laRegione
covid-19-quel-cortocircuito-tra-crisi-e-assistenza
Archivio Ti-Press
Commento
25.06.20 - 06:300

Covid-19, quel cortocircuito tra crisi e assistenza

Sono 8’300 le persone finite a carico dell’assistenza sociale. E come nel 1929, il rischio è ampliare la frattura sociale già esistente tra chi ha e chi non ha

Dallo scoppio della crisi legata alla pandemia di coronavirus, in Svizzera circa 8’300 persone sono finite a carico dell’assistenza sociale. Tra di esse anche quei lavoratori indipendenti che già prima della pandemia manifestavano fragilità finanziaria e che a malapena riuscivano a tenere in piedi la loro attività economica. Sintomo di una precarizzazione dei modi di produzione che ha trasformato in liberi professionisti tanti ex salariati. A questi si sono aggiunti anche molti lavoratori dipendenti che si trovano forzatamente in regime di lavoro ridotto a causa degli effetti negativi della crisi di coronavirus. A rendere note le cifre è stato Christoph Eymann, il presidente della Conferenza svizzera delle istituzioni dell’azione sociale (Cosas). Dati che hanno sorpreso – per l’ampiezza e la precocità degli effetti – la stessa Conferenza e che preoccupano in vista dell’autunno quando molte delle misure d’urgenza varate dal governo federale, tra cui le indennità per lavoro ridotto, giungeranno a scadenza. Il consigliere federale Guy Parmelin, responsabile del Dipartimento dell’economia, ha fatto intendere nelle scorse settimane che, se sarà necessario, si è pronti a prorogare ulteriormente tale provvedimento di altri tre mesi. Il che vuol dire che verrà dato più tempo alle aziende colpite dalla crisi per riorganizzarsi, riequilibrare la struttura dei costi alle mutate condizioni di mercato e cercare di ripartire con nuovi modelli di business e meno personale. Il settore del commercio al dettaglio dei centri cittadini, per esempio, è uno di quelli che già prima del lockdown soffriva i cambiamenti strutturali (mutate abitudini di consumo) e che dovranno giocoforza reinventarsi per affrontare le sfide della digitalizzazione. Nel frattempo una severa ristrutturazione, che tradotto bruscamente vuol dire una serie di chiusure volontarie e non, sarà inevitabile. Stesso destino lo avranno altre imprese legate soprattutto al mondo dei servizi. Insomma, la pandemia di coronavirus, o meglio gli effetti da questa scatenati, rischia di essere un vero e proprio tsunami che cancellerà migliaia di aziende e altrettanti posti di lavoro in Svizzera. Dinamiche, del resto, comuni a quasi tutte le economie mondiali con il rischio che il 2020 replichi quanto avvenuto nel ’29 del secolo scorso: ampliare ulteriormente la frattura sociale già esistente tra chi ha e chi non ha.

Stando alle ultime previsioni economiche del Kof, il centro congiunturale del Politecnico di Zurigo, il Prodotto interno lordo dovrebbe scendere quest’anno del 5,3%. Un calo che invece secondo gli esperti della Segreteria di Stato per l’economia (Seco) potrebbe arrivare addirittura al 6,2% o superare il 7% in caso di un’ulteriore ondata epidemica. Cifre più basse di altre economie a noi vicine o lontane, ma che rappresentano un unicum ‘negativo’ per la Svizzera riscontrabile solo se si va a ritroso nel tempo di mezzo secolo. Se si tiene conto che gran parte del Pil elvetico è realizzato anche grazie all’interscambio commerciale con queste economie, è chiaro a chiunque che il protrarsi della crisi internazionale diminuisce le chance di ripresa. Con il crollo del Pil dovrebbe poi aumentare il tasso dei senza lavoro e di conseguenza anche il numero di coloro che finiscono le indennità di disoccupazione e che sono i migliori candidati all’assistenza sociale.

TOP NEWS Opinioni
Commento
17 ore
Aiuti Covid, manca il coraggio politico
I 75 milioni di franchi votati dal Gran Consiglio per sostenere le Pmi probabilmente non saranno sufficienti
Commento
1 gior
Altro che ‘Sleepy Joe’: Biden preme sull’acceleratore
Con un tripudio di decreti esecutivi il 46esimo presidente cancella, come fosse un colpo di spugna, parte di quel trumpismo che ha avvelenato il paese
Commento
3 gior
Il liberismo spara sulla Posta
Invece di privatizzare Postfinance, perché non creare un istituto alternativo dedicato agli investimenti per l’ambiente e al sostegno di giovani imprenditori?
Commento
3 gior
Le parole che restano, da Luis Sepúlveda a Erminio Ferrari
Scrittori che con un occhio nel microscopio e uno nel telescopio hanno saputo analizzare le storture del mondo e orientarci verso la sua poesia
DISTRUZIONI PER L’USO
3 gior
Amanda, Miranda e Bernie: pensierini un po’ commossi
La poesia di Gorman letta all’insediamento di Joe Biden è una cosa da tirar fuori i Kleenex. Resta da capire perché
Commento
4 gior
America the Beautiful, una nazione per tutti
Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
5 gior
Conte e i trasformisti della politica italiana
Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
6 gior
La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe
Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
6 gior
Lugano prende a calci il dibattito
Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
6 gior
Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito
Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile