laRegione
covid-consiglio-di-stato-promosso-ora-pero
Commento
26.05.20 - 06:300

Covid: consiglio di Stato promosso, ora però...

È importante che si formi più personale sanitario che viva (e quindi anche spenda!) da noi.

A tre mesi dal primo caso ‘nostrano’ di coronavirus è finalmente tornato a riunirsi il parlamento cantonale. Anch’esso, come tutti, mira ad una nuova normalità: non a Bellinzona, ma in una più ampia aula ricavata al Palacongressi di Lugano. Un trasloco temporaneo, reso necessario, come tanti altri cambiamenti in questi mesi di emergenza. Ne citiamo alcuni centrali: la stretta (funzionante) collaborazione ospedaliera fra pubblico e privato (di solito in concorrenza!); il trasferimento di servizi all’interno dell’Eoc per far spazio ai reparti Covid; la delega di talune competenze, che normalmente gestisce l’amministrazione, allo Stato cantonale di condotta. Situazioni eccezionali, dettate dal particolare stato di bisogno nell’emergenza che hanno anche reso necessario chiedere alla Confederazione ben sei finestre di crisi (la prima persino retroattiva) per il Sonderfall ticinese.

Buon sostegno, ma...

Ma, a un certo punto a fase-2 inoltrata, era ed è giusto procedere ad un dibattito parlamentare e valutare l’operato di governo e tecnici, nella fattispecie il dr. Merlani e il comandante Cocchi. Diciamo subito che dal dibattito è emerso un buon sostegno dalla quasi totalità dei gruppi politici alla gestione della prima fase. Sostegno che, però, si è un tantino sgretolato dopo la comunicazione della volontà dell’esecutivo di prolungare (ora, anche nella fase-2) lo stato di necessità. E li capiamo i deputati scettici, perché il ritorno ad una normalità – anche diversa – va realizzato anche con il ritorno al ‘business as usual’ democratico: un perno forte, imprescindibile e – riteniamo – da far girare il più presto possibile. Andando al merito delle mille e una ricette proposte, quella che ha fatto maggiormente l’unanimità è stata l’esigenza di evitare di trovarci ancora un domani a sperare che l’Italia non precetti il personale infermieristico e medico (circa 4mila persone) che opera nel cantone.

Personale sanitario residente!

Quindi, guardando a una possibile prossima curva pandemica al rialzo, ma anche alle ricadute sul tessuto economico indigeno, è importante che si formi più personale che viva (e quindi anche spenda!) da noi. Quanto ad altre possibili misure, ci è parso di capire che parte dei deputati si aspetti dal governo che sappia individuare misure per colmare le lacune negli aiuti federali. Alcuni settori più deboli già li conosciamo: le badanti, il personale di servizio o chi, avendo un salario già basso, è stato più duramente colpito da un’ulteriore riduzione per lavoro ridotto. Come sostenere questi lavoratori per evitare disoccupazione o assistenza? Altro discorso è l’appoggio che noi, come consumatori, possiamo dare ad una parte della nostra economia: puntando su offerte a km zero (si inquina meno e si investe locale), negli acquisti come nelle vacanze. Siamo disposti a farle nella nostra regione nei prossimi anni?

Serve un patto di paese

Guardando oltre, pure l’innovazione merita attenzione. Ma a ben guardare gli ambiti sono davvero tanti. A breve, visto che si dovrà ripartire, ci vorrà un patto di paese. I soldi ci sono, ma non sono infiniti: vanno investiti per creare lavoro e ricchezza accordandosi su alcuni settori strategici. La crisi economica impone scelte lungimiranti e mirate. Insomma, la partita sullo scacchiere del Covid, con le sue incognite tuttora sul tavolo, va giocata con intelligenza. Al primo round chi ci ha guidato è stato promosso.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile