laRegione
francesco-guccini-ottant-anni-tra-la-via-emilia-e-il-west
Ti-Press
Commento
14.06.20 - 19:580

Francesco Guccini, ottant'anni tra la via Emilia e il West

Questo ha fatto il 'Maestrone': ha raccontato storie. Con una poetica rara, sottovalutata, da esistenzialista innamorato della vita, delle libertà e dei diritti

A Bologna, in via Musolesi, appena fuori dai viali, c’è un luogo dell’anima. Uno di quei posti che in un pugno di metri quadri definiscono una città, narrano decenni di storia, spiegano umori e movimenti, parlano di vita. È una trattoria, ‘Da Vito’. Una di quelle trattorie con le chiazze di sugo sulle tovaglie, i fiaschi di vino che arrivano a tavola quando chiedi il rosso della casa, lo stinco di maiale sempre caldo. Francesco Guccini, 80 anni oggi, lì era ospite fisso. A pochi metri, Via Paolo Fabbri 43. La casa dalla quale, nei lunghi anni bolognesi, il ‘Maestrone’ ha riempito di fotografie in musica tutto ciò che lo circondava. Con l’arte che solo il cantautore ha nel raccontare la vita attorno, a denunciare con le parole, a usare teneri versi come una clava nei confronti di certa politica e certi usi.

Perché belle le osterie, le cantate fino a notte fonda e la poesia ma quando c’era da prendere posizione in una delle città più comuniste d’Italia sull’occupazione della Cecoslovacchia da parte dell’Unione sovietica Guccini prese chitarra, carta, penna e scrisse il lirico attacco frontale di ‘Primavera di Praga’; quando l’aborto era ancora illegale e le battaglie del Partito radicale iniziavano a creare quella breccia che avrebbe portato alla sua legalizzazione compose ‘Piccola storia ignobile’, collage di vicende collegate all’aborto scritto con una delicatezza unica, non urlando ma raccontando drammi consumati nell’indifferenza, dolori vissuti accompagnati dal silenzio; quando ha voluto narrare la vicenda di Ernesto ‘Che’ Guevara lui, socialista libertario e tutto fuorché comunista, ha raccontato l’uomo senza cliché di sorta né agiografie politiche; quando c’era da raccontare la deriva che sì, già allora, stava prendendo l’umanità, ‘Il vecchio e il bambino’ fu con straziante realismo un perfetto vademecum mai studiato abbastanza.

Perché questo ha fatto Guccini ogni volta che ha scritto una canzone o un libro: ha raccontato storie. Con una poetica rara e sottovalutata, da esistenzialista profondamente innamorato della vita, delle libertà e dei diritti. ‘Anarcoide’ per sua stessa ammissione, ha mostrato come una storia da raccontare superi sempre il contesto nella quale ha preso forma. Sono istantanee di persone non messe in posa i suoi brani, poesie di gente qualunque, dove protagonista è tutto e ogni cosa. Per non parlare della “casa sul confine dei ricordi, la stessa sempre come tu la sai” che descrive in ‘Radici’. La casa che vede lo scorrere di generazioni, “come il fiume che ti passa attorno”, a cui chiedere se riconosce in lui qualche segno del passato. Delle radici che affondano nell’umida e vera terra di quella quasi natìa Pavana nella quale è rintanato da una ventina d’anni, in quell’Appennino povero, nebbioso e freddo che l’ha visto crescere e protagonista dei gialli scritti a quattro mani con Loriano Macchiavelli, o della lunga fila di aneddoti e racconti d’infanzia di “Tralummescuro”. Dopo essersi stufato di comporre canzoni, scrivendo libri ha dato continuità alla sua capacità di descrivere il tutto in poche parole, condensando universi di emozioni in forme sempre diverse: ‘Parole troppo grandi per un uomo’.

Che sia in trattoria, nelle battaglie di Marco Pannella ed Emma Bonino, a Bologna, Praga, Bisanzio, Pavana, Auschwitz o Venezia Francesco Guccini ha toccato con delicatezza i sentimenti che accompagnano l’esistenza. Non li ha messi sotto lente d’ingrandimento, né sezionati. Li ha raccontati. Quelli belli come quelli dolorosi. Tutto ciò che compone una vita.

“Il bimbo ristette, lo sguardo era triste, gli occhi guardavano cose mai viste. E poi disse al vecchio con voce sognante: ‘Mi piaccion le fiabe, raccontane altre’”.

TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
Se il Giardiniere senza gamba piange...
Amputare una gamba a una sua creazione/creatura è come amputarla all'artista e a chi ama l’arte
Commento
1 gior
È una questione di rispetto ed educazione
In montagna avere attenzione per le misure di protezione contro il coronavirus e per l’ambiente significa avere a cuore il lavoro di tante persone
Commento
1 gior
Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!
La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.
Commento
2 gior
Ricordare Srebrenica
Venticinque anni fa il più grave massacro compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale
L'analisi
3 gior
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
3 gior
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
4 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
4 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
5 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
6 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile