laRegione
virus-ora-liberi-tutti-no-occorre-prudenza
Merlani e Gobbi (Ti-Press)
Commento
17.06.20 - 19:500

Virus, ora liberi tutti? No, occorre prudenza!

Fine dello stato di necessità: il Covid resta in agguato dietro il cespuglio, dobbiamo continuare a convivere. La prudenza aiuta, la paura no!

La fine dello stato di necessità non è un liberi tutti. D’accordo. Ma tutti sono molto più liberi di andare e venire, di fare e non fare. 

I passaggi in dogana che nella fase acuta erano scesi a 25 mila al giorno, ora sono risaliti a 156 mila (e prima del Covid erano 170 mila). Passaggi da parte di lavoratori che, per la stragrande maggioranza, arrivano qui da zone di frontiera nelle quali il virus circola ancora molto più che da noi. In Ticino e nel resto del Paese invece (per ora) la circolazione del virus risulta molto bassa, ma (altro rischio) nei paesi confinanti con la Confederazione - dai quali ci attendiamo che arrivino anche tanti turisti - non è così. Risultano già due casi di corona importati da Brasile e Messico. 

Delle due l'una: o abbiamo tutti capito come ci si deve comportare con le misure di igiene e di distanziamento sociale, o prima o poi la curva potrebbe ricominciare a salire. Per ora il dottor Merlani non consiglierebbe ancora a suo padre di andare a cena a Milano e consiglia di fare molta attenzione ad andare in vacanza all'estero in zone con una certa presenza di virus.

La nuova normalità!

E questa è proprio la (famigerata) nuova normalità, di cui si parlava durante il lock down che segnava il futuro, e della quale stiamo facendo esperienza, indipendentemente dalla fine ufficiale dello stato di necessità. 

Sta a noi decidere se questa prova la vogliamo fare con o senza rete, ricordandoci di quello che è successo, oppure (speriamo davvero di no) rimuovendo il brutto periodo dall'album dei ricordi. Da quello che vediamo i comportamenti sono molto differenziati e soprattutto c'è tanta voglia di ricominciare a vivere. Bene farlo, ma per vivere sani e a lungo. 

Solo la curva, che per ora ha fortunatamente abbassato la cresta, ci dirà se i nostri comportamenti sono e resteranno quelli giusti. Detto altrimenti: col virus in agguato dietro il cespuglio dobbiamo continuare a convivere. La prudenza aiuta, la paura no.  

 

 

 

TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
Se il Giardiniere senza gamba piange...
Amputare una gamba a una sua creazione/creatura è come amputarla all'artista e a chi ama l’arte
Commento
1 gior
È una questione di rispetto ed educazione
In montagna avere attenzione per le misure di protezione contro il coronavirus e per l’ambiente significa avere a cuore il lavoro di tante persone
Commento
1 gior
Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!
La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.
Commento
2 gior
Ricordare Srebrenica
Venticinque anni fa il più grave massacro compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale
L'analisi
3 gior
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
3 gior
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
4 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
4 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
5 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
6 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile