NEWS Opinioni
Commento
10 ore
Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra
Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
10 ore
Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia
La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale
Commento
20 ore
L'azzardo secondo Matteo
A Matteo Renzi non riesce l'azzardo, e in caso di elezioni a giugno rischia la débâcle. Ma la paura dei parlamentari di perdere il seggio potrebbe salvarlo
Commento
1 gior
Un mini lockdown per evitare una terza ondata
Per mitigare gli effetti economici negativi la Confederazione allenta i criteri di accesso ai fondi per i casi di rigore. Potrebbe non bastare, però
Commento
1 gior
Quella stretta di mano che non s'ha da fare
Ridivampa la polemica su Minsk e sull'ipotetico Mondiale bis in Bielorussia, a fine maggio. Quando l'hockey (ma non solo) dovrebbe pensarci due volte
Commento
2 gior
Cosa non va nel ‘social media ban’ di Trump
Un mondo virtuale senza i messaggi di odio di Trump è un mondo migliore. Ma la sospensione del presidente Usa è più un atto di forza dei social media che di libertà
L'analisi
3 gior
Navalny contro Putin, specchio di un Paese in difficoltà
Lo scontro tra il potere moscovita e il blogger, che da anni denuncia corruzione e malefatte, non conosce più confini. Dietro c'è la crisi economica
Commento
4 gior
Usa, il carnevale della democrazia
Giunti a Washington a difesa del loro Cesare scalzato, i pretoriani di Trump si sono rivelati per quello che sono: esaltati pagliacci.
Commento
4 gior
Donald senza ‘Gloria’, stella di cartone
Il presidente si fa bello con la canzone dell'Umberto Tozzi e l'Umberto Tozzi s’indigna. Non è la prima volta (chiedete al Boss). Ma forse un senso c’è...
Gallery
Il commento
6 gior
Sopravvivenza, senza fronzoli
Usciti da un 2020 doloroso e zeppo di difficoltà, siamo entrato in un'annata che di garanzie non ne fornisce. Né per i grandi né per i piccoli eventi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile