laRegione
coronavirus-ora-piu-liberi-pero
Commento
28.05.20 - 06:300

Coronavirus: ora più liberi, però...

In Ticino attendiamo ancora che venga allentato il lungo isolamento degli anziani nelle case di riposo

Dopo la brusca frenata, dettata dall’emergenza sanitaria/Covid, eccoci alla graduale/lenta riconquista delle nostre libertà. Una tappa agognata fatta in particolare dell’ammorbidimento del divieto di assembramento nei luoghi pubblici che sale da 5 a 30 persone; di manifestazioni pubbliche o private ora consentite sino a 300 persone; della luce verde data ai campi di vacanza per bambini e adolescenti e alle competizioni sportive in presenza del pubblico (sino a 300 persone). Bello! L’aria si ossigena. Ma l’impressione è che la gestione del cambio di passo si stia complicando. Prima era più semplice: non si poteva fare quasi nulla! Ora invece, come la mettiamo? La mettiamo che i nuovi limiti numerici di partecipazione, rivisti verso l’alto, e le nuove realtà aperte (campeggi, stadi, campi di vacanze, ristoranti accessibili anche a gruppi...) sono ora frequentabili, tenendo conto di tutto quello che abbiamo appreso convivendo col virus. Quindi con le distanze sociali (se possibile), il rispetto delle norme di igiene (sempre molto raccomandate), la mascherina in certi casi, e, là dove non sarà possibile rispettare le distanze (per es. in discoteca), con la registrazione dei nominativi di chi c’era, per poi poter risalire in caso di contagio alle persone coinvolte.

Insomma, la via tracciata da Berna, in questa fase d’uscita dalla situazione straordinaria, mira (pur con qualche limite) a fare appello alla responsabilità del singolo e dei gestori di una determinata attività o manifestazione, che devono adottare tutte le misure per evitare al massimo i contagi. E se questi dovessero manifestarsi, vanno rintracciate le persone.

Lotta svizzera no, prostituzione sì

Ma nel via libera dato dal Consiglio federale non mancano alcune contraddizioni, perlomeno apparenti, come quella di vietare ancora fino al 6 giugno le competizioni di discipline sportive che comportano un contatto fisico stretto e costante (lotta svizzera, judo, pugilato, danza sportiva di coppia), mentre dal 6 giugno saranno nuovamente consentite le attività nei locali erotici e le offerte della prostituzione. Ma Berset, sollecitato in conferenza stampa, ha spiegato che, vietandola, la prostituzione non è sparita, si è solo nascosta. È ora opportuno farla riemergere e permettere che venga anche monitorata in termini di prevenzione.

Frontiere aperte e chiuse

Aspetto particolare che ci tocca da vicino è stata la dichiarazione della ministra Keller Sutter riferita all’Italia: il 3 di giugno – ha detto con decisione e in italiano – la Svizzera non riaprirà la frontiera con l’Italia. Paese evidentemente sovrano che fa quello che vuole coi suoi confini. Ma noi svizzeri desideriamo compiere il passo, com’è stato possibile farlo con Austria, Germania e Francia, in modo coordinato. Come non darle ragione visto il repentino tentativo di fuga in avanti in solitaria della vicina Penisola e la situazione sanitaria regnante...

E gli anziani?

Un’ultima osservazione su un tema che ha già fatto scorrere fiumi d’inchiostro: alla conferenza stampa, Berset ha detto che i nonni (che per molte settimane hanno fatto parte delle persone vulnerabili assolutamente da salvaguardare) possono ora riprendere la vita sociale e curare i nipotini. Bene. Se così è, qui in Ticino attendiamo ancora che venga allentato il lungo (e opportuno) isolamento degli anziani nelle case di riposo.

TOP NEWS Opinioni
L'analisi
19 min
Piccoli sovranisti in soccorso dello zar
La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
2 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
3 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
3 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
4 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
5 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
6 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
1 sett
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile