laRegione
con-laregione-sulla-cresta-dell-onda
Commento
09.03.20 - 06:000
Aggiornamento : 18.06.20 - 10:58

Con laRegione sulla cresta dell'onda

Chi non cambia, diceva un antico adagio, arruginisce. Noi cambiamo così...

Cari lettori, oggi vi trovate in mano un giornale un po’ diverso da quello che siete abituati a sfogliare.

Lo sappiamo, cambiare talune abitudini anche nella lettura di un fedele compagno può inizialmente sorprendere un po’. “Ma perché e per come mutare veste? Andava bene così”.

La nostra risposta, semplice e schietta, è questa: i tempi cambiano, e ultimamente lo fanno abbastanza rapidamente e repentinamente. Nel mondo dell’informazione poi… siamo al centro del vulcano di tante trasformazioni epocali. L’informazione la si consuma oggi in diversi modi. Accanto alla fruizione tradizionale, che arriva nelle vostre bucalettere e nei ritrovi pubblici sottoforma di giornale cartaceo in mattinata, ce ne sono altre che ben conoscete. Appena alzati, con un clic sul telefonino già sapete di buonora cosa è successo nella notte, o il mattino presto. Ebbene, per esaudire queste vostre e nostre nuove esigenze, da qualche mese abbiamo sensibilmente aumentato le informazioni che liberiamo in rete e che vi arrivano sullo smartphone, sul computer e attraverso i social.

Informazioni anche a pagamento

Informazioni che saranno in parte anche a pagamento, o ottenibili su abbonamento perché l’informazione di qualità ha un valore e un costo. Se tale vuole rimanere (e tale rimarrà!), deve poter contare su entrate che rifondano le risorse iniettate per produrla. Nel corso della giornata i nostri contenuti giornalistici, aggiornati sino all’ultimo minuto, verranno inseriti anche sulle pagine del giornale cartaceo. laRegione – a questo punto ve ne sarete già accorti – trasformandosi ha quindi optato anche per un restyling grafico.

Più leggibile e compatibile con l'online

Lo abbiamo fatto per riuscire a renderla più leggibile e più compatibile col lavoro che la redazione fa anche sul fronte online. Per questo è stata introdotta una maggiore verticalità (che richiama il modello di fruizione delle notizie online) e si è fatta la scelta di pubblicare notizie principali e approfondite (un paio per pagina) e notizie secondarie (che accolgono segnalazioni o notiziette). Abbiamo anche deciso di portare all’inizio del giornale gli avvenimenti di estero e di Svizzera, iniziando dai fatti del mondo per poi accompagnarvi nelle altre notizie giù giù verso quelle che più leggete: di cantone, cronache locali, sport e cultura.

Cronaca e approfondimenti

Il tutto – basti vedere il giornale di oggi – senza dimenticare gli approfondimenti vari, in pagine monotematiche (oggi ve ne proponiamo una di Svizzera con riferimento al tema forte delle multinazionali responsabili in discussione alle Camere federali in sessione) e una doppia pagina di approfondimento che analizza quando è meglio spostarsi coi mezzi pubblici o con quelli privati, oltre agli immancabili approfondimenti del difficile momento sul coronavirus che anche nelle ultime due settimane ci hanno occupato molto.

laRegione con tutta la sua dinamica squadra continuerà ad impegnarsi per offrire contenuti giornalistici di qualità. Ciò che cambia è il fatto di essere in grado di farveli pervenire già nel corso della giornata, attraverso il canale che voi preferite, adattato all’evoluzione in corso. Volete saperne di più? Non mancate di dare un’occhiata anche al video. E non esitate a farci sapere cosa ne pensate. Chi non cambia, diceva un vecchio adagio, arrugginisce. Ai giorni nostri poi… Quindi, avanti tutta sulla cresta dell’onda e buona lettura!

TOP NEWS Opinioni
L'analisi
18 min
Piccoli sovranisti in soccorso dello zar
La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
2 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
3 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
3 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
4 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
5 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
6 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
1 sett
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile