laRegione
nonni-nipoti-a-lezione-di-virus
Daniel Koch (Keystone)
Commento
27.04.20 - 20:020
Aggiornamento : 20:17

Nonni-nipoti, a lezione di virus!

Sarà importante che la nuova regola venga capita bene evitando che ciascuno la interpreti a modo suo

Durante una biciclettata del fine settimana, passando accanto al giardino di un palazzo, il mio sguardo è andato ad un tenero incontro fra due nonni seduti su una panchina e una coppia con un pargoletto di un anno o poco più, piazzatisi a qualche metro di distanza su una coperta stesa sul prato. L'immagine del dolce attimo fuggente mi ha fatto cogliere negli occhi dei due anziani la bellezza e la forza di quel momento di felicità, che avrà dato loro una grande carica anche per i giorni a venire. Mi sono voltato e ho detto a mia moglie, che seguiva pure lei in bici 'te vist?'. Distanti ma vicini, ci si può vedere anche così. E si apprezza.

Affermazioni fonte d'incertezza

Forse sono situazioni come queste che hanno indotto Mister coronavirus, Daniel Koch ad affermare che i nonni possono abbracciare i nipoti più piccoli senza rischiare nulla. Affermazioni di via libera che, se per lui sono logiche, per la maggioranza della popolazione sono piuttosto diventate fonte di incertezza. Ma come? Ci dicono che gli anziani devono essere tutelati al massimo, sia che vivano nelle case anziani che a domicilio, e adesso ci vengono a dire che possono tranquillamente incontrare - anche in modo ravvicinato - i nipoti, perlomeno sotto una certa età (l'asticella è post ai 10 anni), perché i giovanissimi non si contagiano e difficilmente trasmettono il contagio. Ovvero, riassumendo ci dicono che i nonni possono incontrare i nipoti formato baby; possono anche abbracciarli; ma non possono invece entrare in contatto con la generazione di mezzo (quella dei loro figli) perché potenzialmente più contagiosi. Quindi: il papà o la mamma che porta ai nonni i nipotini (‘ini’, eh) non deve avere contatti coi nonni, mentre i nipotini sì. Ribadiamolo: possono anche abbracciarli. Se però sono oltre i 10 anni, o adolescenti, torna il divieto.

Contraddizioni?

A questo punto, inutile andare a rileggere ciò che Koch aveva detto due settimane fa e verificare se vi sono (ci sono!) contraddizioni. Ci rinunciamo, anche perché ad un certo punto della conferenza stampa Mister coronavirus medesimo ha spiegato che 'quello che dico io oggi è quello che vale' e che 'non c'è nessuna contraddizione col prima, perché oggi ne sappiamo di più'. Capito? L'esperienza del virus in presa diretta è anche questo. Se così è, allora nulla da eccepire. Del resto ce lo hanno detto sin dall'inizio che di certezze col Covid ve ne sono poche, che molto si fonda ancora sull’osservazione, che spesso non permette di tirare conclusioni definitive in tanti ambiti. Ad esempio quello dell’immunità (c’è? e se sì, quanto dura?), oppure degli anticorpi, ecc.

Di fatto le nuove affermazioni di Koch complicano un tantino la gestione dei rapporti intergenerazionali, perché si passa (almeno così ci era parso di capire) da un divieto assoluto ad un'apertura, che però deve fare i conti con la generazione di mezzo. E deve fare i conti anche col principio di precauzione che ci ha spinti in questi due mesi a fare qualche passo indietro piuttosto che ad osare. Sarà importante che la nuova regola venga capita bene (peccato che la si sia saputa da una semplice intervista ad un fortunato giornale) evitando che ciascuno la interpreti a modo suo. Perché se un contagio dovesse passare dai figli ai nonni, per una visita gestita male, per tutta la famiglia i momenti belli potrebbero purtroppo trasformarsi in incubo.

TOP NEWS Opinioni
L'analisi
31 min
Piccoli sovranisti in soccorso dello zar
La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
2 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
3 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
3 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
4 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
5 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
6 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
1 sett
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile