laRegione
dobbiamo-preoccuparci-del-coronavirus
Commento
23.01.20 - 06:300

Dobbiamo preoccuparci del coronavirus?

Per ora ascoltiamo con attenzione chi fornisce informazioni utili e non lasciamoci spaventare da chi potrebbe anche avere interesse a farci paura

Dobbiamo preoccuparci del coronavirus? Certo che sì, ma… Ma dobbiamo farlo informandoci in modo corretto ed intelligente. E ciascuno deve farlo senza esagerare, mantenendo i piedi piantati per terra a seconda delle proprie competenze.

I primi a doversi preoccupare – e lo stanno facendo – sono le autorità sanitarie dei vari Paesi, a partire, in vero – dopo qualche tentennamento iniziale – da quelle cinesi. A Xi Jinping e compagni il compito di monitorare e circoscrivere il diffondersi del virus che, purtroppo, si manifesta in un periodo particolare. In queste settimane infatti in Cina milioni di persone si spostano per il loro Capodanno. Movimenti di massa che non facilitano di certo il compito dei ‘pompieri’ dell’epidemia chiamati a contenere i vari focolai.

Ma, siccome non è la prima volta che ci troviamo confrontati con allarmi sanitari planetari (Sars, aviaria…), sappiamo già più o meno cosa dobbiamo fare: prima di tutto capire bene di che si tratta, e poi capire – col trascorrere delle settimane e a causa della mobilità accresciuta – se il flagello ha davvero possibilità di arrivare anche da noi. E, comunque, sapere quali sono eventualmente le precauzioni da adottare nei contatti fra le persone. Tutte informazioni che le autorità, da quelle europee a quelle nazionali giù giù sino a quelle cantonali, stanno dando e daranno con maggior intensità se davvero dovesse esserci un qualche rischio di contagio (anche remoto) nel nostro Paese.

Raccomandazioni

Andando a memoria, nelle scorse emergenze – che non sono mai state tali – le raccomandazioni erano sempre le stesse: lavarsi sempre bene le mani, tossire o starnutire lontano dagli altri e possibilmente mettendosi il fazzoletto sulla bocca e sul naso, evitare gli assembramenti, in certi luoghi portare la mascherina.

È soprattutto una questione di responsabilità personale da tutti i punti di vista. Anche nel diffondere o nell’andare a ricercare informazioni. Oggi è facilissimo: basta un clic sul telefonino e la storia vera, ma che non può far testo o quella molto al limite, la si trova sempre. Se poi c’è in giro un nuovo virus e se l’emergenza ha preso avvio in un Paese che controlla a piacimento l’informazione, anche nascondendo massacri di piazza…

Capire e non cedere alla psicosi

Per tornare alla domanda iniziale, quindi: sì, dobbiamo preoccuparci per capire bene quello che sta succedendo, senza però cedere alla psicosi. Non tanto perché ne uccide di più la ‘normale’ influenza, quanto piuttosto perché abbiamo fiducia nelle nostre autorità sanitarie, che, già confrontate con altri allarmi simili, ci hanno sempre detto per tempo se e cosa fare.

Poi ci saranno sempre quelli che andranno a comperare questo o quel medicamento – ricordate il famoso Tamiflu al momento dell’aviaria? – facendo fare affaroni a case farmaceutiche e farmacie, anche se col senno di poi si rivelò inefficace.

Certo, ci sarà anche chi comincerà a fantasticare che se arriva questa o quell’emergenza è pronto a ritirarsi sui monti a fare vita da eremita finché tutto passerà. O ci sarà anche la volta che la pandemia arriverà per davvero.

Nessuno lo può escludere e, del resto, in questo mondo sempre più connesso e solcato da voli aerei cosa ci aspettavamo? Ma per ora ascoltiamo con attenzione chi fornisce informazioni utili e non lasciamoci spaventare da chi potrebbe anche avere interesse a spaventarci.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile