laRegione
caverzasio-speriamo-non-siano-parole-al-vento
Daniele Caverzasio e Claudio Franscella (Ti-Press)
Commento
26.05.20 - 19:390

Caverzasio, speriamo non siano parole al vento!

Ricette che dovrebbero fare bene a economia, ambiente e infrastrutture: ma non chiudiamoci!

Da dove ripartire per far - scusate il bisticcio - ripartire l'economia cantonale? Certamente dall’unità e dalla solidarietà. È questo l'appello finale contenuto anche nel discorso del neo-eletto presidente del parlamento cantonale, Daniele Caverzasio.

Diciamo subito che fa bene sentirlo dire da un leghista che si è rivolto alla sala del parlamento cantonale (e quindi anche ai suoi), visto che spesso e volentieri - in particolare dalle pagine del loro foglio domenicale - tutto o quasi si presta a far polemica. Così, se in questi mesi di emergenza, il governo cantonale, guidato da Christian Vitta prima e da Norman Gobbi poi, si è dimostrato compatto, sta ora al parlamento (che è formalmente tornato in partita) fare altrettanto.

Quali saranno i toni del foglio leghista?

Speriamo quindi che non siano parole al vento quelle di Caverzasio, visto che fuori dal palazzo c'è un paese che soffre economicamente e socialmente e che soffrirà ancor più nei prossimi mesi finito l'effetto analgesico del lavoro ridotto. Lo diciamo, auspicando unità, ovviamente nella legittima diversità delle vedute. Vedremo... prendendo atto anche di quale sarà la visione, ma soprattutto quali saranno i toni del foglio leghista, che ora si trova due suoi massimi esponenti alla testa dei poteri istituzionali (legislativo e esecutivo) di un Ticino alla determinata/disperata ricerca di vie/proposte/soluzioni affinché la mannaia della crisi in arrivo cada meno pesante.

Banco di prova per la Lega, ma anche opportunità

Malignando si potrebbe pensare che non c'è mai stato un periodo più difficile per la Lega per governare da quando è entrata in sala comandi. E si potrebbe dire, anzi lo diciamo, che ora tocca a loro dimostrare di che pasta sono fatti. Anche se, a ben vedere, il periodo è di quelli complicati per tutti gli schieramenti. Comunque, se la Lega Gobbi-Zali-Caverzasio in un simile frangente dovesse farcela e dimostrare serietà e capacità nella conduzione del Paese, riuscirà forse a tamponare la flessione registrata agli ultimi appuntamenti elettorali. E da un certo punto di vista, le ricette menzionate da Caverzasio, in perfetta sintonia con il modo di pensare leghista/Udc, in questo momento potrebbero rivelarsi quelle giuste: fare quest'anno le vacanze in Ticino, fare la spesa in Ticino (almeno - ha specificato - 'per chi se lo può permettere') e l’appello alle nostre aziende ad assumere manodopera residente (per cercare di ridurre almeno un po’ la curva crescente della disoccupazione), con un occhio di attenzione anche agli apprendisti. Idem, in particolare, per il settore sanitario che già lunedì ha fatto discutere il parlamento cantonale, visto il possibile pericolo di precettazione poi scongiurata da parte dell’Italia.

Tenere a bada i prezzi!

Ricette che dovrebbero anche far bene non solo all'economia, ma anche all'ambiente e alle infrastrutture, visto il preoccupante picco di frontalieri pre pandemia. Ricette queste, benvenute nella fase-2, ma che richiedono anche uno sforzo da parte di chi qui offre talune prestazioni (turismo e commercio) nel tenere a bada i prezzi e lavorare di inventiva. Altrimenti, appena riaperte le frontiere, sarà un attimo per qualcuno tornare a fare la spesa e le vacanze oltre confine.

No a chiusure a riccio

Insomma, unità e solidarietà sono necessarie a tutti i livelli: da quello politico, a quello economico, a quello della cittadinanza, evitando però chiusure a riccio mentali. Non è certo l’autarchia che ci porterà fuori dalle macerie del Covid-19. Da questo punto di vista, il banco di prova decisivo sarà quello della votazione per la libera circolazione in agenda per settembre.

 

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile