laRegione
col-covid-verso-l-estate-nella-nebbia
Commento
21.04.20 - 19:470

Col Covid verso l’estate, nella nebbia!

L’incertezza ieri si è poi anche trasformata in una gelata doccia quando si è affrontato il tema caldo del turismo

Il sentimento che si fa largo in questi giorni (ma durerà anche nei prossimi mesi!) è quello dell’incertezza. Ieri, in ben tre appuntamenti con la stampa (a Berna, a Cazis/Grigioni e a Bellinzona) le autorità ci hanno fatto capire quanto sarà ancora lunga la strada. Lunga e incerta per riconquistare una nuova ‘normalità’. Già, perché la curva è sì scesa, ma nei Paesi che ci stanno attorno c’è chi sta meglio di noi (Germania e Austria), c’è chi sta peggio (Francia e Italia), ma lontano da noi, ci sono Stati, uno su tutti Singapore, che in un primo tempo erano andati molto meglio di noi (e hanno aperto dotandosi di mascherine e App), ma ora stanno di nuovo registrando preoccupanti dati in ascesa.

Incertezza

Incertezza quindi su come, dopo i primi timidi allentamenti, si riuscirà a tenere a bada per davvero la maledetta curva.

Parola d’ordine: piccoli passi, i cui effetti vanno verificati per decidere se aprire ancora o richiudere. Con gli allentamenti graduali (mantenendo le misure di igiene e di distanziamento ben note!) stiamo conoscendo anche nuovi concetti, quale quello di ‘protezione ad hoc’, a seconda dell’ambito sociale-professionale toccato. Un esempio? Il possibile ritorno a scuola. Come? Con classi dimezzate, con un turno al mattino e uno al pomeriggio? Con la possibile dispensa per docenti vicini all’età del pensionamento? Con regole ad hoc anche per i trasporti casa-scuola e le ricreazioni? Interrogativi in fase di discussione fra autorità politiche e scolastiche.

Turismo doccia gelata

L’incertezza ieri si è poi anche trasformata in una doccia gelata quando si è affrontato il tema caldo del turismo, che tocca in primis i Grigioni, ma anche il nostro cantone. Citiamo due soli dati: il primo sono le previsioni bernesi per una ripresa del turismo a livello nazionale solo a partire dal 2022! Per quest’anno è prevista una diminuzione del fatturato nel settore del 25/35%. Una mazzata, abbinata al fatto che per le grandi manifestazioni (festival, open air, ma mettiamoci anche le manifestazioni sportive) si deciderà sul ‘se e come’ solo nei prossimi mesi. Molto più in là, quando (a luglio? in agosto? in settembre? Mah...) non è ancora dato sapere, si entrerà nella fase tre, visto che tali appuntamenti, come intuibile, sono ad alto rischio di contagio. Ma, ancora una volta, tutto dipenderà da come si comporteranno i numeri del virus in queste settimane di fase 1 e 2. Vero è che, se queste manifestazioni verranno cancellate o slitteranno, mancherà anche il carburante (i turisti) necessario per riempire alberghi e ristoranti. E, non da ultimo, per questi ultimi non è neppure detto che, anche se vi dovessero essere durante l’estate delle manifestazioni, i turisti marcheranno presenza. Insomma, i punti interrogativi sono una foresta.

E pensare che – fino all’altroieri – eravamo abituati ad avere soluzioni a portata di mano per quasi tutti i problemi, compresi quelli di salute…

Ora l’unica certezza (sonante) sono i miliardi che per fortuna la Svizzera e il Ticino sono in grado di distribuire grazie a casse pubbliche amministrate oculatamente. Per il resto, cari amici, siamo ancora nella nebbia.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile