laRegione
Keystone
Commento
22.06.20 - 21:210

Libera circolazione sì o no? Tutte le insidie di una votazione

Il Consiglio federale ha lanciato oggi la campagna per il 'no' all'iniziativa di Udc e Asni. Rispetto a pochi mesi fa, la partita appare più aperta.

"Dovrebbero cambiare non poche cose nei mesi a venire perché l’Udc possa bissare il successo del 2014. (...) Può succedere di tutto, certo. Ma l’alleanza pro-Bilaterali, che nel febbraio del 2014 fece cilecca, ha buoni motivi per affrontare fiduciosa la sfida" lanciata da Udc e Azione per una Svizzera neutrale e indipendente (Asni) con la loro iniziativa popolare 'per la limitazione', sulla quale voteremo fra poco più di tre mesi. Così scrivevamo in settembre, quando nessuno si sognava che in quel "tutto" potesse rientrare una pandemia planetaria come non la si vedeva da un secolo. Il coronavirus nel frattempo è arrivato, con tanto di lockdown. Adesso che anche in Svizzera si comincia a fare i conti con i suoi pesanti strascichi economici e sociali, la valutazione è giocoforza più sfumata.

La situazione, almeno per ora, rimane assai diversa di quella di sette, otto anni fa, quando l'Udc da sola riuscì a far approvare al 50,4% dell'elettorato la sua iniziativa 'Contro l'immigrazione di massa'. La consigliera federale Karin Keller-Sutter ha rilanciato ieri con un appello alla continuità ("non è tempo per esperimenti politici") la campagna interrotta a febbraio a causa dell'imminente crisi sanitaria. Lo ha fatto affiancata dai partner sociali, asse portante di un fronte del 'no' ricompattato. Nel 2014, di fronte al rifiuto del padronato di adottare nuove misure anti-dumping, i sindacati non si erano certo spesi anima e corpo. Oggi invece, convinti dal progetto governativo di una rendita-ponte per i disoccupati over 60, scendono in campo con un altro spirito, pronti a investire somme ingenti e disposti a mettere temporaneamente la sordina alle loro critiche all'accordo quadro con l'Ue. Anche il contesto è mutato: da allora il saldo migratorio con i paesi dell'Unione è sceso in maniera decisa, per poi stabilizzarsi negli ultimi due anni. Infine, il quesito posto ora è chiaro: sì o no alla libera circolazione. Punto. Formulata in modo vago, la prima iniziativa anti-immigrazione aveva invece permesso all'Udc di intrattenere l'illusione che - nonostante contingenti, tetti massimi e preferenza indigena - Bruxelles sarebbe stata disposta a rinegoziare l'accordo sulla libera circolazione. Non è stato così, come sappiamo.

L'alleanza pro-Bilaterali però non ha la vittoria in tasca. Le insidie sono dietro l'angolo, checché ne dicano i sondaggi. In un contesto di crisi economica più marcata in Europa che nella Confederazione, l'immigrazione dall'Ue pare destinata a riprendere slancio prima o poi. La paura di perdere il posto di lavoro e del dumping salariale, già alimentata dalla pandemia, potrebbe accentuarsi in alcune fasce della popolazione. L'Udc ad ogni modo non si farà sfuggire l'occasione di tematizzarla. Con buone possibilità di far breccia. Perché finora a molti non è risultato affatto chiaro cos'abbiano portato di concreto le innumerevoli tavole rotonde sulla 'promozione della manodopera indigena' (che entrambi gli schieramenti caldeggiano), né l'obbligo di annuncio dei posti vacanti (col quale il Parlamento ha voluto attuare la prima iniziativa dell'Udc). Non si vede poi come la benvenuta rendita-ponte per disoccupati over 60 possa convincere un gran numero di elettori preoccupati per la concorrenza da parte della manodopera estera a votare 'no' il 27 settembre, al termine di una campagna nella quale per giunta l'Udc avrà buon gioco ad agitare lo spauracchio dell'accordo quadro. Insomma, la partita è più aperta di quanto si potesse pensare fino a pochi mesi fa. 

 

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 ora
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
11 ore
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
1 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
1 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
2 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
5 gior
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
6 gior
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
Commento
1 sett
Covid-19, quel cortocircuito tra crisi e assistenza
Sono 8’300 le persone finite a carico dell’assistenza sociale. E come nel 1929, il rischio è ampliare la frattura sociale già esistente tra chi ha e chi non ha
Commento
1 sett
Djokovic irresponsabile, anche se il cuore è puro
Il cerchio dell’Adria Tour si è chiuso con la positività del serbo che il torneo ha voluto e promosso. ‘Abbiamo agito a fin di bene’. Ma con superficialità
Commento
1 sett
Ticino - Cina: la bocca del cavallo!
Evitiamo beatificazioni: la democrazia (chiedetelo a quelli di Hong Kong) è veramente tutt’altra cosa!
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile