laRegione
il-senso-di-un-premio
Commento
29.04.20 - 20:230

Il senso di un premio!

Le frontaliere di Ghiggia, Argo1 fra Beltraminelli e Dadò, il Fiscogate e Villalta dell'Argine dei Masoni: quanti casi portati a galla dal giornalismo d'inchiesta che non molla l'osso

Ricevere un premio fa sempre piacere. Riceverlo in un momento come questo, nel quale si lavora (a regime ridotto) fra mille difficoltà, è ancora più bello. È giusto sottolinearlo nel complimentarci con i due colleghi, Andrea Manna e Jacopo Scarinci, che si sono visti riconoscere il terzo posto allo Swiss Award 2020, nella categoria carta stampata. Un premio nazionale, indetto dalla Fondazione Reinhardt von Graffenried, ottenuto per il servizio intitolato 'Le frontaliere di Ghiggia', che è un riconoscimento al lavoro del giornalista e a un giornalismo di qualità. Un giornalismo che sa essere coraggioso e capace di raccontare fatti e storie che incidono sulle scelte di vita di una comunità. Nel caso, documenti alla mano, i due colleghi sono stati in grado di provare che un candidato del partito di maggioranza relativa, che si presentava per l’elezione al Consiglio degli Stati, predicava una cosa e poi ne faceva un’altra. Sosteneva urbi et orbi che bisognava dare la priorità ai nostri, salvo poi, quando doveva assumere una segretaria, andarla a pescare oltre frontiera. Una scelta da lui fatta a più riprese negli anni con evidente costanza. Nella fattispecie, come spesso accade, l’articolo ha scagliato il sasso in piccionaia; poi, man mano che pubblicavamo altri servizi sulla vicenda, ci ha pensato il candidato medesimo a sprofondare nella palude con gli assurdi tentativi di giustificare l’ingiustificabile.

Analoghe parabole discendenti

Negli anni abbiamo assistito anche ad altre analoghe parabole discendenti. Quando una notizia e la sua scia sono la crepa nella diga… Ne ricordiamo due. La prima, più recente, è quella che ha affossato elettoralmente Paolo Beltraminelli per via dell'incapacità (inazione) nell’affrontare il caso Argo1 (nel quale si è impantanato pure il presidente del suo partito); la seconda - se ne rammenteranno i lettori più maturi - fu lo scandalo Fiscogate, quando vennero a galla i bilanci della fondazione Villalta dell’Argine (una fondazione di famiglia, legale, con sede fuori cantone) che riportava a membri della famiglia Masoni, che ai tempi aveva però anche alla testa del fisco cantonale Marina Masoni. Non si è mai capito bene a cosa servisse: ottimizzazioni fiscali? Mah... Sta di fatto che non venne rieletta e le fu preferita la liberale, pure lei luganese, Laura Sadis. Anche in quel frangente venne riconosciuto un altro premio all’ex collega Aldo Bertagni.

Professione con forte valenza civica

Sono esempi che, al di là delle testate di appartenenza (perché accanto ai nostri colleghi pure altri capaci giornalisti della Svizzera italiana sono stati premiati, si tratta di Alice Pedrazzini, Giuseppe Bucci e Alessandro Bertellotti), dimostrano come la nostra professione abbia anche una forte valenza etica e civica. E, diciamolo anche, ti porta pure a non avere troppi amici, visto che, se hai fra le mani una notizia di interesse pubblico, la verifichi e la pubblichi costi quel che costi, non ricevi solo sorrisi, rose e fiori. Un’ultima annotazione, anche il giornalismo - e lo scrivo pensando in particolare al collega Andrea Manna, penna di lungo corso - ha i suoi mastini 'malati' del mestiere, punti di riferimento per generazioni di cronisti, che non contano le ore e non mollano mai l’osso. Mi rallegro che lo Swiss Awards 2020, fra gli altri, sia proprio andato ad Andrea (un 'vecchio' del mestiere) e a Jacopo, chiamato invece a riempire ancora un’infinità di colonne!

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
5 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
6 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
1 sett
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile