laRegione
coronavirus-viva-l-autocertificazione
Ti-Press
Commento
27.02.20 - 11:480
Aggiornamento : 13:01

Coronavirus, viva l'autocertificazione!

Se serve al Governo potrebbe anche servire a chi svolge un qualsiasi altro lavoro ed entra in contatto con altri colleghi di lavoro

Mercoledì il Governo ha convocato i giornalisti nella sala stampa di Palazzo delle Orsoline per aggiornare la popolazione sull’argomento del coronavirus in Ticino. 

Ad attirare da subito l’attenzione è stato un dettaglio del messaggio di convocazione. Precisamente la richiesta di un’autocertificazione (termine scritto in neretto) accompagnata dalla seguente giustificazione: ‘ai rappresentanti dei media, che parteciperanno alla conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline, verrà chiesto di autocertificare che dopo il 10 febbraio 2020 non si sono recati nelle cosiddette ‘Zone rosse’ di contagio situate nel nord dell'Italia o in loro prossimità e che non sono nemmeno entrati in contatto con persone di ritorno da queste zone. L’autocertificazione verrà richiesta direttamente all’entrata della sala stampa’.

Bene mi son detto, segno che in conferenza stampa verranno finalmente comunicate misure molto concrete preventive per cercare di arginare il più possibile il virus. E effettivamente le misure – che però potevano benissimo essere decise con almeno un giorno di anticipo – sono arrivate. Ci riferiamo allo stop imposto ai carnevali e alle porte chiuse per le partite di disco su ghiaccio sino a domenica.


Valeva solo per il governo

E l’autocertificazione? Di quella no, non se ne è parlato. Valeva solo per il governo e i giornalisti che si sono incontrati alla conferenza stampa. Messa così suona male: a prima vista sembrerebbe che esecutivo, medico cantonale e funzionari presenti alle comunicazioni stampa si vogliano tutelare da possibili esposizioni al contagio. In realtà, si è voluto evitare che qualche kamikaze mass mediatico proveniente direttamente da uno degli epicentri italiani volasse a Bellinzona. Fatto successo proprio il giorno prima!

Idea interessante 

Però, l’idea ci è parsa interessante: perché quindi non usarla rivolgendo un esplicito analogo invito all’autocertificazione a chiunque rientri al lavoro dopo le vacanze di carnevale precisando – usiamo le stesse parole del comunicato governativo – che dopo il 10 febbraio 2020 il collaboratore che si reca al lavoro non ha soggiornato nelle cosiddette ‘Zone rosse’ di contagio situate nel nord dell'Italia, o in loro prossimità, e non è nemmeno entrato in contatto con persone di ritorno da queste zone. L’autocertificazione verrà richiesta direttamente al collaboratore al rientro sul posto di lavoro’.

Se serve al Governo nei contatti ravvicinati con la nostra categoria, per il medesimo motivo potrebbe servire anche a chi svolge un qualsiasi altro lavoro e entra in contatto con altri colleghi.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile