laRegione
virus-ora-liberi-tutti-no-occorre-prudenza
Merlani e Gobbi (Ti-Press)
Commento
17.06.20 - 19:500

Virus, ora liberi tutti? No, occorre prudenza!

Fine dello stato di necessità: il Covid resta in agguato dietro il cespuglio, dobbiamo continuare a convivere. La prudenza aiuta, la paura no!

La fine dello stato di necessità non è un liberi tutti. D’accordo. Ma tutti sono molto più liberi di andare e venire, di fare e non fare. 

I passaggi in dogana che nella fase acuta erano scesi a 25 mila al giorno, ora sono risaliti a 156 mila (e prima del Covid erano 170 mila). Passaggi da parte di lavoratori che, per la stragrande maggioranza, arrivano qui da zone di frontiera nelle quali il virus circola ancora molto più che da noi. In Ticino e nel resto del Paese invece (per ora) la circolazione del virus risulta molto bassa, ma (altro rischio) nei paesi confinanti con la Confederazione - dai quali ci attendiamo che arrivino anche tanti turisti - non è così. Risultano già due casi di corona importati da Brasile e Messico. 

Delle due l'una: o abbiamo tutti capito come ci si deve comportare con le misure di igiene e di distanziamento sociale, o prima o poi la curva potrebbe ricominciare a salire. Per ora il dottor Merlani non consiglierebbe ancora a suo padre di andare a cena a Milano e consiglia di fare molta attenzione ad andare in vacanza all'estero in zone con una certa presenza di virus.

La nuova normalità!

E questa è proprio la (famigerata) nuova normalità, di cui si parlava durante il lock down che segnava il futuro, e della quale stiamo facendo esperienza, indipendentemente dalla fine ufficiale dello stato di necessità. 

Sta a noi decidere se questa prova la vogliamo fare con o senza rete, ricordandoci di quello che è successo, oppure (speriamo davvero di no) rimuovendo il brutto periodo dall'album dei ricordi. Da quello che vediamo i comportamenti sono molto differenziati e soprattutto c'è tanta voglia di ricominciare a vivere. Bene farlo, ma per vivere sani e a lungo. 

Solo la curva, che per ora ha fortunatamente abbassato la cresta, ci dirà se i nostri comportamenti sono e resteranno quelli giusti. Detto altrimenti: col virus in agguato dietro il cespuglio dobbiamo continuare a convivere. La prudenza aiuta, la paura no.  

 

 

 

TOP NEWS Opinioni
Commento
5 ore
La nostra scuola in presenza e presente!
A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
5 ore
Premi malattia, una stangata evitabile
I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
1 gior
Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione
Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
1 gior
Paura batte cultura? Grosso problema!
Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
1 gior
In Italia ha vinto il sì. A che cosa?
Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
2 gior
Piccoli sovranisti in soccorso dello zar
La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
4 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
4 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
5 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
5 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile