laRegione
(Ti-Press)
La testimonianza
24.03.20 - 20:390
Aggiornamento : 21:27

Marco Solari: Ho sentito il sibilo della falce

Sono state giornate difficili e intense, in cui mi sono sentito vicino nel pensiero a chi sta ancora soffrendo e a chi ha perso congiunti e amici cari.

Sono stato dimesso oggi da La Carità di Locarno dopo avere contratto il coronavirus: sono state giornate difficili e intense, in cui mi sono sentito vicino nel pensiero a chi sta ancora soffrendo e a chi ha perso congiunti e amici cari.

Sono pieno di riconoscenza per i medici, le infermiere e gli infermieri, il personale curante e gli inservienti di La Carità che – come succede certamente nelle altre cliniche dell’EOC – stanno lavorando fino al limite delle loro forze mantenendo gentilezza e sorriso e, malgrado il tragico momento, una certa gioviale seppur consapevole allegrezza d’animo. Ammirevole!

Ho sentito il sibilo della falce a pochi millimetri. Questo mi permette di dire quanto sia rimasto sorpreso dalle centinaia di mail, sms e Whatsapp che mi sono state inviate in questi giorni alle quali vorrei rispondere singolarmente, ma sono troppe. Persone conosciute e persone che lo sono meno sia in Ticino, sia in Svizzera e persino dall’Italia, paese che sta soffrendo in modo indicibile.

Per chi come me ha dovuto difendere per decenni, giorno per giorno le proprie convinzioni e le proprie azioni contro attacchi sovente violenti, e inopportunamente personali, il fatto di ricevere così tante testimonianze d’affetto, non può che lasciare un senso di profonda gratitudine e un incoraggiamento, appena ristabilito, di ricominciare a lavorare pienamente per la riuscita del Locarno Film Festival e degli Eventi letterari al Monte Verità asconesi insieme con i Consigli responsabili e le squadre operative e artistiche dei rispettivi eventi locarnesi.

TOP NEWS Opinioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile