laRegione
che-simpatici-quei-tre-magi-e-la-sdentata-befana
Commento
04.01.20 - 18:350

Che simpatici quei tre Magi e la sdentata befana!

Al lavoro! Con loro termina il lungo periodo di festa e tranquillità che ci ha permesso di staccare la spina

Sarà perché hanno sempre scandito il ritorno alla normalità, ma la befana (un tantino inquietante con quella scopa, le calze spaiate, il suo nasone e la discesa dal camino) e soprattutto i Re Magi non mi sono mai piaciuti molto. Perché la normalità post Epifania ha sempre significato brusco atterraggio sulla pista del vecchio tran tran e, da bambino, anche ritorno sui banchi.

I festeggiamenti di San Silvestro e, accipicchia, il Natale, quelli sì che erano (sono) bei momenti da vivere in famiglia e in allegra compagnia! E poi i Re Magi (io ho in mente quelli di Morcote) arrivavano la sera quando quasi all’improvviso comparivano dal lago con le facce pitturate di scuro, carichi doni e orientale mistero. Li stavi ad ascoltare un po’ col cuore in gola dando ben stretta la mano ai tuoi. Perché non si sapeva mai…

Ma al di là del loro significato religioso e storico-culturale (il fatto di rappresentare tradizioni e continenti diversi), realtà che oggi tocchi quotidianamente con mano per strada (40 anni fa molto meno), coi Magi finiva – come finisce oggi – il lungo periodo di festa e tranquillità che ti fa staccare la spina. Dopo il loro passaggio risuonava così la campanella e si riprendeva ad alzarsi presto, a dover fare i compiti, mentre era così bello starsene a casa a giocare senza orari da rispettare.

Poi però lo si impara: come tutte le cose, anche quelle belle hanno un inizio e una fine. La ruota continua a girare e arrivano periodi più impegnativi, che poi ti fanno nuovamente apprezzare altri giorni liberi e spensierati sul calendario.

Crescendo capisci anche molto bene che senza darsi da fare non si ha nulla; che il vivere costa giustamente fatica; che alcune conquiste che dai per scontate (come la scuola pubblica) sono costate battaglie politiche e hanno permesso a un certo punto a intere generazioni di formarsi ed emanciparsi, anche se oggi a taluni paiono ovvie e banali.

Eh sì, a ben guardare, rispolverando gli almanacchi vecchi alle mie spalle, quei tre Magi e pure la sdentata Befana mi stanno tornando simpatici. In fondo il (saggio) ritornello è vecchio: otium et negotium…

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile