laRegione
cambio-di-passo-lo-vogliamo-davvero
Abbiamo ritrovato il solito mondo (Keystone)
Commento
09.06.20 - 18:440

Cambio di passo, lo vogliamo davvero?

Nonostante i buoni propositi, chi ci dice che gli errori congeniti del modello di sviluppo e di vita che avevamo prima dell pandemia non vengano rifatti?

Finalmente la signora Curva si è abbassata e, dopo settimane e settimane monotematiche, dedicate quasi esclusivamente al maledetto virus, ci consente di parlare e scrivere anche d’altro. E cosa constatiamo? Che i temi/nodi tornano ad essere quelli ante Covid. Temi belli e/o brutti.

Per rendersene conto basta dare un’occhiata alle cronache quotidiane. Qualche esempio? La scazzottata (rissa) al bar Viale di Bellinzona fra presunte bande rivali; i danni del maltempo di domenica (annunciato anche per i prossimi giorni); le liti politico-partitiche (nella capitale ne è appena scoppiata una tra Lega e Udc), e, alzando lo sguardo, le marce contro il razzismo che dagli Usa di Mister Trump, l’egomaniaco incendiario, stanno contagiando altri Paesi e continenti, ecc. È un fiorire, anzi un rifiorire del meglio e del peggio che ci aveva accompagnato fino al momento della brusca frenata collettiva.

Eppure nei giorni che siamo stati silenziosamente rintanati in casa, iniziando a preoccuparci per quello che stava accadendo sono venuti al mondo dentro le nostre teste mille buoni propositi nella convinzione che non si poteva più andare avanti così, che la natura ci stava dando una bella lezione e un esplicito monito, e che con la ripresa si sarebbero dovuti mettere alcuni puntini sulle i.

E coi buoni propositi?

Lo stiamo facendo? Nutro qualche dubbio. Gli aiuti all’economia – necessari come l’aria che respiriamo – sono stati dati come se più o meno tutto il prima dovesse venir riattivato. D’accordo, non c’è stato nemmeno il tempo per fare riflessioni approfondite e si è optato per annaffiare l’economia (quasi tutta) con miliardi per permetterle di sopravvivere nel corso di questi mesi ed evitare la salita della disoccupazione alle stelle. Ma chi ci dice che gli errori congeniti del modello di sviluppo e di vita che avevamo prima non vengano rifatti a breve? Certo, nessuno può predire il futuro, anche perché i più prudenti sono lì a ricordarci che in autunno la curva potrebbe rialzare la testa e allora sì che sarebbe impossibile aiutare nuovamente una fetta così consistente dell’economia.

Chi opera le scelte dove guarda?

Ma, ecco la domanda, chi opera le Grandi Scelte in che direzione guarda? Sempre tenendo in conto soltanto la massimizzazione dei profitti? Il che significa andare facilmente a produrre laddove costa meno? Laddove potrebbero non venir rispettati i diritti fondamentali dei lavoratori? Laddove, in sostanza, si è più liberi di andare e venire, di inquinare, di deforestare, ecc. Scelte queste che non sono solo ad appannaggio di una certa fetta dell’economia che poi ci fa trovare sui nostri scaffali prodotti che arrivano da molto lontano a prezzi convenienti.

Si tratta anche di scelte che facciamo tutti noi quotidianamente nei panni di cittadini consumatori. A cominciare dagli acquisti quotidiani, su su fino alla scelta delle vacanzine e vacanzette. Di questi tempi, nell’impossibilità di fare altrimenti, ad esempio le agenzie turistiche puntano su un fiorire di proposte appena dietro l’angolo, della serie le Maldive in Verzasca. Angoli incantevoli a portata di mano, alla scoperta del local, mentre fino a ieri l’invito era quello di varcare mari e cieli. Fra qualche tempo sarà di nuovo così, magari con qualche costo aggiuntivo visto il lungo stop degli aerei?

Insomma: se non lo vogliamo noi, cittadini consumatori e individui pensanti, il cambio anche minimo di passo non avverrà mai. A meno che – ma nessuno se lo augura – la coda del Covid persistente ci obbligherà a intraprendere definitivamente cambiamenti strutturali in campo economico e nelle nostre abitudini.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile