laRegione
Commento
30.06.20 - 18:250
Aggiornamento : 21:31

Violenza domestica. E vai con le assunzioni...

Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?

Il Dipartimento istituzioni e il Dipartimento sanità e socialità stanno facendo molto per cercare di prevenire e contrastare la violenza domestica in Ticino e intendono fare di più, come è emerso dalla conferenza stampa di stamattina in occasione dell'entrata in vigore (domani) di nuove disposizioni federali volte a tutelare maggiormente le vittime. Il che è senz'altro lodevole: bisogna infatti, se non debellare, almeno arginare un fenomeno che anche da noi ha raggiunto dimensioni preoccupanti e che colpisce quasi esclusivamente le donne, fra i soggetti più deboli. Tuttavia anche qui deve esserci un impiego razionale delle risorse pubbliche, a maggior ragione se, a proposito dei contraccolpi della pandemia, si prevedono tempi duri, anzi durissimi per le casse cantonali e se si tiene conto dei reiterati richiami del ministro delle finanze a mantenere alta la guardia sulla tenuta delle suddette casse. Ci domandiamo allora se sia proprio indispensabile il passo annunciato dal direttore del Dipartimento sanità e socialità (Dss) Raffaele De Rosa durante l'incontro con i giornalisti. E cioè l'uscita a breve di un concorso per "l'assunzione di una figura" chiamata "ad assicurare il coordinamento operativo a sostegno delle vittime nell'ambito della violenza": una persona, ha indicato a sua volta la Delegata per l'aiuto alle vittime di reati Cristiana Finzi, che dovrebbe "promuovere azioni e progetti per migliorare la presa a carico". Ma non esiste nell'Amministrazione cantonale, e in particolare al Dss, un/a funzionario/a che possa svolgere questo ruolo? Non crediamo che i profili manchino. Ci chiediamo inoltre se sia necessaria una simile posizione, da mettere addirittura a concorso. Non si rischia di introdurre un doppione, visto che tra i compiti della coordinatrice istituzionale del dossier violenza domestica (pure questa una nuova figura), Chiara Orelli Vassere, operativa dall'aprile di quest'anno alla Divisione giustizia del Dipartimento istituzioni, c'è anche quello di garantire e promuovere i contatti "con tutti i partner del settore a livello cantonale, intercantonale e federale", come scriveva il Consiglio di Stato lo scorso 25 novembre nell'annunciarne la nomina? Dal Dipartimento sanità e socialità si attendono solide spiegazioni, o più solide di quelle fornite in conferenza stampa, per giustificare la nuova posizione e il concorso per reclutare "una figura" per "il coordinamento operativo a sostegno delle vittime di violenza domestica".    

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
1 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
3 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
4 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
5 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
6 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
6 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
L'analisi
1 sett
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
1 sett
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile