laRegione
la-fabbrica-cina-rallentata-da-un-virus
(Keystone)
Commento
14.02.20 - 06:300

La fabbrica Cina rallentata da un virus

La situazione sanitaria sembra in miglioramento, ma l’impatto sull’economia globale potrebbe essere elevato

Le principali società e banche d’investimento – da Goldman Sachs in giù, per citarne una su tutte – stanno facendo a gara per diffondere report rassicuranti circa le conseguenze del coronavirus sull’economia cinese. Non appena l’epidemia sarà contenuta o ne sarà annunciata una cura – è il tenore delle analisi – le attività economiche e commerciali riprenderanno come e più di prima. Insomma, il fatto di aver messo in ferie forzate milioni di persone oltre il tradizionale periodo di vacanze di fine anno lunare, per gli analisti finanziari non dovrebbe arrecare gravi danni alla crescita economica, né cinese, né internazionale. Una visione ottimista che contrasta con quanto le autorità cinesi hanno messo in atto in queste settimane: un cordone sanitario attorno a un’intera provincia di 60 milioni di abitanti (quanto l’Italia, per intenderci) e la costruzione in tempi record di un grande ospedale nella città più colpita dalla malattia (Wuhan, capoluogo della provincia di Hubei).

All’inizio dell’epidemia, complice anche la decisione dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che aveva escluso l’ipotesi di classificarla come pandemia globale, eventi come la quarantena e l’isolamento militare delle città della Cina centrale erano apparsi ai nostri occhi poco più che una manifestazione di iper-cautela da parte del governo cinese dopo l’esperienza disastrosa della Sars nel 2003; quasi l’espressione della volontà di stupire il mondo con la capacità organizzativa della sua classe dirigente. A distanza di alcune settimane la situazione appare più critica e preoccupante. I morti, lo ricordiamo, sono più di mille, quasi tutti in Cina, e i contagiati più di 40mila.

In molti rapporti si legge un rassicurante confronto tra la mortalità del coronavirus (2-2,5% dei contagiati) rispetto a quello della Sars (10% dei contagiati) o di Ebola (90%). Secondo l’economista Marcello Esposito (Università di Castellanza), quello che non viene considerato è che per determinare la pericolosità di un virus quello che conta è un doppio parametro: la ‘letalità’ moltiplicata per la ‘contagiosità’. “Un virus come l’influenza ‘normale’ – scrive Esposito –, nelle sue molteplici varianti, ha una contagiosità molto elevata, ma una letalità molto bassa. Da ottobre a oggi, per fare un esempio, negli Stati Uniti si stima che circa il 5% della popolazione si sia ‘influenzato’ (18 milioni), ma la letalità è stata dello 0,07%, quindi 25 volte inferiore a quella del coronavirus. Giusto per ribadire che il primo problema del Covid-19, secondo la classificazione data dall’Oms al virus, è di tipo sanitario. Le persone muoiono prematuramente ed è già questo un costo umano di per sé”.

Questo vuol dire anche che per calcolare l’impatto economico di un virus sulla spesa pubblica, sui consumi privati e la produttività di un sistema economico bisognerebbe anche calcolare la probabilità di dover ricorrere a cure ospedaliere e avere conseguenze sulla salute invalidanti o croniche. Insomma, un conto è avere 10 milioni di persone che si ammalano per qualche giorno e che si curano da sole a casa, un altro è averne 100mila costrette a ricorrere a ricoveri ospedalieri e in isolamento.

Fatte queste premesse, non bisogna dimenticare che l’economia cinese vale circa il 20% del Pil mondiale. Se dovesse verificarsi lo scenario peggiore, ovvero quello di non riuscire a contenere la diffusione del coronavirus in tempi ragionevoli, una frenata brusca del gigante asiatico è praticamente inevitabile, con conseguenze su tutta la filiera produttiva di interi settori economici fuori dalla Cina, che hanno nelle imprese cinesi i fornitori e i clienti principali.

TOP NEWS Opinioni
L'analisi
2 ore
Lukashenko pronto a tutto per sopravvivere
Il presidente bielorusso 'ruba' le elezioni e sfida anche la Russia
Commento
1 gior
Bentornata, scuola: quanto ci sei mancata
La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: una funzione primaria che purtroppo è venuta meno per diversi mesi
Commento
2 gior
Mpc e Tpf, tornino protagonisti inchieste e processi
Dalla magistratura penale federale i cittadini si aspettano risultati investigativi e sentenze, soprattutto sui dossier importanti. Non (presunti) casi di mobbing interni
L'analisi
2 gior
Il giorno della rabbia nella tragedia libanese
Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile
Commento
4 gior
Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi
Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
5 gior
L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale
La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
6 gior
Il Libano era in ginocchio, ora è steso
La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
1 sett
Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)
Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
Commento
1 sett
Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema
Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema
Commento
1 sett
Ha vinto lo Young Boys, ma pure il Lugano
I bernesi hanno griffato l'infinita Super League 2019/2020 con il loro terzo titolo filato, ma anche la quinta salvezza consecutiva dei bianconeri non è da sottovalutare
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile