laRegione
ricorso-a-losanna-che-non-diventi-un-vizietto
Commento
09.02.20 - 19:420

Ricorso a Losanna? Che non diventi un vizietto!

Dalla non rielezione di Filippo Lombardi alla bocciature dell’iniziativa Ghiringhelli

Rieccoci: le urne si chiudono sul filo di lana, il risultato non piace a una parte ed ecco che scatta il ricorso al Tribunale federale. Una volta perché alle elezioni federali di autunno non si sarebbe permesso (da parte di certi comuni) a tutti i connazionali che vivono all’estero di esercitare per tempo il diritto/dovere di voto. Un’altra volta, oggi, perché a dire del ‘Ghiro’ – (all’anagrafe Giorgio Ghiringhelli) – il Governo nel suo opuscolo informativo avrebbe inserito informazioni ‘false, illegali e tendenziose’. Lui si aspettava di farcela con le mani ‘in sacoccia’, ipotizzando – sono parole sue – di ‘vincere con un consenso di voti superiore al 60%’. E, a dire il vero, pensavamo pure noi che vincesse. L’esito è invece stato a lui sfavorevole, sebbene con un margine estremamente esiguo. E allora il Ghiro, mastica amarissimo, e decide a schede ancora calde di rimontare sulle barricate e chiamare in causa Losanna.

In autunno la scena era stata un tantino diversa: alla clamorosa estromissione alle urne del senatore uscente Filippo Lombardi, il Ppd per bocca del suo presidente aveva subito detto che avrebbe in ogni caso rispettato il verdetto dei seggi. Salvo poi materializzarsi – per carità quale privatissimo cittadino! – un avvocato non propriamente sconosciuto, che fra le altre cose occupa pure uno scranno per il medesimo partito di Lombardi nel legislativo di Mendrisio. Detto fatto, ha indossato la giacchetta del privato cittadino e ha ricorso al Tribunale federale contro l’elezione agli Stati di Marina Carobbio e Marco Chiesa per una manciata di schede e la storica débâcle del Ppd.
Tattica leggermente diversa quella usata ieri da Ghiringhelli (visto che lui ci ha messo tranquillamente la faccia), ma lo scopo è lo stesso: portarci a rivotare.

A questo punto, non ci resta che attendere il verdetto: i tribunali, a volte stupiscono, perché possono magari considerare aspetti, ritenuti dai più marginali, quali essenziali, e possono allora sorprendentemente rivoltare la frittata. Ovvero, nel nostro caso, riportarci alle urne sul tema della legittima difesa.

Se così invece non fosse – ovvero se i giudici di Losanna dovessero confermare la regolarità del voto e constatare che i ricorsi erano chiaramente destituiti di fondamento – sarebbe anche opportuno facessero una riflessione sui costi arrecati alla giustizia, addebitandoli ai ricorrenti. Perché non vorremmo che il riflesso del ricorso facile facile (appena un risultato è tirato si trova un motivo per partire lancia in resta a Mon Repos) cominci a diventare un antipatico vizietto.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile