laRegione
il-passo-di-harry-e-mehgan-viva-la-repubblica
Commento
11.01.20 - 06:000
Aggiornamento : 09:50

Il passo di Harry e Mehgan: viva la Repubblica!

Certo che se avessero rinunciato anche ai titoli nobiliari sarebbe stato meglio!

Non è passato inosservato il desiderio espresso da Harry e Meghan di rinunciare al ruolo pubblico reale, di diventare economicamente indipendenti e di levare parzialmente le tende dall’Inghilterra. Ma come? Uno sogna d’essere il duca o la duchessa di Sussex, di non doversi più alzare la mattina per andare a lavorare e non dover più fare due conti con un occhio a fine mese, e questi, che duchi coi piedi al caldo lo sono davvero, che fanno? Rinunciano bellamente ad alcuni privilegi (non tutti!) e scelgono di guadagnarsi da vivere autonomamente.

Gli scettici sono pronti a vedere se ce l’hanno raccontata tutta giusta: cioè se papà Carlo continuerà o meno (magari dietro le quinte) a sostenerli finanziariamente e fino a che punto abbiano tagliato il cordone ombelicale che li lega a nonna Elisabeth. Di fatto non sono stati privati dei titoli reali. Detto altrimenti: il salto canadese è di quelli con o senza rete?

Ma l’aspetto centrale è però un altro. La loro scelta è quella di chi, cambiando vita, di fatto decide che quella reale esistenza, da tanti considerata fiabesca (e nella quale altri loro consanguinei sono rimasti intrappolati), non fa per loro. È una prigione dorata dalla quale Harry e Meghan hanno avuto (e bravi!) il coraggio di fuggire con un gesto gordiano di emancipazione: il Megexit. Una stangata alla corona britannica davanti alla quale non sappiamo reprimere un convinto ‘evviva la Repubblica!’. Un evviva che, se avessero rinunciato ai titoli nobiliari, sarebbe stato ancor più convinto. Ma non disperiamo…

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile