laRegione
hockey-svizzero-prove-di-rivoluzione
Ti-Press
Commento
11.05.20 - 21:350

Hockey svizzero, prove di rivoluzione

Per mettere d’accordo tutti (o quasi) c’è dunque voluto il coronavirus, ma servirà ancora un mese per capire che tipo di cambiamento sarà

Dopo questa pandemia di coronavirus poco o niente sarà come prima. Vale per l’economia, per il turismo, per le scuole, per la vita sociale in generale e vale anche per lo sport. E per l’hockey. Che, spinto a trovare nuove soluzioni per poter garantire a tutti gli attori, giocatori, tifosi e addetti ai lavori, sufficienti garanzie di sicurezze (dal profilo sanitario ma anche economico), ha preso – ci si passi la metafora calcistica – la palla al balzo per varare una sua prima riforma, in attesa di quella che potrebbe essere una vera e propria rivoluzione. Mentre tutto il mondo, e non solo quello sportivo, sta timidamente cercando di tornare a muovere i suoi primi passi dopo lo stop forzato a cui è stato costretto dal Covid-19, l’hockey ha fatto di necessità virtù, andando oltre quello steccato che fino a qualche stagione fa rappresentava una sorta di tabù inviolabile.

Il congelamento delle retrocessioni è realtà: quanto in tempi normali non erano stati capaci di fare in passato (e in più di un’occasione) i propugnatori di questa causa, è riuscito al Covid-19, anticipando di fatto ciò che sarebbe potuto accadere di qui a qualche anno. L’hockey, quello svizzero, ha così deciso la sua strategia per uscire da quel letargo in cui ci era stato cacciato a forza dalla pandemia: lo farà con una serie di novità. Ovviamente nella speranza (ancora tutta da verificare di pari passo con l’evoluzione dell’emergenza sanitaria) che lo possa per davvero fare fra qualche mese.

La delicata situazione sanitaria delle ultime settimane ha messo a nudo un’altra delicata questione: quella economica di più d’una società. Confrontato con l’incertezza legata all’evoluzione della malattia con cui tutto il mondo deve fare i conti, anche lo sport deve trovare il modo per trarsi d’impaccio nel migliore dei modi. Prima di tutto per limitare i danni, perché altrimenti le conseguenze potrebbero essere pure catastrofiche: in ballo, stringi stringi, c’è l’esistenza stessa di più d’una società. Il Langnau, in questo senso, era stato uno dei primi a lanciare il suo grido d’allarme per quel che concerne le società che militano nel massimo campionato svizzero di hockey. Un ‘Sos’ seguito poi da quello di altri club. Gli stessi che ieri si sono appunto ritrovati, finalmente dietro a un tavolo – ovviamente con tutte le precauzioni dettate dall’emergenza sanitaria –, per prendere in esame le possibili soluzioni.

Come, appunto, quella di congelare le retrocessioni. Per mettere d’accordo tutti (o quasi) c’è dunque voluto il coronavirus: nella stagione 2021/22 saranno così 13 le squadre ai nastri di partenza della National League, che potrebbero poi diventare anche 14 la stagione seguente, qualora i delegati dovessero decidere di confermare anche l’anno successivo questa modalità. Ma, appunto, questa è musica del futuro. Anche perché, ora come ora, le certezze sono davvero poche, mentre i punti interrogativi a cui si deve ancora trovare una risposta sono tanti. Deciso quale sarà il primo passo verso quella che sarà la realtà post-coronavirus, l’hockey nazionale si è ora dato qualche settimana di tempo per ponderare quelle che potrebbero essere le prossime tappe del processo di innovazione indirettamente imposte dall’emergenza sanitaria: tra poco più di un mese molti di quei punti interrogativi (almeno quelli che potranno essere sciolti direttamente) troveranno una loro risposta. E allora si saprà se all’orizzonte si profilerà una vera rivoluzione.

TOP NEWS Opinioni
Commento
10 ore
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
10 ore
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
1 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
2 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
3 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
3 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
4 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
6 gior
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
DISTRUZIONI PER L'USO
6 gior
Quello dei permessi non è un problema solo per gli stranieri
L'idea che una "chiara scelta politica" generi frizioni col diritto dovrebbe preoccupare tutti. Come pure certi controlli vessatori
Commento
1 sett
Lo scudo magico alla 'stupidaggine'
Capacità critica, pensare con la propria testa, non appiattirsi sulle opinioni altrui aiuta i giovani ad evitare pericolosi tunnel
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile