laRegione
l-umanita-alla-prova-del-5g-oltre-i-complottismi
L’umanità oltre il 5G
Commento
12.02.20 - 06:300

L’umanità alla prova del 5G (oltre i complottismi)

Quello di cui abbiamo bisogno è una riflessione sulle vere sfide del 5G, tra fiducia verso le istituzioni e trasformazioni sociali. Al di là delle tifoserie

E se provassimo, per una volta, a parlare di 5G andando al di là di antenne, potenza delle emissioni, lunghezze d’onda, cancerogenicità, moratorie? Soprattutto, andando al di là del gioco “sei favorevole o contrario”, buono per il tifo sportivo e non per un serio dibattito pubblico? È quello che gli amici della Fondazione Möbius e della Biblioteca cantonale di Lugano hanno tentato di fare lunedì sera, invitando Fulvio Caccia e Graziano Martignoni, con l’idea, appunto, di ampliare lo sguardo su un tema che ormai non è più solo tecnologico.

Un incontro interessante, anche se l’aspirazione a una discussione seria sull’argomento si è purtroppo rivelata illusoria – e non tanto per la presenza, peraltro ben gestita dai moderatori, della rumorosa minoranza degli oltranzisti anti 5G con le loro “ricerche non ufficiali”, onde millimetriche, alberi abbattuti eccetera. Il vero problema, piuttosto, è quello di aver forse guardato troppo lontano, abbracciando un panorama così ampio che, grazie anche all’erudizione dei due oratori, è stato fin troppo facile perdervisi.

Proviamo allora a condensare il tema intorno a due concetti-chiave.

E il primo di questi concetti-chiave è certamente la fiducia: la sensazione, seguendo l’incontro, è che le (preziose) informazioni tecniche – su onde elettromagnetiche, regolamentazioni ed effetti sulla salute – presentate da Caccia siano un po’ cadute nel vuoto. Perché complesse, perché anche a chi piace il progresso spesso sono oscuri i metodi e i tempi della ricerca scientifica. Resta la fiducia: nelle istituzioni nazionali e internazionali che vagliano e valutano l’imponente mole di ricerche spesso contraddittorie – e ci potremmo aggiungere anche la fiducia verso associazioni, aziende, cittadini. Fiducia non vuol dire fede cieca e incondizionata. Non si tratta, quindi, di accettare in silenzio quanto affermato o imposto da qualcuno, ma di riconoscerne l’autorevolezza (e i limiti di questa autorevolezza). Di fronte alla crescente complessità della nostra società, diventa sempre più importante saper valutare correttamente chi e quanto è meritevole di fiducia.

Il secondo punto – e penso qui all’intervento di Martignoni – riguarda il rapporto tra umanità e tecnologia. Risparmiandovi le citazioni heideggeriane, è indubbio che molte innovazioni ridefiniscano la nostra società e quindi la nostra idea di umanità. È sempre avvenuto così e se devo pensare alla tecnologia che più ha cambiato la natura umana, più che a computer e cellulari mi viene in mente la scrittura. Tuttavia oggi assistiamo a un’accelerazione che rende difficile, almeno per parte della popolazione, trovare un proprio equilibrio. Ma la risposta non può essere il pensiero nostalgico verso un passato creduto “più autentico” e in realtà mai esistito perché immaginato in base a (comprensibili) timori: è questo un atteggiamento altrettanto sciocco dell’acritica accettazione della retorica del progresso morale dell’umanità attraverso la tecnologia, purtroppo unica risposta delle aziende di telecomunicazione alle perplessità di parte della popolazione. La sfida del 5G non è il numero di dispositivi connessi per chilometro quadrato, ma la nostra capacità di riflettere, come società, sulle trasformazioni che la tecnologia comporta. Ma è un ragionamento difficile, se ci si ferma a sragionare di onde elettromagnetiche killer, morie di insetti e uccelli, verità nascoste da una potente congiura globale – ovviamente smascherata da uno studente che aveva due ore libere – e via elencando bufale e complottismi che purtroppo non mancano, nel dibattito sul 5G.

TOP NEWS Opinioni
Commento
6 ore
La nostra scuola in presenza e presente!
A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
6 ore
Premi malattia, una stangata evitabile
I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
1 gior
Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione
Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
1 gior
Paura batte cultura? Grosso problema!
Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
1 gior
In Italia ha vinto il sì. A che cosa?
Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
2 gior
Piccoli sovranisti in soccorso dello zar
La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
4 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
4 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
5 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
5 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile