laRegione
Greta Thunberg ieri a Losanna (Keystone)
DISTRUZIONI PER L'USO
18.01.20 - 06:200
Aggiornamento : 19.01.20 - 02:08

Clima a buon mercato, o del climapiattismo economico

Anche la discussione sui mercati e l’ambiente rimane ostaggio di argomenti-fantoccio

Gli anglosassoni lo chiamano ‘straw man argument’, argomento-fantoccio. Consiste nel confutare le tesi altrui proponendone una rappresentazione distorta, e si direbbe l’ultima moda presso i media più avversi a Greta e compagni. Messo un po’ da parte il tentativo di sollevare dubbi sull’origine umana del cambiamento climatico – millantando studi travisati e divisioni immaginarie nella comunità scientifica – si è passati al vudù sul pupazzo degli ecologisti, rappresentati come facinorosi comunistoidi che vorrebbero ridurci in cenci, pur di avere un po’ d’aria pulita. Così, ad esempio, Carlo Rezzonico sul ‘Corriere del Ticino’ ritiene “assurdo” che “le richieste di provvedimenti rapidi”, pur “sacrosante”, “si incanalino su partiti e movimenti che promuovono la pianificazione o forti interventi statali nell’attività produttiva”. Ci va ancora più pesante Fabio Pontiggia, che di fronte al movimento per il clima dice di “temere fortemente per la nostra libertà” – ossignùr! – perché “quando le idee diventano dogmi, a rimetterci è sempre la libertà”: “Visioni integraliste, unilaterali e liberticide”, che vorrebbero “rimettere in discussione nelle sue fondamenta” l’apertura e l’integrazione dei mercati.

Autocritica

Ora: è vero che una parte del movimento si sovrappone all’ala più radicale della sinistra, con le sue utopie e le sue pulsioni anticapitaliste. Ed è altrettanto vero che a volte, nelle piazze, prevale una logica del “noi contro loro” che demonizza in toto governi e imprese. Resta il ruolo fondamentale della mobilitazione nel fare i conti con vizi e consumi individuali, contribuendo a una consapevolezza della quale ricordo pochi e sghembi precedenti. Si chiama autocritica: mettersi le mani sulle orecchie per non ascoltarla mi pare nel migliore dei casi infantile, tartufesco nel peggiore.

Né si può confondere la richiesta di nuove regole con chissà quale smania da piani quinquennali, a meno di bersi una rappresentazione caricaturale della libertà di mercato: quella che mette in antitesi Stato e impresa privata. Un “pensiero magico” derivato da economisti ormai screditati come Milton Friedman, secondo il quale i mercati si auto-regolano e allo Stato spetta solo il dovere di far rispettare contratti e proprietà privata (approccio che “ci rese ciechi di fronte all’evidente realtà che tutte le economie di successo sono, di fatto, delle economie miste”, ricordava qualche anno fa da Harvard Dani Rodrik). 

Un’inutile melina

Comunque lo si rigiri, il problema resta: a cambiare il clima è quello stesso sistema economico che ha saputo creare – e diffondere – una ricchezza senza precedenti. E quindi il rischio che si creino degli aut-aut fra politiche climatiche e sviluppo economico è strutturale, non si può liquidare come leggenda nera propalata dalla sinistra più luddista. Viste così, anche le contestazioni contro le banche che speculano su settori inquinanti appaiono correttive più che distruttive: ché anche da lì dovranno venire le scelte d’investimento utili a sviluppare nuove forme di agricoltura, di industria, di trasporto. Che su ciò “il mondo ricco” stia “eludendo i suoi doveri” lo dice perfino l’Economist.

Questo far melina è anzitutto un problema di azione collettiva: i benefici di emissioni ridotte saranno sentiti solo dalle generazioni future, mentre i loro costi vanno pagati oggi; allo stesso tempo, ognuno ha un vantaggio ad aspettare che siano gli altri a muoversi e a pagare per quel cambiamento. Questo vale soprattutto per i Paesi più sviluppati, che possono permettersi di proteggersi dalle conseguenze climatiche invece di prevenirle: se fa caldo e hai i soldi, ti costa meno comprare un condizionatore d’aria oggi che un clima migliore domani.

Il rischio è un fallimento di mercato da manuale. Proprio per questo servono non solo nuove tasse, ma anche nuove regole per la produzione e gli scambi. Regole dettate da scelte politiche, il più possibile condivise: non per uccidere il mercato, ma per salvarlo (insieme a molto altro). Gli argomenti-fantoccio e i pistolotti su libertà e responsabilità sociale d’impresa, invece, servono solo a intorbidare le acque. E a rimandare un dibattito serio.

TOP NEWS Opinioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile